HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi

Nato a Firenze nel 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com e speaker di RMC SPORT. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato voce e conduttore per Radio Sportiva.
17.06.2018 08:16 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 68244 volte

Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché ognuno di noi ha in mente il posto, il luogo e le persone con cui era nei momenti più dolci. Con cui eravate durante la finale del 2006, con chi avete pianto quando Baggio ha sparato il rigore alle stelle o quando Byron Moreno ha fischiato quel che non doveva ed evitato di farlo quando avrebbe dovuto. Giampiero Ventura e Carlo Tavecchio, con la complicità dei giocatori azzurri, ci hanno tolto i ricordi che verranno ed è triste, per le generazioni che sono e che saranno. Il 1982 è il grido di Tardelli, le braccia al cielo di Pertini. Il 1990 le Notti Magiche, il 1994 quella dannata notte di Pasadena. Il 2006 Grosso, Cannavaro, Materazzi, la testata di Zidane. Il 2018 è l'oblio, un anno che non esiste nel calendario calcistico nostrano.

Per questo discorrere di calciomercato è amaro ma è l'unico appiglio ai sogni che resta. Perché in fondo nei trasferimenti che saranno, potenziali e futuribili, è disciplina in cui nessuno esce (ancora) sconfitto. Però fotografiamo la situazione odierna, al 17 giugno. Con l'Italia che non è al Mondiale e con tanti giocatori dunque acquistabili senza grande sforzo e attesa per la kermesse russa. Chi si è rinforzato, realmente? Su tutte, la Juventus. Che ha sì perso un senatore come Gianluigi Buffon ma si è garantita presente e futuro con una delle coppie più solide del mondo con Szczesny e Perin. Che a centrocampo sta ufficializzando Emre Can, che dietro ha dato un'iniezione di futuro con Mattia Caldara e che per adesso ha resistito alle prime sirene per Paulo Dybala e per Miralem Pjanic, che potrebbe pure rinnovare. Di certo, c'è che dal termine del campionato a oggi, la Juventus è quella che ha fatto il passo più in avanti a colpi fatti.

L'Inter è a metà del guado. Stefan de Vrij è un grande salto in avanti per la difesa. Lautaro Martinez lo è per l'attacco, perché un'alternativa così non c'era nella rosa di Luciano Spalletti. Kwadwo Asamoah sarà ufficializzato a breve ed è titolare importante per l'esterno mancino ma il guado è a metà perché Rafinha e Joao Cancelo, acquisti intelligenti della dirigenza nerazzurra, non sono stati riscattati. E poi il cappio del Fair Play Finanziario, con la strategia che non ha permesso di superare il settlement, non è certamente punto a favore dell'Inter nel giudizio complessivo del mercato a oggi.

La Roma si è rinforzata. Sicuri? Andiamo con ordine. Monchi è tra gli strateghi di mercato più abili sul panorama internazionale. Ma Bryan Cristante vale il possibile partente, Radja Nainggolan? Robin Olsen o chi altri prenderà il posto di Alisson, per il quale il Real Madrid e non solo restano in pressing, equivalgono il valore del brasiliano sulla bilancia del mercato? Ante Coric è un bel progetto di giocatore, Justin Kluivert è potenzialmente tra i migliori esterni d'Europa ma tra premesse e realtà ce ne corre. E' giovane, talentuoso, ma se dovesse prendere il posto di Stephan El Shaarawy, per il presente, sarebbe complicato pensare che possa non intaccare il valore della Roma. Poi, magari, in futuro sarà più forte, perché quello di Pallotta e Monchi sta diventando un progetto con grandi prospettive, ma per l'immediato i dubbi restano. Almeno ad oggi.

Oggi che il Napoli, peraltro, è stato travolto dall'entusiasmo per l'arrivo di Carlo Ancelotti ma che, da allora, ha ufficializzato Simone Verdi. Che già a gennaio doveva rinforzare la rosa, allora di Maurizio Sarri, ma che a conti fatti non si preannuncia essere potenziale titolare della formazione azzurra. In uscita c'è Jorginho: Fabian Ruiz lo equivale, è un salto avanti o indietro? Poi Marek Hamsik. Stanislav Lobotka, ora nome più caldo, è un rinforzo inteso come giocatore che va a migliorare qualità e quantità della rosa rispetto al capitano azzurro, in caso di addio?

E' un'analisi del mercato italiano ad oggi. Dove, nei fatti, praticamente nessuno si è ancora mosso concretamente. Pure a metà classifica, per adesso, la Sampdoria ha spostato tanti giocatori, prendendo prospetti interessanti ma sta per cedere i senatori e i giocatori con gli ingaggi più importanti (Viviano, Quagliarella, Silvestre, Torreira). Dall'altra parte della Lanterna, il Genoa si è mosso per ora molto bene (Criscito, il riscatto prossimo di Bertolacci) ma non bisogna scordare che ha ceduto Perin e che può cedere Laxalt. Che la Fiorentina è appesa al futuro di Chiesa, che il Torino è fermo, che per adesso i rumors si rincorrono ma che di ufficialità non ce ne sono state. Almeno importanti. E in un'estate triste come questa Mondiale, c'è da attendersi ben altro. Da inizio luglio, magari. Quando l'Inter potrà avere dodici mesi per ripartire e per pianificare la strategia per il settlement. Quando sapremo di più su quel che sarà del Milan. Quando la Roma avrà magari i soldi della cessione di un senatore e potrà piazzare colpi anche per il presente. Quando il Napoli regalerà colpi importanti voluti da Ancelotti. Quando la Juventus deciderà il futuro di Higuain e cercherà il rinforzo da novanta tra mediana e attacco. Quando inizierà il mercato, ufficialmente. Perché per adesso sono solo piccoli sussulti. Con poca emozione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Accelerazione Inter per Conte. Marotta e Ausilio lavorano su Chiesa, De Paul, Rakitic, Barella e Danilo. Icardi, partenza non così scontata. La Roma su Gasperini 11.05 - L’attesa è quasi finita. Presto il futuro di Conte sarà chiaro. Lo scenario si sta delineando. L’ipotesi Juve si è decisamente raffreddata nelle ultime ore anche perché il presidente Agnelli non è convinto fino in fondo del suo ritorno. La possibilità di un addio di Allegri resta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510