VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Un sabato indimenticabile, viva l'Atletico Madrid. Il Cholo allevato da noi. E gli scarti della Juve si fanno campioni di Spagna...

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
18.05.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 34375 volte
© foto di Federico De Luca

Un sabato così non lo dimenticherò. Sfida decisiva di Liga Barcellona-Atletico di Madrid. Tutti pronti a subire una Lezione di Spagnolo, a intraprendere l'ormai classico percorso disfattista all'insegna del "vuoi mettere il calcio di Spagna?". Che in altre occasioni riguarda l'Inghilterra, la Germania, addirittura la Francia. Masochisti, tafazzisti sin verguenza, pronti a gettare nella monnezza un campionato ch'è povero, sì, ma anche per virtù, specchio di un Paese malandato eppur famoso per il risparmio. L'Italia pallonara, capace di piangersi addosso a spese...non fatte, è tuttavia abbastanza rispettosa della crisi che morde milioni di Italiani. La Spagna - di cui parliamo - è stata capace di chiedere alla Banca Centrale Europea centinaia di milioni per...il Real Madrid. La Spagna - che ha le pezze al culo come l'Italia - ha introdotto la partitissima del sabato con questa notizia: Messi ha rinnovato il contratto ottenendo dal Barcellona un ingaggio di venti milioni. Domanda: avete visto come ha bagnato l'evento la mitica Pulce remunerata con quaranta miliardi di vecchie lire? Con un nulla di fatto. Il più ricco fantasma del mondo. E allora viva l'Atletico,"l'unica squadra italiana del campionato spagnolo"(definizione di Carlo Ancelotti) che ha un fatturato equivalente all'ingaggio di Messi, Neymar e un altro paio di pedatori. Viva l'Atletico che non è "italiano" solo per la spending review ma perché gioca come Dio comanda. All'italiana. Simeone lo abbiamo allevato noi, da noi ha imparato come si cura la fase difensiva, come si esalta il contropiede: come si può vincere il torneo dei miliardari non esibendo il fatturato ma un gioco gagliardo, cinico, attento allo spirito di squadra più che alle imprese di solisti del mitra. Al punto che due "scarti" juventini come Diego e Thiago si fanno campioni di Spagna e tentano di farsi anche campioni d'Europa. Dico la verità : con tutto che sono amico (fin dalla sua giovinezza) di Carlo Ancelotti, Gran Maestro di calcio, spero che la Champions la vinca l'Atletico. Così come l'Europa League sfuggita a Napoli e Juve l'ha vinta il Siviglia, altro club che non primeggia nella Classifica del Fatturato, alibi di De Laurentiis e Benitez. Smettiamola, per favore, di dire bischerate. Stimo assai Antonio Conte: ma la sua Juve aveva i mezzi tecnici per battere Copenhagen, Galatasaray e Benfica. Così come il ricco Napoli poteva benissimo battere il Porto e aspirare alla finale di Torino. Insomma, la lezione che ci ha dato l'Europa è questa: il calcio è un gioco (era anche uno sport) che premia non solo la ricchezza ma spesso lavoro e intelligenza. Sul lavoro ci siamo, meno sulla qualità tecnica. Alla quale non possono provvedere solo i fenomeni miliardari come Messi e Neymar ma i maestri come Simeone e Emeri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.