VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Una settimana di fuoco per rilanciarsi in campionato, poi parli chiaro chi ha dei dubbi sul suo futuro a Napoli: questa piazza merita lo scudetto e non altri tradimenti

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
26.10.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 17811 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Una settimana campale, cruciale, al limite delle considerazioni estreme. Da oggi a sabato prossimo, sette giorni di fuoco. Si comincia con la sfida casalinga contro il Verona, per proseguire con l'infrasettimanale di Bergamo e il big match di sabato al San Paolo contro la Roma. Se il bel Napoli di un anno fa non è sparito, se è soltanto finito in letargo dopo le fatiche Mondiali e se davvero può rilanciarsi verso le prime posizioni della graduatoria, questo è il momento giusto per dimostrare che la strada dalla quale Benitez ha deciso di non spostarsi, è sempre quella giusta. "Non bisogna dare peso alle sconfitte" è il credo di don Rafè, perché per lui prima o poi i calciatori impareranno quel calcio che sta provando ad impartire loro da 16 mesi a questa parte. Meglio prima che poi. Diceva Totò, "ogni limite ha una pazienza" e pure quella di De Laurentiis comincia a vacillare, al sol pensiero degli investimenti fatti nelle ultime tre sessioni di mercato per dare a quel Napoli capace "solo" di approdare in Champions e vincere una Coppa Italia a distanza di cinque lustri dall'ultima, un tecnico vincente ed acquisti di alto profilo per fare il salto di qualità e dare l'assalto allo scudetto. Se poi riesci pure a convincere uno degli attaccanti più costosi e richiesti al mondo che il tuo progetto è giusto quasi quanto quello di altri top club, allora sì che la spesa vale l'impresa. Poi succede che Higuain non segna da 8 partite di campionato per 720 minuti complessivi e pure Hamsik comincia a perdere valore perché all'asciutto in serie A dallo scorso 11 maggio. Certo, succederà che riprenderanno a fare gol, li hanno sempre fatti, nell'auspicio che intanto la squadra non perda altro terreno in vista degli obiettivi che società e tecnico si sono prefissati. Fallire non si può, non si deve, essendo quello azzurro un club che campa di successi sportivi per tirare fuori i ricavi necessari a potenziare l'organico. Altro non ha ed in una situazione simile occorre adottare la politica dei piccoli passi, aggiungendo uno o due pezzi su di un mosaico che dovrebbe essere incoraggiato e non demolito. Tutto il resto sono chiacchiere, perché sarebbe impossibile in tale contesto investire 100 milioni all'anno in cartellini di calciatori e nemmeno si può aspettare che dal vivaio vengano fuori i talenti che occorrono per vincere un po' di più di ogni 25 anni. Il Napoli di adesso, quello che non può contare sulle risorse provenienti dallo stadio di proprietà o su soci danarosi come gli sceicchi, deve muoversi con cautela, centellinando le energie, valorizzando sempre il parco giocatori e non costringerli ad andar via quando hanno un carattere forte e non sono solo dei soldatini ai quali insegnare nevroticamente i meccanismi di gioco. A Napoli solitamente bisogna essere malleabili, nella vita di tutti i giorni quanto nel calcio, ed esser bravi a trovare il giusto compromesso per soddisfare una platea stufa dei piazzamenti e desiderosa, oggi, di essere prima almeno nel pallone. Questa è Napoli, tutto il resto sono chiacchiere e gite turistiche come qualsiasi visitatore dovrebbe fare. In una realtà solitamente individualista ci si riconosce solo in uno sport di squadra come il calcio, per il quale dimenticare le differenze di classe e di professione e ritrovarsi, loro sì, "spalla a spalla" nel dare spinta ai calciatori in campo. Qui la serenità è un difetto e diventa obbligatorio tirare fuori la "cazzimma" per superare ostacoli altrimenti insormontabili. A Napoli serve questa qualità intraducibile per cancellare il divario con chi ha di più, ma diventa obbligatorio soprattutto il parlar chiaro. Adesso, non necessariamente in pubblico, affinchè la società sappia su chi potrà contare o meno per il futuro prossimo di una squadra e di una piazza che non meriterebbero altri tradimenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.