VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Una notizia bella e una brutta per la Juventus: un trequartista sarebbe da acquistare come da tre anni a questa parte. Dzeko allontana la questione del rinnovo di Totti, la Lazio viaggia benino ma non benissimo. Il Napoli ha il solito, annoso, proble

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
25.12.2016 11:56 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 175796 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Prima di iniziare l'editoriale è d'uopo dare il buon Natale e buone feste a tutti, sperando che sotto l'albero ogni tifoso riesca a trovare il regalo che vuole dalla sua squadra. Sicuramente quelli del Milan sono più contenti di quelli juventini, paradossalmente, così come gli interisti si stanno godendo un momento che a un certo punto della stagione sembrava molto complicato. Apre, fra poco, il calciomercato e sarà abbastanza movimentato: qualcosina arriverà, anche di importante, magari qualche rientro (Zaza?) e un paio di bottarelle qui e là, come Witsel o Kessie, chissà.

Fatto il dovuto cappello iniziale, c'è una buona notizia e una brutta per la Juventus, e fa sorridere il fatto che sia la stessa. "Sta tornando il grande calcio italiano". Ammesso e non concesso che i cinesi riescano nell'ardua impresa del closing, mostro finale da videogame, il Milan si aggrappa ai giovani e al suo allenatore, Vincenzo Montella, uno abituato a fare le nozze con i fichi secchi. C'era già riuscito a Firenze, colpito e martoriato da ogni genere di infortunio (ma pur sempre arrivato in semifinale di Europa League), non tanto con la Sampdoria, anche per una mancanza di tempo che, in una piccola, non è perdonabile. Forse i rossoneri non hanno un gioco spagnoleggiante - ancora - ma sono tremendamente efficaci. Questo non significa che la squadra centrerà per forza la Champions League, però l'opportunità di sognare non è stata rubata dal Grinch già prima di Natale come nelle ultime stagioni.

"Sta tornando il grande calcio italiano" si può dire anche per l'Inter, perché con Pioli è tornata una serenità che viene minata di quando in quando dai vari casi, da Gabigol a Jovetic, ma il fatto che la distanza sia davvero risibile, anche con il terzo posto, significa che la bravura del tecnico ex Lazio è stata quella di adattarsi al calcio italiano più che plasmare una squadra in grado di comandare. Perché se è vero che la tecnica individuale dei giocatori interisti è maggiore rispetto a quasi tutte le formazioni (forse anche di Roma e Napoli) non capire che tentare di imporsi sempre e comunque apre a problemi ben più gravi. Poi, certo, il Napoli è migliore e lo si è visto nello scontro diretto, la Roma è più continua, ma ci sono sei mesi per migliorare. Qualcuno andrà via - Kondogbia? Eder? - e ci saranno puntelli qui e là, ma Suning a giugno farà altri grossi investimenti.

Così, la notizia brutta per la Juventus, almeno da un punto di vista sportivo, diventerà bella da quello economico: Inter e Milan ai massimi livelli, Roma e Napoli comunque competitive, la Lazio che cresce sotto l'egida di Inzaghi. Insomma, il calcio italiano potrebbe tornare a divertire e racimolare soldi dalle tv, mangiando quote di mercato alla Premier League. Poi sarebbe bello anche che questi diritti televisivi venissero ripartiti in maniera differente, ma questa è un'altra storia.

Capitolo Roma: l'esplosione di Edin Dzeko, in questa stagione, ha messo nell'ombra Stephan El Shaarawy, uno dei migliori della scorsa, ma soprattutto Francesco Totti. Il capitano, pur essendo una risorsa interessante negli ultimi minuti di partita, non è più il centro del mondo romanista, quello che poteva essere la scorsa Primavera quando il bosniaco non segnava e il capitano doveva entrare a match iniziato. Con l'approdo - probabile - di Monchi dovrà essere affrontato anche questo discorso, ma magari Totti sarà più pronto, rispetto all'anno scorso, per entrare in dirigenza. Dall'altra parte della Capitale, Inzaghi ha avuto il suo bel daffare per creare una squadra di livello, ma dipenderà molto dagli investimenti di Lotito: crescere o rimanere, come al solito, squadra di medio-alto profilo?

Per concludere, il Napoli. Il pareggio contro la Fiorentina, in un'altalena emotiva che può far pensare sia al punto guadagnato che ai due persi, ricorda la dimensione che gli azzurri continueranno a mantenere finché non ci saranno investimenti ingenti. Milik può esserlo, chiaro, ma non è un attaccante che fa tutta la differenza del mondo. L'ha dimostrato Higuain: avere un super campione davanti non è garanzia di Scudetto, magari di secondo posto sì.

Ottimo Natale per Atalanta e Udinese, forse anche per il Torino - che però troverà un esterno sotto l'albero, fra Iturbe e Biabiany - un po' meno per il Genoa di Juric che, in ogni caso, può dirsi soddisfatto dei suoi primi mesi in A. La Fiorentina sembra in pieno ridimensionamento (esaltarsi per le buone prestazioni di Bernardeschi e Chiesa non può bastare dopo aver avuto Giuseppe Rossi), mentre Pescara, Crotone, Palermo ed Empoli sembrano destinate a penare fino alla fine. Carbone, infine, per il Sassuolo: l'unico regalo sperato da Di Francesco è quello di ritrovare i propri infortunati, altrimenti sarà difficile pure per lui.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.