HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Van Dijk? Lo ha preso il Milan! Mercato, il problema non è Spalletti... Allegri: ma è ancora colpa di Messi?

30.12.2017 08:40 di Mauro Suma   articolo letto 41582 volte

La notizia dell'acquisto del 26enne nemmeno di belle speranze Virgil Van Dijk, professione difensore centrale, alla modica cifra di 84 milioni di euro da parte del Liverpool, ci aveva fatto sperare. Vuoi vedere che qualcuno in Italia capisce che sono i prezzi del calciomercato di oggi ad essere impazziti e non i numeri del mercato estivo del Milan? Ma nemmeno per idea, la litania è ripartita. Il gol di coppa Italia ha ridato la stura alla solita solfa del mercato secondo alcuni di 230, secondo altri di 240 milioni da parte del Milan, quando poi i gol li fa Cutrone. Come se i 70 milioni di cessioni non fossero mai esistiti, come se il Milan avesse solo comprato e non ceduto, come se fossero rimasti tutti i giocatori dell'anno scorso e ne fossero arrivati una carrettata di nuovi. E' il calcio mediatico un tanto al tocco che viene ripetuto all'ossessione, senza approdare a nulla di ben preciso, repliche di concetti su repliche di concetti. E il problema è che la questione non si limita al mercato, ma anche alle partite. Subito dopo il derby dell'asteroide vinto clamorosamente rispetto alle previsioni quanto meritatamente rispetto al campo, è partito un nuovo refrain che ha coinvolto tutti: vediamo a Firenze, se sarà vera svolta. Solo Firenze può essere la controprova. Ma come è possibile che solo 60 ore dopo il fischio finale di una gara combattuta fino ai tempi supplementari in una serata anche meteorologicamente da lupi, possa esserci un riscontro attendibile? A Firenze il Milan deve gestire la stanchezza e vedere cosa riesce a tirar fuori da se stesso. Non è Firenze la dimostrazione dell'esistenza del Milan. Ripetiamo: 23.30 fischio finale di Milan-Inter mercoledì 27 dicembre, ore 12.30 fischio d'inizio di Fiorentina-Milan sabato 30 dicembre. Di cosa stiamo parlando? A meno che titoloni e titolisti non facciano sul serio...ma come addì 24 dicembre 2017 c'era chi ipotizzava il ritorno di Montella (il Milan il suo contributo lo ha dato perchè l'operazione Siviglia andasse a buon fine, per cui nessuno ci ha rimesso praticamente nulla...) al posto di Gattuso e addì 29 dicembre 2017 gli stessi chiedono a Firenze o mai più l'esame decisivo per la svolta allo stesso Gattuso...Non vogliamo e non possiamo insegnare niente a nessuno, ma se almeno ogni tanto la giostra un tantino schizofrenica che muove i fili mediatici del calcio si accorgesse di se stessa, non sarebbe male. La stessa vicenda di Yonghong Li non è male. Tutti convinti che non si sarebbe più rivisto, tutti convinti che l'unica proprietà cinese vera, dura e pura a Milano fosse quella nerazzurra, e poi al derby fino ad oggi più decisivo della stagione il presidente cinese rossonero è allo stadio e vince, mentre dei dirigenti nerazzurri cinesi neanche l'ombra e la loro squadra pure perde. Ma non è certo uno sfottò all'Inter, bensì un segnale alla giostrina. Sempre con rispetto, naturalmente.

A proposito dell'Inter. Il derby di coppa Italia ha confermato che Mauro Icardi è un giocatore pazzesco. Se oggi fosse al posto di Higuain nella Juventus e fosse al centro del meccanismo di gioco bianconero, potrebbe fare tre gol netti a partita. Nel  derby non gli sono arrivati rifornimenti apprezzabili, ma: a momenti si inventa un gol da solo, di testa, con deviazione all'indietro; manda in gol Joao Mario (45 milioni di euro spesi, quasi quanto Calhanoglu e Andrè Silva messi insieme,così, en passant) ma il portoghese si dimentica di fare gol; ha ritardato un solo controllo di palla al limite dell'area altrimenti è solo davanti al portiere nel secondo tempo regolamentare. Tutto questo, sostanzialmente da solo. Come solo suo è l'unico gol segnato dall'Inter nelle ultime cinque gare ufficiali fra Juventus, Pordenone, Udinese, Sassuolo e Milan. Ecco perchè quando si parla del mercato difensivo e autofinanziato dell'Inter nelle prossime sessioni di compravendita, non bisogna pensare solo alle reazioni di Spalletti. Che certamente preme e che spera di essere accontentato. Ma la vera preoccupazione della proprietà cinese dell'Inter deve essere, oltre a quella di auscultare i continui sussurri di Pechino, soprattutto quella di non dare mai la sensazione a Icardi che il progetto si stia ridimensionando. Perchè lui, e a questo punto ne avrebbe ben donde, ci mette un attimo. 

Il disco del tecnico bianconero si sta rompendo. Ad ogni conferenza stampa, il tema irrisolto di Dybala gli rimbalza sul tavolo. E alla vigilia di Verona-Juventus lui è andato giù un po' piatto: "Questi ragazzi qui, con loro bisogna stare attenti, certi paragoni li danneggiano", con riferimento alle prime pagine du Dybala come Messi di inizio stagione. Attenzione quando Allegri li chiama "ragazzi" o "ragazzotti" i giocatori: aveva usato gli stessi termini per El Shaarawy, per Balotelli, per Niang. Tutti attaccanti che hanno proseguito per carità la loro carriera, ma senza esplodere, senza il grande crescendo che tutti pronosticano per Dybala. L'argentino ha un talento sconfinato, ma più tarda ad uscire dall'involuzione di questi ultimi mesi e più il problema rischia di avvitarsi sul serio. L'importante è che Dybala non crei a se stesso l'alibi dell'allenatore: è con lui che è difficile, è con lui che non mi prendo eccetera. Erano gli stessi pensieri di Pato, poi campo e storia successiva hanno dimostrato che Allegri non era certo dalla parte del torto. Dybala deve prendere la parte buona dei discorsi che è costretto a ripetere il suo allenatore: sta provando a raffreddare le attenzioni e le attese che ci sono su di lui. E' una buona scialuppa, sulla quale il 24enne nazionale albiceleste deve affrettarsi a salire. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy