VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Un mercato sorprendente: Galliani vuole un super Milan, l'Inter non resta a guardare. Napoli, ancora niente firma di Sarri. La Juve tesse la tela...

11.06.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 80327 volte
© foto di Federico De Luca

Il Milan fa sul serio, i soldi evidentemente ci sono. E gli obiettivi sono da supersquadra. Deve aver paura la Juventus? A guardare la lista della spesa di Galliani sì. Perché se finora eravamo abituati a un mercato low cost, fatto di parametri zero e giocatori da riscattare (non sul mercato, ma sul campo) qui stiamo parlando di giocatori molto quotati. Il lrimo è Jackson Martinez, attaccante del Porto. I costo è fisso: fanno 35 milioni dottor Galliani. E allora sai che c'è? Io rimango qui, a parlare con voi, finché non me lo vendete. Provo ad avere lo sconto, e se non ci riesco lo prendo lo stesso. Questo più o meno quello che sta succedendo il Portogallo. Dove però non c'è il centro del mercato rossonero. Si sposta su due paesi e tre città, al momento. Oporto, Monaco (dove c'è Kondogbia e l'ufficio di Mino Raiola) e Parigi, dove c'è Ibra.
JM esclude Ibracadabra? Nella testa di Galliani no, per le tasche vedremo. Ma la telefonata c'è stata eccome. E anche l'ok per tornare in rossonero. E non finisce qui, perché su Kondogbia ormai c'è un derby milanese. L'Inter aveva già cominciato a parlare con il Monaco e con il giocatore (contatti anche con Mancini), il Milan prova la rincorsa. E potrebbe riuscire a vincere la corsa. Per poi buttarsi su un difensore: Miranda nel mirino. E così la spina dorsale del Milan sarebbe pronta. E paurosa...
È un mercato effervescente. Pensate all'Inter. Si muove senza la mediaticità rossonera, ma gli obiettivi sono simili. Un grande difensore (Benatia nel mirino), un grande centrocampista (Kondogbia, appunto, ma non solo) e un grande attaccante (per il momento il numero uno rimane Jovetic). Senza dimenticarsi di Kranevitter, che proprio in queste ore è in Italia per i discorsi di passaporto, e che l'Inter vuole soffiare al City. E Abdennour, il difensore del Monaco. E poi anche Cuadrado, su cui si è interessata eccome anche la Roma, che al Chelsea non ha trovato lo spazio (e le giocate) che ci si aspettava da un talento come lui. Nel frattempo ha tentato primi approcci per Perisic (per la prima volta il Wolfsburg ha aperto alla cessione a 15 milioni di euro) e continua a ballare intorno a Perrotti, senza fare nessuna offerta però.
E la Juve? Intanto presenta Khedira, parla con Allegri per capire cosa serve (e per parlare anche di rinnovo). Insidia l'Inter per Benatia, prova a soffiare alla Roma Nainngolan (oggi di nuovo incontro con il Cagliari, per lui e per Donsah) e deve risolvere il discorso attacco. Se Tevez rimane si dovrà capire come e cosa fare con Zaza e Berardi, altrimenti caccia al top. Ma se Ibra veramente va via allora Cavani non si sposta e nel mirino della Juve rimangono (si fa per dire!) Mandzukic e Higuain (che però il Napoli vorrebbe eventualmente non vendere in Italia). E Tevez dove potrebbe andare? Non più al Boca. Forse proprio al posto di Ibra. Ma è una questione tutta da decrifrare.
Come la situazione in casa Napoli. Sarri non è in discussione, ma la fumata bianca ancora non è arrivata. Appuntamento a venerdi per chiudere tutto anche se De Laurentiis ha contattato Montella per cautelarsi. Insomma un caos. Peché qui nessuno sembra essere sicuro di nulla e si gioca su più tavoli. Non il modo più chiaro per iniziare la stagione. E nel frattempo deve sbloccarsi anche la situazione Giuntoli. Ecco perché il mercato del Napoli non è ancora partito (Valdifiori a parte). Come a Firenze. Il terremoto Montella costringe ora la Fiorentina a trovare un altro allenatore. Tutte le fiches sono puntate su Paulo Sousa che prima deve risolvere alcune pendenze con il Basilea. Anche l'Empoli ha incontrato la Juventus: si è parlato di Saponara e di alcuni prestiti che la Juventus potrebbe fare: Sorensen, Bouy, Buchel e Magnusson. Siamo in fase di valutaione al momento, con Giampaolo (nuovo allenatore) che dirà la sua.
La Roma ha cenato con il Genoa l'altra sera e non si è parlato solo di Bertolacci, ma anche di Perin (che però piace anche al Bayern Monaco) e anche alla Roma piace Donsah.
La Samp ha avviato alcuni contatti con Cassano nei giorni scorsi, ha contattato nuovamente il River per Balanta e Zenga ha parlato con Silvestre per farlo rinnovare.
Toni allunga il contratto a Verona, a Carpi per sostituire Giuntoli colloqui con Sogliano (due giorni fa), Marchetti (oggi, avvantaggiato sugli altri) e Bonato (nei prossimi giorni), il Bologna appena tornato in A andrà avanti con Delio Rossi e riscatterà Mbaye, la Samp ha ufficializzato la cessione di Obiang al West Ham, Castro dal Catania è passato al Chievo, all'Atalanta piace Andi Lila del Parma e vorrebbe Defrel del Cesena (incontro oggi) su cui però è piombato forte il Bologna. Il Palermo segue Torreira del Pescara, in porta del Frosinone più Leali di Bardi. In serie B Rastelli andrà a Cagliari e il suo posto lo prenderà Tesser. Il Vicenza spera di far rimanere Marino (sul quale è tornato forte il Catania), il Latina in attacco pensa a Corvia.
Tenetevi forte, come sempre. Gli affari sono tanti!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.