HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Una modesta proposta: perché tutti i tifosi di Napoli, Inter, Roma, Milan e tutte le altre più piccole devono essere contenti di perdere con la Juventus. Per impedire che i tifosi delle squadre più povere siano un peso per il calcio italiano

02.05.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 40009 volte

O c'è Calciopoli 2, o non c'è. E non c'è. E del resto non ci sarebbe stata nemmeno la 1, se non ci fossero state le intercettazioni. Se avete l'occasione di scorrere qualsiasi giornale dell'epoca, non troverete mezzo sospetto, mezzo riferimento, mezza allusione. Si parlava solo di polemiche. E quella era la realtà dei fatti.

Dunque questa è la realtà dei fatti, oggi. Alimentare il sospetto non è giornalismo serio e non è onorevole, come del resto ha sostenuto intiera la nostra classe giornalistica. E i giornalisti sono uomini d'onore.

Dunque è solo ai fatti che bisogna attenersi. E i fatti dicono che la Juventus vince da 6 anni il campionato. I fatti dicono che la Juventus ha +4 in classifica. I fatti dicono che, cataclismi permettendo (ma non ci sono precipitazioni atmosferiche all'orizzonte, e Simeone gioca stavolta nella Fiorentina) vincerà il settimo scudetto consecutivo.

Questa è l'unica cosa che conta.

E tutti i tifosi di Napoli, Inter, Roma, Milan e tutte le altre squadre più piccole devono essere contenti di perdere con la Juventus. Perché la Juventus è forte, e giustifica la sua vittoria, e dà motivo del perdere contro di lei.

Perdere contro di lei è una verità ineluttabile data dal fatto che la Juventus sotto ogni piano organizzativo e sportivo è assolutamente di netto la più forte. Per cui perdere contro la Juventus è assolutamente comprensibile e giustificabile. Immaginate se si perdesse contro una squadra il cui predominio non fosse così netto.

E' la stessa competizione con la Juventus che nobilita le altre squadre, ma è solo la Juventus che ha come motto 'Vincere è l'unica cosa che conta', quindi è giusto che sia così.

Qualsiasi vittoria della Juventus fa bene a tutto il calcio italiano a cascata. Perché un terzo dell'intero pubblico calcistico è formato da tifosi juventini, quindi vuol dire garantire un seguito solido che altrimenti nessuna altra squadra saprebbe garantire.

In fondo Moggi aveva ragione. Certo non si può negare che su Calciopoli sia stato condannato da qualsiasi grado di giudizio sportivo e penale (salvo prescrizioni sopravvenute, che però nella sentenza confermarono le accuse ma appunto fecero sopraggiungere la giusta prescrizione).

Eppure Moggi aveva ragione quando disse che finché la Juventus vinceva nel 2006, il calcio italiano era florido. Magari si potrebbe obiettare che per riuscire a vincere le altre erano costrette a svenarsi il triplo di quanto avrebbero dovuto fare normalmente, con Lazio, Parma, Roma e Fiorentina tutte arrivate sul fallimento o oltre (non solo per questi motivi, per carità) per essere sicure di essere più forti di qualsiasi intemperie, e con Milan e Inter che hanno solo dilazionato nel tempo la loro agonia grazie a famiglie proprietarie ben più facoltose.

Le finanze rispetto ad allora adesso si sono ristrette, quindi non vedremo più società fallire per riuscire a vincere almeno una volta, ma certo le risorse di Napoli, Roma e Inter senza titoli entrano in un circolo vizioso.

Eppure Moggi aveva ragione. Perché in verità nel 2006 poco prima che scoppiasse Calciopoli il calcio era sull'orlo del baratro, soffocato nella competizione, crollato nell'interesse all'estero a scapito della Premier, e con le Sette Sorelle che avevano già perso 3 pezzi e si apprestavano economicamente a perderne un quarto a prescindere dagli scandali.

Eppure Moggi aveva ragione, perché finché la Juventus vinceva comunque le cose andavano bene.

Ugualmente adesso, l'interesse per il campionato italiano è tornato, su una lotta molto avvincente. E questo nonostante la Juventus si appresti a vincere il settimo scudetto consecutivo, che in verità in teoria dovrebbe ammazzare l'interesse.

Un rivale battuto nonostante sia in salute, credibile, e ammirabile, rappresenta la migliore delle vittorie per la Juventus, che è l'unica che ha tenuto in alto il nome dell'Italia in Europa negli ultimi anni, eccezion fatta per l'episodica stagione della Roma. Le partite che hanno più interesse mediatico per le rivali sono le partite contro la Juve.

E dunque bisogna essere contenti di perdere con la Juventus. E' la cosa migliore per tutti.

Per quanto mi riguarda, l'interesse nella questione si chiude qui.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->