VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Van Dijk? Lo ha preso il Milan! Mercato, il problema non è Spalletti... Allegri: ma è ancora colpa di Messi?

30.12.2017 08:40 di Mauro Suma   articolo letto 41323 volte

La notizia dell'acquisto del 26enne nemmeno di belle speranze Virgil Van Dijk, professione difensore centrale, alla modica cifra di 84 milioni di euro da parte del Liverpool, ci aveva fatto sperare. Vuoi vedere che qualcuno in Italia capisce che sono i prezzi del calciomercato di oggi ad essere impazziti e non i numeri del mercato estivo del Milan? Ma nemmeno per idea, la litania è ripartita. Il gol di coppa Italia ha ridato la stura alla solita solfa del mercato secondo alcuni di 230, secondo altri di 240 milioni da parte del Milan, quando poi i gol li fa Cutrone. Come se i 70 milioni di cessioni non fossero mai esistiti, come se il Milan avesse solo comprato e non ceduto, come se fossero rimasti tutti i giocatori dell'anno scorso e ne fossero arrivati una carrettata di nuovi. E' il calcio mediatico un tanto al tocco che viene ripetuto all'ossessione, senza approdare a nulla di ben preciso, repliche di concetti su repliche di concetti. E il problema è che la questione non si limita al mercato, ma anche alle partite. Subito dopo il derby dell'asteroide vinto clamorosamente rispetto alle previsioni quanto meritatamente rispetto al campo, è partito un nuovo refrain che ha coinvolto tutti: vediamo a Firenze, se sarà vera svolta. Solo Firenze può essere la controprova. Ma come è possibile che solo 60 ore dopo il fischio finale di una gara combattuta fino ai tempi supplementari in una serata anche meteorologicamente da lupi, possa esserci un riscontro attendibile? A Firenze il Milan deve gestire la stanchezza e vedere cosa riesce a tirar fuori da se stesso. Non è Firenze la dimostrazione dell'esistenza del Milan. Ripetiamo: 23.30 fischio finale di Milan-Inter mercoledì 27 dicembre, ore 12.30 fischio d'inizio di Fiorentina-Milan sabato 30 dicembre. Di cosa stiamo parlando? A meno che titoloni e titolisti non facciano sul serio...ma come addì 24 dicembre 2017 c'era chi ipotizzava il ritorno di Montella (il Milan il suo contributo lo ha dato perchè l'operazione Siviglia andasse a buon fine, per cui nessuno ci ha rimesso praticamente nulla...) al posto di Gattuso e addì 29 dicembre 2017 gli stessi chiedono a Firenze o mai più l'esame decisivo per la svolta allo stesso Gattuso...Non vogliamo e non possiamo insegnare niente a nessuno, ma se almeno ogni tanto la giostra un tantino schizofrenica che muove i fili mediatici del calcio si accorgesse di se stessa, non sarebbe male. La stessa vicenda di Yonghong Li non è male. Tutti convinti che non si sarebbe più rivisto, tutti convinti che l'unica proprietà cinese vera, dura e pura a Milano fosse quella nerazzurra, e poi al derby fino ad oggi più decisivo della stagione il presidente cinese rossonero è allo stadio e vince, mentre dei dirigenti nerazzurri cinesi neanche l'ombra e la loro squadra pure perde. Ma non è certo uno sfottò all'Inter, bensì un segnale alla giostrina. Sempre con rispetto, naturalmente.

A proposito dell'Inter. Il derby di coppa Italia ha confermato che Mauro Icardi è un giocatore pazzesco. Se oggi fosse al posto di Higuain nella Juventus e fosse al centro del meccanismo di gioco bianconero, potrebbe fare tre gol netti a partita. Nel  derby non gli sono arrivati rifornimenti apprezzabili, ma: a momenti si inventa un gol da solo, di testa, con deviazione all'indietro; manda in gol Joao Mario (45 milioni di euro spesi, quasi quanto Calhanoglu e Andrè Silva messi insieme,così, en passant) ma il portoghese si dimentica di fare gol; ha ritardato un solo controllo di palla al limite dell'area altrimenti è solo davanti al portiere nel secondo tempo regolamentare. Tutto questo, sostanzialmente da solo. Come solo suo è l'unico gol segnato dall'Inter nelle ultime cinque gare ufficiali fra Juventus, Pordenone, Udinese, Sassuolo e Milan. Ecco perchè quando si parla del mercato difensivo e autofinanziato dell'Inter nelle prossime sessioni di compravendita, non bisogna pensare solo alle reazioni di Spalletti. Che certamente preme e che spera di essere accontentato. Ma la vera preoccupazione della proprietà cinese dell'Inter deve essere, oltre a quella di auscultare i continui sussurri di Pechino, soprattutto quella di non dare mai la sensazione a Icardi che il progetto si stia ridimensionando. Perchè lui, e a questo punto ne avrebbe ben donde, ci mette un attimo. 

Il disco del tecnico bianconero si sta rompendo. Ad ogni conferenza stampa, il tema irrisolto di Dybala gli rimbalza sul tavolo. E alla vigilia di Verona-Juventus lui è andato giù un po' piatto: "Questi ragazzi qui, con loro bisogna stare attenti, certi paragoni li danneggiano", con riferimento alle prime pagine du Dybala come Messi di inizio stagione. Attenzione quando Allegri li chiama "ragazzi" o "ragazzotti" i giocatori: aveva usato gli stessi termini per El Shaarawy, per Balotelli, per Niang. Tutti attaccanti che hanno proseguito per carità la loro carriera, ma senza esplodere, senza il grande crescendo che tutti pronosticano per Dybala. L'argentino ha un talento sconfinato, ma più tarda ad uscire dall'involuzione di questi ultimi mesi e più il problema rischia di avvitarsi sul serio. L'importante è che Dybala non crei a se stesso l'alibi dell'allenatore: è con lui che è difficile, è con lui che non mi prendo eccetera. Erano gli stessi pensieri di Pato, poi campo e storia successiva hanno dimostrato che Allegri non era certo dalla parte del torto. Dybala deve prendere la parte buona dei discorsi che è costretto a ripetere il suo allenatore: sta provando a raffreddare le attenzioni e le attese che ci sono su di lui. E' una buona scialuppa, sulla quale il 24enne nazionale albiceleste deve affrettarsi a salire. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.