VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Un folle ultimo minuto. Le reazioni di Mazzarri, la gioia di Garcia. I rinnovi dei big del campionato e continua l'inchiesta sul calcio italiano...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
30.10.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 25657 volte
© foto di Federico De Luca

Prima le notizie di giornata, poi un'altra analisi, sempre interessante, sui giovani.

Cominciano i rinnovi, quelli pesanti, quelli interessanti. Quelli da programmare con attenzione.

Sono arrivati gli accordi per Cuadrado e Pogba, si cerca quello con Lichsteiner (sul quale c'è un attenzione molto concreta dell'Arsenal e anche dell'Inter che ha cominciato a sondare l'entourage del centrocampista). Poi c'è l'Inter che sta lavorando sul rinnovo di Kovacic. E lo stesso baby campione ha confermato proprio ai microfoni di Sky che magari entro Natale ci potranno essere delle novità.

E il turno infrasettimanale, fra serie A e serie B intanto ci ha regalato un altro esonero: quello di Lopez a Vicenza e al suo posto arriva ora Marino. In serie A un ultimo minuto da follia e emozioni forti (pensate soltanto che la Roma ha saputo del gol del genoa dal tabellone, la stessa scena si è ripetuta per le genovesi, l'Inter che segna e lascia al palo la Samp e il Napoli che fallisce l'aggancio al terzo posto) c'è una foto da conservare: la reazione di Mazzarri ai fischi del pubblico alla fine del primo tempo. Una mano alta, sopra la testa, come a dire "vaffa...". Esasperato da una situazione non certo semplice, visto che la squadra non riesce a sbloccarsi come vorrebbe lui. Anche se i tre punti sono arrivati e la Champions non è lontana (anche se c'è ressa). E i problemi continuano ad esserci anche a Napoli, dove Benitez sta vivendo sull'altalena dei risultati, degli errori incredibili a 50 centrimetri dalla porta, così come dagli 11 metri...

Nel giorno dell'esordio di Rolando Mandragora, classe 1997 con il Genoa da titolare facciamo anche un'altra osservazione sui giovani. Il Football Observatory (con sede in Svizzera) ha prodotto questa settimana uno studio interessante. Che riguarda l'utilizzo dei giovani formati in un settore giovanile nei primi cinque campionati d'Europa, quindi Italia, Inghilterra, Spagna, Germania e Francia.

Il dato studiato è: quanti sono i prodotti di un settore giovanile (almeno 5 anni) che ora giocano in una squadra (non solo in quella che lo ha formato) nella massima serie. E per l'Italia c'è una sorpresa, negativa. Perché è l'ultima nazione.

Se la media è del 17,2%, in Italia i giovani formati nelle giovanili italiane che sono nelle massime serie europee sono soltanto il 9,6%. Niente a che vedere con la Francia (leader con il 24,6%) ma neanche con la Premier (la penultima con il 14%).

E l'altro dato preoccupante è quello relativo alla divisione per società.

Il Barcellona è la squadra che produce più giocatori in giro per l'Europa: ben 43 giocatori attualmente impegnati in uno dei top 5 campionati. Ma è la Spagna tendenzialmente a dominare con addirittura 10 squadre nella classifica stilata dal Footbal Observatory. CI sono infatti 10 squadre in classifica (45 posizioni) e ben quattro nelle prime sette. E l'Italia? L'Italia ha in totale 5 squadre in totale di cui la migliore è l'Atalanta unica nella top ten, con 22 giocatori (di cui 5 a Bergamo, 17 in altri club) seguita da Inter (18), Roma (17), Empoli e Milan (14). E l'altro dato su cui riflettere è che nelle tre "grandi" italiane soltanto 4 giocatori al massimo sono in rosa delle rispettive squadre.

Questi naturalmente sono numeri. Non ci dicono quanto questi giocatori siano forti o meno. Ma sono comunque dei dati su cui riflettere per continuare a riformare nella giusta direzione il calcio italiano.

E possono fare il paio con un'altra analisi, fatta sempre dal Football Observatory la settimana precedente: ha analizzato quale fosse l'età media dei giocatori schierati nella partita precedente. Volete sapere qual era la partita con più "vecchietti" in campo? Verona-Milan con 31 anni di media in campo. E nella classifica per squadra, nelle prime 10 ci sono 6 italiane: in testa il Verona, secondo il Torino, quarta la Juve, sesta la Roma, settimo il Milan e decimo il Parma. La più giovane? Fra le 100 squadre analizzate il Valencia, appena sopra (o sotto scegliete voi) dal Manchester United. Quindi non solo squadre "piccole".

Tutto questo per dire che, tutto il ragionamento sui giovani che avevamo lasciato in sospeso la scorsa settimana, può anche essere letto attraverso questi numeri. Se tante operazioni di mercato sono su U21, poi però è difficile che giochino nella massima serie.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.