HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League

08.12.2017 09:19 di Enzo Bucchioni   articolo letto 34674 volte
© foto di Federico De Luca

E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo.
L’ultimo episodio della serie, già perché non pensare a una serie tipo Milanismi, è un vero e proprio giallo sull’asse Milano-Nyon.
Stamani sono uscite alcune indiscrezioni sui media secondo le quali il piano presentato un mese fa da Fassone per il rientro graduale nei parametri dei conti del Milan sarebbe stato bocciato dalla commissione con tanto di sanzioni e probabile-possibile blocco del mercato. Qualche ora dopo la smentita dell’Uefa che ha tenuto a precisare come “la commissione sia un organismo autonomo” e che “la decisione verrà presa soltanto nella prossima settimana”.
Cosa è successo?
Conoscendo i polli dell’Uefa, è probabile che qualche membro della commissione abbia anticipato qualcosa e anche se la decisione ufficialmente non c’è ancora, è verosimile che la linea sia quella del no ai piani del Milan. Staremo a vedere, pochi giorni e sapremo, ma ormai è chiarissimo che il Milan è circondato.
Nessuno si fida più di Li Yonghong, delle sue miniere di rame, del suo patrimonio che sembra ormai una trippa di gatto, viene tirato a seconda delle situazioni. Non è un caso che autorevoli giornali internazionali si siano interessati alla vicenda accendendo luci inquietanti. Non è un caso neppure che ambienti finanziari di alto livello stiano preparando dei paracadute e cercando dei nuovi soci o compratori, per evitare il crac di una operazione da quasi mille milioni di euro complessivi, evidentemente troppo grande per il signor Li.
Non solo Li non è riuscito a ricapitalizzare come nelle previsioni, ma la restituzione del prestito al fondo Eliott (quasi 400 milioni interessi compresi) prevista per il mese di ottobre dell’anno prossimo sembra pressoché impossibile. Le risorse non le ha, soci non ne trova. Che fare?
Per evitare che il Milan finisca al fondo si sta lavorando per coinvolgere investitori arabi che potrebbero mettere le mani sulla società rossonera rilevando appunto il debito con Eliott.
Ma oltre a non essere un grande magnate, mister Li non è neppure fortunato. Forse in giro ci potevano essere manager più scafati di Fassone e Mirabelli che hanno toppato pure il lato sportivo?
Infatti, se il Milan fosse andato a mille, magari a lottare per la Champions o lo scudetto (soldi ne hanno spesi tanti) forse sarebbe stato più facile trovare soci.
E invece la sensazione dell’acqua alla gola c’è ed è forte. Alla gola nel campo finanziario e nel campo sportivo.
In attesa dell’ufficialità delle decisioni dell’Uefa (tutti a toccare ferro), anche l’esonero di Montella è stato intempestivo, forse inutile, speriamo non deleterio. Che senso ha aver cacciato l’allenatore alla vigilia di due-tre partite facili? La decisione andava presa a ottobre, alla prima sosta della nazionale. Era già evidente allora che Montella non aveva le idee chiare, era in difficoltà. Dico questo perché Montella a Benevento avrebbe vinto. Auguro a Gattuso di fare bene, spero che mi smentisca per la stima e l’affetto che ho per lui, però averlo messo su questo tipo di panchina è un grandissimo azzardo. E per lui un rischio che forse si poteva evitare.
Gattuso a Benevento ha dato segnali negativi alla squadra, si è chiuso in area, ha messo dentro difensori, manca poco che entra pure lui. In quelle occasioni si tiene palla, si cambia l’attaccante per metterne uno fresco, non si fanno le barricate. Sei il Milan…ca….spita.
E sei anche il Napoli. L’eliminazione ci poteva stare, la partita maledetta è quella con lo Shakhtar in settembre. Ma con il Feyenoord la pratica andava chiusa nei primi dieci minuti, aspettando il City. Comunque una grande squadra come il Napoli, anche per orgoglio, in Olanda doveva fare un’altra partita e vincerla. Ma la stanchezza fisica e mentale è tanta. Troppa. Sarri avrebbe dovuto dare qualche mezz’ora in più e anche qualche gara a gente come Rog o Zielinski, Diawara o Chiriches. Le partite meno impegnative forse le avrebbe vinte anche con qualche panchinaro. Il Napoli paga l’usura, ma anche la preparazione anticipata.
Adesso però, dopo la delusione, serve un piano immediato per proteggere il grande patrimonio di lavoro di Sarri, il grande gioco, la grande immagine del Napoli, per provare a centrare il vero obiettivo che resta: lo scudetto.
De Laurentiis sa benissimo che questo gruppo non potrà ripartire un altro anno senza aver centrato obiettivi. Diventerebbe frustrante. Oggi o mai più. Quindi obbligatorio spendere a gennaio, dare qualche elemento pronto subito a Sarri e poi, lo dico a malincuore, serve anche una scelta drastica. Il Napoli non può competere in campionato e in Europa League, la coppa va sacrificata per provare a vincere lo scudetto.
La Juve, invece, ha un organico tale che le consente tutto. Sta entrando ora in un assetto accettabile, dopo qualche mese così così. A Napoli l’ha vinta Allegri. Ha capito che se si fosse giocato la partita probabilmente l’avrebbe persa. Ha preferito ricorrere alla vecchia tattica italiana della difesa e contropiede che in certe occasioni è una bella cultura. Allegri lo stratega ha vinto ancora e il lavoro di questo allenatore è da tempo sotto le lenti di grandi club europei. Ultimo, ma non ultimo, il Psg che a fine stagione (se non prima con qualche traghettatore) vuole chiudere con Emery. Lo sceicco Al Khelaifi ha cercato di riprendersi Ancelotti, ma ha ricevuto in cambio un e adesso sta puntando dritto su Allegri. E’ l’anno buono? Chissà. Certo, su Allegri c’è sempre un’aria strana che arriva dal mondo Juve e non mi meraviglierei, soprattutto in caso di altri titoli, se l’allenatore a fine anno salutasse la compagnia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato 25.05 - L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy