HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi deve rinforzarsi di più a gennaio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Frosinone
  Parma
  Cagliari
  ChievoVerona
  Atalanta
  Lazio
  Inter
  Genoa
  Milan
  Sampdoria
  Bologna
  SPAL
  Sassuolo
  Fiorentina
  Torino
  Udinese
  Empoli

La Giovane Italia
Editoriale

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi

Nato a Firenze nel 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com e speaker di RMC SPORT. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato voce e conduttore per Radio Sportiva.
17.06.2018 08:16 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 68208 volte

Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché ognuno di noi ha in mente il posto, il luogo e le persone con cui era nei momenti più dolci. Con cui eravate durante la finale del 2006, con chi avete pianto quando Baggio ha sparato il rigore alle stelle o quando Byron Moreno ha fischiato quel che non doveva ed evitato di farlo quando avrebbe dovuto. Giampiero Ventura e Carlo Tavecchio, con la complicità dei giocatori azzurri, ci hanno tolto i ricordi che verranno ed è triste, per le generazioni che sono e che saranno. Il 1982 è il grido di Tardelli, le braccia al cielo di Pertini. Il 1990 le Notti Magiche, il 1994 quella dannata notte di Pasadena. Il 2006 Grosso, Cannavaro, Materazzi, la testata di Zidane. Il 2018 è l'oblio, un anno che non esiste nel calendario calcistico nostrano.

Per questo discorrere di calciomercato è amaro ma è l'unico appiglio ai sogni che resta. Perché in fondo nei trasferimenti che saranno, potenziali e futuribili, è disciplina in cui nessuno esce (ancora) sconfitto. Però fotografiamo la situazione odierna, al 17 giugno. Con l'Italia che non è al Mondiale e con tanti giocatori dunque acquistabili senza grande sforzo e attesa per la kermesse russa. Chi si è rinforzato, realmente? Su tutte, la Juventus. Che ha sì perso un senatore come Gianluigi Buffon ma si è garantita presente e futuro con una delle coppie più solide del mondo con Szczesny e Perin. Che a centrocampo sta ufficializzando Emre Can, che dietro ha dato un'iniezione di futuro con Mattia Caldara e che per adesso ha resistito alle prime sirene per Paulo Dybala e per Miralem Pjanic, che potrebbe pure rinnovare. Di certo, c'è che dal termine del campionato a oggi, la Juventus è quella che ha fatto il passo più in avanti a colpi fatti.

L'Inter è a metà del guado. Stefan de Vrij è un grande salto in avanti per la difesa. Lautaro Martinez lo è per l'attacco, perché un'alternativa così non c'era nella rosa di Luciano Spalletti. Kwadwo Asamoah sarà ufficializzato a breve ed è titolare importante per l'esterno mancino ma il guado è a metà perché Rafinha e Joao Cancelo, acquisti intelligenti della dirigenza nerazzurra, non sono stati riscattati. E poi il cappio del Fair Play Finanziario, con la strategia che non ha permesso di superare il settlement, non è certamente punto a favore dell'Inter nel giudizio complessivo del mercato a oggi.

La Roma si è rinforzata. Sicuri? Andiamo con ordine. Monchi è tra gli strateghi di mercato più abili sul panorama internazionale. Ma Bryan Cristante vale il possibile partente, Radja Nainggolan? Robin Olsen o chi altri prenderà il posto di Alisson, per il quale il Real Madrid e non solo restano in pressing, equivalgono il valore del brasiliano sulla bilancia del mercato? Ante Coric è un bel progetto di giocatore, Justin Kluivert è potenzialmente tra i migliori esterni d'Europa ma tra premesse e realtà ce ne corre. E' giovane, talentuoso, ma se dovesse prendere il posto di Stephan El Shaarawy, per il presente, sarebbe complicato pensare che possa non intaccare il valore della Roma. Poi, magari, in futuro sarà più forte, perché quello di Pallotta e Monchi sta diventando un progetto con grandi prospettive, ma per l'immediato i dubbi restano. Almeno ad oggi.

Oggi che il Napoli, peraltro, è stato travolto dall'entusiasmo per l'arrivo di Carlo Ancelotti ma che, da allora, ha ufficializzato Simone Verdi. Che già a gennaio doveva rinforzare la rosa, allora di Maurizio Sarri, ma che a conti fatti non si preannuncia essere potenziale titolare della formazione azzurra. In uscita c'è Jorginho: Fabian Ruiz lo equivale, è un salto avanti o indietro? Poi Marek Hamsik. Stanislav Lobotka, ora nome più caldo, è un rinforzo inteso come giocatore che va a migliorare qualità e quantità della rosa rispetto al capitano azzurro, in caso di addio?

E' un'analisi del mercato italiano ad oggi. Dove, nei fatti, praticamente nessuno si è ancora mosso concretamente. Pure a metà classifica, per adesso, la Sampdoria ha spostato tanti giocatori, prendendo prospetti interessanti ma sta per cedere i senatori e i giocatori con gli ingaggi più importanti (Viviano, Quagliarella, Silvestre, Torreira). Dall'altra parte della Lanterna, il Genoa si è mosso per ora molto bene (Criscito, il riscatto prossimo di Bertolacci) ma non bisogna scordare che ha ceduto Perin e che può cedere Laxalt. Che la Fiorentina è appesa al futuro di Chiesa, che il Torino è fermo, che per adesso i rumors si rincorrono ma che di ufficialità non ce ne sono state. Almeno importanti. E in un'estate triste come questa Mondiale, c'è da attendersi ben altro. Da inizio luglio, magari. Quando l'Inter potrà avere dodici mesi per ripartire e per pianificare la strategia per il settlement. Quando sapremo di più su quel che sarà del Milan. Quando la Roma avrà magari i soldi della cessione di un senatore e potrà piazzare colpi anche per il presente. Quando il Napoli regalerà colpi importanti voluti da Ancelotti. Quando la Juventus deciderà il futuro di Higuain e cercherà il rinforzo da novanta tra mediana e attacco. Quando inizierà il mercato, ufficialmente. Perché per adesso sono solo piccoli sussulti. Con poca emozione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus obiettivo Marcelo, Alex Sandro a Madrid?  Duello con l’Inter per Andersen della Samp. Gattuso cuore Milan ma ora serve ripetersi ad Udine. Roma per gennaio assalto ad Herrera 03.11 - La Juventus insiste per Marcelo. La mezza rivoluzione di questa estate si completerà a giugno quando ufficialmente ripartirà un nuovo ciclo al Real Madrid. E il brasiliano a fine stagione partirà. Non è un caso che l’amicizia con Cristiano Ronaldo stia giocando un ruolo importantissimo....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Pogba: “Torino è casa mia”. Juve, ritorno di fiamma per Barella per stoppare l’Inter. Oltre a James Rodriguez proposto anche De Gea. Galaxy fuori: Ibra-Milan giorni decisivi. Cavani e Napoli, storia non finita 02.11 - Barella sta scatenando un derby di mercato fra Inter e Milan, per molte ragioni entrambe le società lo vorrebbero da gennaio e lo sappiamo. L’Inter lo ha nel mirino da tempo, un jolly così, in grado di portare energia, qualità e quantità, di sicuro sarebbe l’ideale in un reparto con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy