VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese!

14.09.2017 08:11 di Luca Marchetti   articolo letto 33620 volte
© foto di Federico De Luca

Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora da fare per arrivare a sua altezza Messi), la Roma che ringrazia Allison e tutto questi nel girone più difficile della Champions potrebbe anche non bastare. Il Napoli al quale ci eravamo aggrappati non ha certo fatto brutta figura, tradito prima da Reina e poi da Milik. C'è tempo per recuperare, è solo la prima giornata.
E mentre ancora si discute sulla scelta o meno di anticipare la chiusura del mercato dal mercato è chiaro che possono dipendere le sorti delle squadre in giro per l'Europa...
Il CIES ha calcolato quanti soldi sono serviti per costruire le squadre. E... sembrerà strano ma in prima posizione non c'è il PSG nonostante siano srati calcolati i soldi si di Mbappé che di Neymar. Seconda posizione con un incremento record (rispetto all'anno precedente) di 395 milioni di euro, ma sempre secondi. Sono serviti in totale 853 milioni per costruire la squadra, ma c'è chi ha speso di più: il Mancheste City. Ora capite perché Guardiola è costretto a vincere? Anche quest'anno incremento di 242 milioni per avere la rosa più cara d'Europa. 853 milioni di euro, 3 milioni in più del PSG , 3 milioni che gli valgono la testa di questa classifica.
Al terzo posto lo United. Manchester insomma è la capitale del mondo calcistico. E se questi potevamo immaginarlo, vederlo scritto è ancora più forte: 784 milioni per consegnare a Mourinho una squadra che ora è costretta a vincere tanto quanto il suo rivale...
Altra sorpresa: il Chelsea di Conte è quarto in classifica. 644 milioni spesi per la rosa nonostante lo stesso allenatore italiano non sia stato soddisfatto sul mercato. Poi Ncora BRcellona (628), Real Madrid (497, unica squadra che ha diminuito il proprio "valore") e poi ecco la prima Italiana: la Juventus con 470 milioni spesi per fare la squadra.
Attenzione è chiaro che questi dato non prende in considerazione il valore dei giocatori (poi magari nelle prossime settimane vediamo quali sono le squadre che valgono di più anche in relazione con la spesa effettuata, potrebbe essere un bel giochino) dicevamo il valore dei giocatori che vengono dal settore giovanile, che in questo conto valgono zero... ecco perché il Real (che comunque in questo mercato non ha speso) non è neanche sul podio, ecco perché il Bayern è addirittura 11esimo. Ed ecco perché l'Everton, prossimo avversario dell'Atalanta, ha speso tanto quanto i bavaresi!
Il Milan è in seconda posizione per quanto riguarda le italiane (13esimo posto, 316 milioni spesi di cui praticamente quasi tutti investiti quest'estate!), la Roma terza (15esima in assoluto, 276 milioni spesi), 17esima l'Inter (quarta italiana con 268 milioni spesi) seguita a ruota dal Napoli (240 milioni)
L'Atletico però è sotto a tutti: 231 milioni spesi e poi via via. È chiaro che si è più bravi se si spende meno e si arriva sopra a quelli che spendono di più. Ma spendere di più significa avere più chanches di vincere.
Ma forse questa speciale classifica, soprattutto per le squadre straniere, non significa che chi più spende meglio spende. E vince sicuro... ora vedremo se in Italia continua la dittatura Juve ma i soldi investiti hanno portato al dominio di queste ultime 6 stagioni.
Considerazioni finali: le sei big inglesi sono nella top ten (i due Manchester, Chelsea, Liverpool, Arsenal e Tottenham). L'aggregato della Premier è di 5,7 miliardi di dollari (in media 287 per squadra). Staccatissime le altre Leghe: 2,4 miliardi per la Serie A, 2,2 mld per la Liga, 1,9 mld per la Bundesliga e Ligue1. Italia seconda, come sempre dietro gli inglesi per quanto riguarda il mercato. Poi però in Europa succedono giornate come questa... forse qualche riflessione in più converrebbe farla...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.