HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Van Dijk? Lo ha preso il Milan! Mercato, il problema non è Spalletti... Allegri: ma è ancora colpa di Messi?

30.12.2017 08:40 di Mauro Suma   articolo letto 41644 volte

La notizia dell'acquisto del 26enne nemmeno di belle speranze Virgil Van Dijk, professione difensore centrale, alla modica cifra di 84 milioni di euro da parte del Liverpool, ci aveva fatto sperare. Vuoi vedere che qualcuno in Italia capisce che sono i prezzi del calciomercato di oggi ad essere impazziti e non i numeri del mercato estivo del Milan? Ma nemmeno per idea, la litania è ripartita. Il gol di coppa Italia ha ridato la stura alla solita solfa del mercato secondo alcuni di 230, secondo altri di 240 milioni da parte del Milan, quando poi i gol li fa Cutrone. Come se i 70 milioni di cessioni non fossero mai esistiti, come se il Milan avesse solo comprato e non ceduto, come se fossero rimasti tutti i giocatori dell'anno scorso e ne fossero arrivati una carrettata di nuovi. E' il calcio mediatico un tanto al tocco che viene ripetuto all'ossessione, senza approdare a nulla di ben preciso, repliche di concetti su repliche di concetti. E il problema è che la questione non si limita al mercato, ma anche alle partite. Subito dopo il derby dell'asteroide vinto clamorosamente rispetto alle previsioni quanto meritatamente rispetto al campo, è partito un nuovo refrain che ha coinvolto tutti: vediamo a Firenze, se sarà vera svolta. Solo Firenze può essere la controprova. Ma come è possibile che solo 60 ore dopo il fischio finale di una gara combattuta fino ai tempi supplementari in una serata anche meteorologicamente da lupi, possa esserci un riscontro attendibile? A Firenze il Milan deve gestire la stanchezza e vedere cosa riesce a tirar fuori da se stesso. Non è Firenze la dimostrazione dell'esistenza del Milan. Ripetiamo: 23.30 fischio finale di Milan-Inter mercoledì 27 dicembre, ore 12.30 fischio d'inizio di Fiorentina-Milan sabato 30 dicembre. Di cosa stiamo parlando? A meno che titoloni e titolisti non facciano sul serio...ma come addì 24 dicembre 2017 c'era chi ipotizzava il ritorno di Montella (il Milan il suo contributo lo ha dato perchè l'operazione Siviglia andasse a buon fine, per cui nessuno ci ha rimesso praticamente nulla...) al posto di Gattuso e addì 29 dicembre 2017 gli stessi chiedono a Firenze o mai più l'esame decisivo per la svolta allo stesso Gattuso...Non vogliamo e non possiamo insegnare niente a nessuno, ma se almeno ogni tanto la giostra un tantino schizofrenica che muove i fili mediatici del calcio si accorgesse di se stessa, non sarebbe male. La stessa vicenda di Yonghong Li non è male. Tutti convinti che non si sarebbe più rivisto, tutti convinti che l'unica proprietà cinese vera, dura e pura a Milano fosse quella nerazzurra, e poi al derby fino ad oggi più decisivo della stagione il presidente cinese rossonero è allo stadio e vince, mentre dei dirigenti nerazzurri cinesi neanche l'ombra e la loro squadra pure perde. Ma non è certo uno sfottò all'Inter, bensì un segnale alla giostrina. Sempre con rispetto, naturalmente.

A proposito dell'Inter. Il derby di coppa Italia ha confermato che Mauro Icardi è un giocatore pazzesco. Se oggi fosse al posto di Higuain nella Juventus e fosse al centro del meccanismo di gioco bianconero, potrebbe fare tre gol netti a partita. Nel  derby non gli sono arrivati rifornimenti apprezzabili, ma: a momenti si inventa un gol da solo, di testa, con deviazione all'indietro; manda in gol Joao Mario (45 milioni di euro spesi, quasi quanto Calhanoglu e Andrè Silva messi insieme,così, en passant) ma il portoghese si dimentica di fare gol; ha ritardato un solo controllo di palla al limite dell'area altrimenti è solo davanti al portiere nel secondo tempo regolamentare. Tutto questo, sostanzialmente da solo. Come solo suo è l'unico gol segnato dall'Inter nelle ultime cinque gare ufficiali fra Juventus, Pordenone, Udinese, Sassuolo e Milan. Ecco perchè quando si parla del mercato difensivo e autofinanziato dell'Inter nelle prossime sessioni di compravendita, non bisogna pensare solo alle reazioni di Spalletti. Che certamente preme e che spera di essere accontentato. Ma la vera preoccupazione della proprietà cinese dell'Inter deve essere, oltre a quella di auscultare i continui sussurri di Pechino, soprattutto quella di non dare mai la sensazione a Icardi che il progetto si stia ridimensionando. Perchè lui, e a questo punto ne avrebbe ben donde, ci mette un attimo. 

Il disco del tecnico bianconero si sta rompendo. Ad ogni conferenza stampa, il tema irrisolto di Dybala gli rimbalza sul tavolo. E alla vigilia di Verona-Juventus lui è andato giù un po' piatto: "Questi ragazzi qui, con loro bisogna stare attenti, certi paragoni li danneggiano", con riferimento alle prime pagine du Dybala come Messi di inizio stagione. Attenzione quando Allegri li chiama "ragazzi" o "ragazzotti" i giocatori: aveva usato gli stessi termini per El Shaarawy, per Balotelli, per Niang. Tutti attaccanti che hanno proseguito per carità la loro carriera, ma senza esplodere, senza il grande crescendo che tutti pronosticano per Dybala. L'argentino ha un talento sconfinato, ma più tarda ad uscire dall'involuzione di questi ultimi mesi e più il problema rischia di avvitarsi sul serio. L'importante è che Dybala non crei a se stesso l'alibi dell'allenatore: è con lui che è difficile, è con lui che non mi prendo eccetera. Erano gli stessi pensieri di Pato, poi campo e storia successiva hanno dimostrato che Allegri non era certo dalla parte del torto. Dybala deve prendere la parte buona dei discorsi che è costretto a ripetere il suo allenatore: sta provando a raffreddare le attenzioni e le attese che ci sono su di lui. E' una buona scialuppa, sulla quale il 24enne nazionale albiceleste deve affrettarsi a salire. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy