VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Una settimana chiave per la Juve pronta per i tre colpi. La pazienza dell'Inter con i centrocampisti, i conti del Milan per gli attaccanti. Senza (tanti) soldi ci si arrangia

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
10.07.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 57728 volte
© foto di Federico De Luca

Partiamo dalla Juventus che dopo aver venduto per trovarsi in casa un piccolo tesoretto per potersi permettere ora di lanciare l'offensiva. Evra per l'esperienza (e per poter passare con più serenità alla difesa a 4) è il più vicino. Trattativa apertissima ed è possibile anche che si chiuda in queste ore.

Di sicuro invece bisognerà aspettare (anche se non molto) per gli altri due. Ovvero Morata e Iturbe. La Juventus è ottimista. Intanto per Morata il prezzo è fissato: 18 milioni (da pagare in 4 anni), si parla soltanto della recompra (in pratica del riscatto in favore del Real, valido per due anni). La Juventus la vuole a 36, il Real a molto meno. Si parlerà ancora (ora al telefono) anche fra Morata e Real per il rinnovo del contratto, necessario per chiudere l'operazione.

Anche per Iturbe non è ancora fatta. La Juve è convinta di poter chiudere, ma bisognerà aspettare l'incontro decisivo con il Verona. I bianconeri non hanno aumentato l'offerta, il Verona aspetta e nel frattempo ascolta anche le altre squadre che si sono interessate a Iturbe. Quindi dire che è tutto a posto è eccessivo. Che la Juve è in vantaggio sì.

Anche l'Inter si trova nella condizione di aspettare. Aspettare M'Vila ormai non fa più notizia. La trattativa per i nerazzurri è bella che finita. Da tempo, non arriva però il benedetto ok dei russi. Qualcuno dice che perché vorrebbero che il giocatore diminuisse l'entità della buonauscita. Yoanne non si muove da Milano, passeggia in centro. Magari fa in tempo ad aspettare anche Medel. Il cileno ha detto sì all'Inter con grande entusiasmo. Sarebbe davvero felice di poter venire a giocare in Italia. L'Inter l'ha capito e vuole accontentarlo. E ha fatto un'offerta tra i 6 e i 7 milioni per il centrocampista. Ha già fatto un bel passo avanti (rispetto al prestito) ora tocca al Cardiff capire che l'Inter non sta scherzando, che loro sono retrocessi e che il giocatore in B non scende (e non va neanche in Russia) e che quindi gli 11 che chiede sono veramente troppi. Ecco perché serve la pazienza.

Ha provato ad averne anche Rami che invece torna (almeno per il momento) a Valencia. Il Milan ha fatto un'offerta: precisa. 3 milioni 750mila euro. E da lì non si sposta. Il Valencia ne chiede 4 milioni e 250mila. Quindi braccio di ferro. Intanto però Matri va al Genoa (previste visite mediche nelle prossime ore) e si continua a parlare di Vrsaljko. E' chiaro che però il piatto forte sia l'attaccante esterno. E in questo momento il nome sul quale ha puntato il Milan è Cerci. Costa meno rispetto ad Iturbe, guadagna più o meno lo stesso. Il problema è che anche per prendere Cerci il Milan ha bisogno di vendere comunque Robinho. Altrimenti non avrebbe la forza di poter andare a strappare al Torino il giocatore.

Proprio il Torino ha offerto ieri 2 milioni per Quagliarella, uscendo allo scoperto. Ne servono almeno il doppio, nei prossimi giorni si vedranno anche i direttori sportivi per capire se l'operazione può andare avanti. Quagliarella piace molto anche al Verona e alla Samp, ma per ora il Toro è in vantaggio.

A proposito di Samp: offerto un biennale a Samuel. Il giocatore ci pensa, almeno un paio di giorni. Che sia un momento di attesa lo si capisce anche dalla Fiorentina. Un attesa particolare, quasi strategica. La famiglia Della Mano ha uno dei giocatori più importanti del panorama internazionale: Cuadrado. Il suo procuratore è stato a Barcellona: nessun contratto in tasca, prima bisogna parlare proprio con la Fiorentina, per capire come vuole gestire la situaizone la società.

Intanto ieri incontro con il Verona per decidere il futuro di Romulo: la situazione è questa. Il Verona lo riscatta a 3 milioni e mezzo, la Fiorentina avrà la priorità per riprenderlo (se vorranno) altrimenti il Verona lo tiene per poi venderlo (magari al doppio). Intanto il Verona ha preso Obbadi dal Monaco (centrocampista 30enne). Il Cagliari ha preso Balzano (svincolato dal Pescara), Crisetig (prestito biennale dall'Inter) e si è inserita a sorpresa per Pavoletti (che stava parlando anche con il Genoa). In queste ore il Palermo ci prova per Joao Silva (attaccante del Bari) e sta chiudendo per Chochev centrocampista del CSKA Sofia (lo voleva anche il Monaco), alla Samp piace Duncan, il Cesena ha preso Nica, l'Empoli ha preso Sepe, il Chievo ha ufficializzato Birsa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.