HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Un finale di stagione aperto, come le prospettive. In che direzione andranno le 6 grandi? A partire dagli allenatori...

03.05.2018 06:55 di Luca Marchetti   articolo letto 18850 volte
© foto di Federico De Luca

Ora che tutto sta per finire e che alcune cose sono in via di definizione, allora si cominceranno a muovere anche le prime pedine.
La vetrina spetta naturalmente alle prime della classe. Juventus e Napoli. Da dove iniziamo? Per dovere di classifica dai bianconeri. Se dovesse arrivare, come pare, il settimo scudetto di fila, il quarto dell’era Allegri, la Juventus sarebbe davanti al solito dubbio, forse quest’anno più forte che mai... come ridare vigore e “fame” a un gruppo che ha vinto tanto e che in alcuni dei suoi giocatori è arrivato a fine corsa? Bisogna rinfodare, ricostruire. Come la Juventus è stata capace di fare in questi sette anni in almeno 3 circostanze. Ora è arrivato il momento anche della vecchia guardia, che per motivi anagrafici, non ne ha più. In cinque hanno vissuto tutti e questi sette anni (con i sette titoli consecutivi ad un passo): Buffon, Barzagli, Chiellini, Lichtsteiner e Marchisio. Non rimarranno tutti, anzi. In più ci sono anche gli altri (come Asamoah) che hanno già deciso di lasciare. Ci saranno Caldara e Spinazzola, molto probabilmente Emre Can. Forse Darmian. Ma non basteranno. Soprattutto se la Juve vuole inseguire ancora il bersaglio grosso. Ed è qui che si giocherà molto della programmazione con Allegri: può anche rischiare (dopo aver vinto tanto) di diventare il primo allenatore a non riuscire a vincere ma nell’ambito di una riflessione collettiva sul concetto di rifatare per ripartire. Prendersi il rischio di un anno da protagonisti, ma non assoluti. Proprio per prendere la rincorsa e tornare ad essere magari ancora più competitivi. Accettare questa sfida deve essere condiviso da tutti, altrimenti c’è il rischio che comunque vada quest’anno le strade possano dividersi.
Concetto esasperato ancora di più a Napoli. Sarri fondamentalmente deve decidere cosa fare. Se sposare il progetto De Laurentiis, con tutti i pro e tutti i contro, per poter continuare a dare a Napoli una crescita che non significa per forza vincere lo scudetto ma avere ogni stagione le stesse chanches, o magari perché no aumentarle... costruire un nuovo Napoli, consapevoli che questo è arrivato a fine ciclo (Callejon, Mertens, Hamsik, Reina). Sicuramente partendo da un’ottima base ma rimettendosi anche qui in discussione. Difficile prevedere ora un altro patto per lo scudetto. Più facile vedere le solite manovre per cercare di stanare “l’avversario” nella trattativa per il rinnovo.
Meno dubbi in casa Lazio (sempre che qualcuno non arrivi per portare via Simone Inzaghi) o in casa Inter. Certo che andare in Champions o meno pesa eccome, ma nel contesto di una stagione giocata punto a punto non può essere un particolare a definire il futuro di un progetto. Certo, alla fine, soprattutto in casa Inter, qualcuno dovrà porsi degli interrogativi per cercare di non ripeterli. Ma il punto (o i pochi punti) che mancheranno si potranno trovare dappertutto. L’importante è essere onesti e capire l’errore. Possano stare tranquilli i tifosi di entrambe le squadre: per come sono strutturate le società (e questo è sicuramente un merito) la partecipazione alla Champions League ha più risvolti di prestigio che economici. Cerco di spiegarmi meglio: sicuramente gli introiti europei fanno la differenza e fanno comodo, ma non spostano praticamente nulla nel discorso FFP (per Inter) o per la ricerca dei talenti in casa Lazio. Certo per Icardi o Milinkovic Savic giocare la Champions o meno potrebbe invece essere decisivo...
Non abbiamo inserito la Roma non perché sia già sicura della prossima Champions League (posto che lo scontro diretto fra Lazio e Inter comunque in teoria regala più chanches ai giallorossi) quanto perché il progetto di Di Francesco sembra il più avanzato. La Roma la sua dimensione e la sua rotta sembra averla trovata. Ora dovremo ragionare a lungo in realtà sulla caratura degli arbitri europei. La Roma nel complesso delle due partite contro il Liverpool ha dimostrato di essere a tratti devastante, di potersela giocare a viso aperto. Forse ha trovato il gol quando il Liverpool ha mollato psicologicamente (sia all’andata che al ritorno) ma nel complesso le partite potevano andare diversamente. Di sicuro aver segnato 6 gol e non aver passato il turno la dice lunga anche sugli errori commessi (soprattutto nella partita di andata). Ma nonostante tutto la Roma ci ha creduto fino alla fine e per poco non riesce la doppia rimonta pazzesca. Certe partite possono decidersi per episodi (come il punto di cui sopra): in queste circostanze valgono molto anche quelli degli arbitri. Sarà che siamo abituati al VAR ma errori così grandi come in queste semifinali di Champions raramente ne abbiamo visti (ditelo anche al Bayern) e soprattutto è vero che in queste due gare (anzi 4 considerando anche Bayern e Real Madrid) hanno sbagliato in molti, ma errori così macroscopici, così tanti e tutti insieme, avremmo preferito non vederli, anche perché somo “correggibili” con estrema facilità. Ma la Roma ha la consapevolezza di essere diventata una realtà europea. Non ha avuto paura e se l’è giocata. E alla fine è andata più vicina alla qualificazione alla finale di quanto si potesse immaginare. Ora anche la Roma dovrà sottostare al FFP e fare delle scelte dolorose in estate: con la consapevolezze che il nuovo corso è già iniziato e che ha solide basi.
Ultimo, ma solo per una questione di classifica il Milan. Ieri nell’assemblea degli azionisti ci sono state parole rassicuranti di Fassone sul futuro. Il rifinanziamento non sarà un problema, entro 30/40 giorni cercherà di dare un piano ai cinesi su come rientrare dal debito con Elliot e neanche preoccupazioni sul mercato visto che Elliot (eventualmente) avrebbe diritto di surroga e che quindi gli esperti che serviranno per rinforzare la squadra arriveranno lo stesso (visto che le cessioni saranno cessioni sportive e non di bilancio. Per il momento le parole di grande ottimismo dell’ad rossonero sono quello su cui basarci. Di sicuro se le cose dovessero cambiare (per la proprietà cinese, non per il Milan) si saprà entro i famosi 30/40 giorni. Fino ad allora avanti con questo management e con questo allenatore. Al di là degli ultimi risultati deludenti anche il Milan ha posto le sue basi. Se si passa una stagione a dire che è stato l’anno zero e che all’inizio non tutto può riuscire bene, cambiare troppo poi sarebbe una sconfessione di quanto professato finora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->