VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Un premio per questa Inter: il rinnovo di Ausilio. Cagliari, adesso ricrediti su Rastelli. Napoli, emergenza Milik. Perugia e Bari, le due facce della B

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
17.10.2016 11:50 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 49929 volte
© foto di Federico De Luca

Uno scempio a San Siro, davanti agli occhi dell'ex Presidente storico e senza attuali proprietari al seguito. Un'Inter abbandonata al suo destino, con De Boer che non sa più che pesci prendere e il bonus ottenuto contro la Juventus ampiamente esaurito. Icardi sbaglia il rigore e San Siro applaude, Icardi che lancia frecciate come fosse Cupido ma di amore non c'è niente nelle sue frasi, Zanetti che minaccia conseguenze e il Cagliari che gioca a fare l'Inter. Aspetta, va sotto, recupera e piazza la zampata. La fotografia di Milano è chiara. Un allenatore italiano che ha fatto la gavetta vale più di uno straniero che ha predicato nel deserto olandese. Massimo Rastelli, tatticamente, l'ha incartata come voleva al Sig. De Boer. I soldi spesi per Joao Mario hanno arricchito Kia ma non l'Inter, quelli di Gabigol aspettiamo di vederli in campo danzare. Un premio a chi ha costruito anni di insuccessi è arrivato alla vigilia di Inter-Cagliari: rinnovo per Piero Ausilio che ha il merito di aver perso la bussola troppo presto. Era il Direttore giovane del nuovo che avanza, alla fine cambiano gli allenatori (tre) ma non il risultato. La domanda da fare, a questo punto, è se realmente Ausilio sta dimostrando di valere l'Inter e se è giusto questo rinnovo di contratto. Siamo stati i primi tifosi di Piero, lo stimiamo perché lavora giorno e notte, ma a questo punto dobbiamo essere concreti, perché la legge è uguale per tutti e vale da Galliani a Sabatini e vale anche per Piero Ausilio. Con Mazzarri è stata una disfatta, Mancini è tornato per prendere solo schiaffi e anche la mossa De Boer si sta rivelando ampiamente fallimentare. Giocatori non idonei al percorso di crescita dell'Inter e altri strapagati sul mercato. L'ombra di Kia non serve a far chiarezza e non aiuta la posizione di Ausilio che, anche se non lo dice, con l'uscita di Mirabelli ha perso l'unico che realmente capisse di calcio e gli facesse recapitare relazioni oggettive dall'Italia e dall'estero. Questo giustifica la reazione di Ausilio che non avrebbe gradito il passaggio di Mirabelli al Milan come Direttore Sportivo a tal punto da togliergli il saluto e fargli una guerra sotterranea con gli amici giornalisti che non avrebbe avuto alcun senso. Avrebbe fatto meglio a vantarsi del fatto che un suo collaboratore è stato scelto come Direttore del Milan. Ausilio va aiutato e certamente non abbandonato, ma il dopo Branca doveva portare risultati tecnici e finanziari ben diversi. Siamo al quarto anno che rischiamo di veder gettato al vento e non c'è l'ombra di una crescita, che stenta ad arrivare.
In compenso abbiamo visto un Cagliari da urlo. Un Presidente presente in tribuna insieme al suo Direttore Sportivo, società al completo e un grande allenatore che ai tempi di Brindisi e Castellammare sperava di arrivare in B; invece è arrivato dove nessuno osava immaginare e la sua scala non è ancora finita. Massimo Rastelli è un grande allenatore e studioso di calcio, persona educata e umile ed è il vero segreto di un Cagliari che sorprende sempre di più. A San Siro poteva sembrare tutto figlio del caso, invece, di partite così in trasferta Rastelli ne ha vinte tante a Portogruaro, Castellammare ed Avellino. Sulla vittoria di Milano c'è il suo timbro. Una delle sue famosi frasi, per chi lo conosce è: "quando non puoi vincere non devi perdere". Massimo è un fan del pareggio quando le cose si mettono male e ieri ha ottenuto due punti in più rispetto alla sua solita filosofia. Rastelli allunga la carriera ai calciatori ultratrentenni e dà ai giovani un'idea chiara di gioco. I gironi di andata vola sempre, al ritorno perde molti punti. Siamo curiosi di capire, quest'anno in A, come andrà. Se si fermerà anche a questo giro allora è giusto che riveda qualcosa nella preparazione atletica. Una nota su Melchiorri, uomo di grandi valori. Nella sua vita è caduto tante volte ma si è sempre alzato a testa alta. Merito anche di chi ha da sempre creduto in lui, Marco Valentini, che lo ha portato dalla D a grandi livelli. Una intuizione che in pochi avrebbero avuto.
Una parentesi sul Napoli. Non giudichiamo la sconfitta con la Roma ma l'analisi è più profonda. Non facciamo passare per naturale l'assenza di Milik e non crediamo che realmente possa tornare in 100 giorni. Da quel tipo di infortunio i tempi di ripresa sono lunghi e va bene se lo rivedremo in campo tra i 130 e i 150 giorni. Non puoi pensare di essere competitivo, in campionato e Champions, senza il reale sostituto di Higuain. Gabbiani è forte ma secondo noi è forte soprattutto da esterno d'attacco. Questo Sarri non lo vuole capire. Non possiamo pensare che Gabbiadini in un colpo solo faccia a Napoli i gol di Higuain e Milik. Con chi vogliamo prendercela? Con nessuno, se non con il fato. E' andata così ma i napoletani sappiano che è stata una mazzata senza precedenti perdere a metà ottobre il bomber di riferimento. Possiamo inventarci Gabbiadini, il falso 9 o prendere uno svincolato ma non sarà mai la stessa cosa. Il ko di Milik obbligatoriamente ridimensiona i progetti ambiziosi di Sarri e Giuntoli.
In chiusura, spazio alla serie B. Ci sono le favole che durano il tempo di una lettura (Cittadella), ci sono i progetti che per alimentarsi hanno bisogno di tempo (Perugia) e le costruzioni dei progetti che hanno bisogno di tempo e materia prima (Bari). Il più intelligente di tutti è stato Santopadre, Presidente del Perugia, che ha costruito una squadra giovane con qualche esperto in mezzo al campo e l'ha affidata al miglior allenatore emergente. Bucchi è il Rastelli che vi raccontavamo 3-4 anni fa. Il Perugia può arrivare fino in fondo e si può rovinare esclusivamente da sé. Se nessuno porterà pressione su questa squadra, il Grifone potrà vedere il traguardo. Santopadre ha costruito tutto bene e l'architetto in panchina è di quelli giusti. A Bari, invece, Stellone ha perso o meglio non ha trovato ancora le giuste misure ad una squadra molto nuova ma che ha conquistato troppi pochi punti e in difesa è messa molto male. E' giusto dare a Stellone ancora un po' di tempo a patto che anche quando non si gioca bene qualche punto inizi ad arrivare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.