HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Van Dijk? Lo ha preso il Milan! Mercato, il problema non è Spalletti... Allegri: ma è ancora colpa di Messi?

30.12.2017 08:40 di Mauro Suma   articolo letto 41673 volte

La notizia dell'acquisto del 26enne nemmeno di belle speranze Virgil Van Dijk, professione difensore centrale, alla modica cifra di 84 milioni di euro da parte del Liverpool, ci aveva fatto sperare. Vuoi vedere che qualcuno in Italia capisce che sono i prezzi del calciomercato di oggi ad essere impazziti e non i numeri del mercato estivo del Milan? Ma nemmeno per idea, la litania è ripartita. Il gol di coppa Italia ha ridato la stura alla solita solfa del mercato secondo alcuni di 230, secondo altri di 240 milioni da parte del Milan, quando poi i gol li fa Cutrone. Come se i 70 milioni di cessioni non fossero mai esistiti, come se il Milan avesse solo comprato e non ceduto, come se fossero rimasti tutti i giocatori dell'anno scorso e ne fossero arrivati una carrettata di nuovi. E' il calcio mediatico un tanto al tocco che viene ripetuto all'ossessione, senza approdare a nulla di ben preciso, repliche di concetti su repliche di concetti. E il problema è che la questione non si limita al mercato, ma anche alle partite. Subito dopo il derby dell'asteroide vinto clamorosamente rispetto alle previsioni quanto meritatamente rispetto al campo, è partito un nuovo refrain che ha coinvolto tutti: vediamo a Firenze, se sarà vera svolta. Solo Firenze può essere la controprova. Ma come è possibile che solo 60 ore dopo il fischio finale di una gara combattuta fino ai tempi supplementari in una serata anche meteorologicamente da lupi, possa esserci un riscontro attendibile? A Firenze il Milan deve gestire la stanchezza e vedere cosa riesce a tirar fuori da se stesso. Non è Firenze la dimostrazione dell'esistenza del Milan. Ripetiamo: 23.30 fischio finale di Milan-Inter mercoledì 27 dicembre, ore 12.30 fischio d'inizio di Fiorentina-Milan sabato 30 dicembre. Di cosa stiamo parlando? A meno che titoloni e titolisti non facciano sul serio...ma come addì 24 dicembre 2017 c'era chi ipotizzava il ritorno di Montella (il Milan il suo contributo lo ha dato perchè l'operazione Siviglia andasse a buon fine, per cui nessuno ci ha rimesso praticamente nulla...) al posto di Gattuso e addì 29 dicembre 2017 gli stessi chiedono a Firenze o mai più l'esame decisivo per la svolta allo stesso Gattuso...Non vogliamo e non possiamo insegnare niente a nessuno, ma se almeno ogni tanto la giostra un tantino schizofrenica che muove i fili mediatici del calcio si accorgesse di se stessa, non sarebbe male. La stessa vicenda di Yonghong Li non è male. Tutti convinti che non si sarebbe più rivisto, tutti convinti che l'unica proprietà cinese vera, dura e pura a Milano fosse quella nerazzurra, e poi al derby fino ad oggi più decisivo della stagione il presidente cinese rossonero è allo stadio e vince, mentre dei dirigenti nerazzurri cinesi neanche l'ombra e la loro squadra pure perde. Ma non è certo uno sfottò all'Inter, bensì un segnale alla giostrina. Sempre con rispetto, naturalmente.

A proposito dell'Inter. Il derby di coppa Italia ha confermato che Mauro Icardi è un giocatore pazzesco. Se oggi fosse al posto di Higuain nella Juventus e fosse al centro del meccanismo di gioco bianconero, potrebbe fare tre gol netti a partita. Nel  derby non gli sono arrivati rifornimenti apprezzabili, ma: a momenti si inventa un gol da solo, di testa, con deviazione all'indietro; manda in gol Joao Mario (45 milioni di euro spesi, quasi quanto Calhanoglu e Andrè Silva messi insieme,così, en passant) ma il portoghese si dimentica di fare gol; ha ritardato un solo controllo di palla al limite dell'area altrimenti è solo davanti al portiere nel secondo tempo regolamentare. Tutto questo, sostanzialmente da solo. Come solo suo è l'unico gol segnato dall'Inter nelle ultime cinque gare ufficiali fra Juventus, Pordenone, Udinese, Sassuolo e Milan. Ecco perchè quando si parla del mercato difensivo e autofinanziato dell'Inter nelle prossime sessioni di compravendita, non bisogna pensare solo alle reazioni di Spalletti. Che certamente preme e che spera di essere accontentato. Ma la vera preoccupazione della proprietà cinese dell'Inter deve essere, oltre a quella di auscultare i continui sussurri di Pechino, soprattutto quella di non dare mai la sensazione a Icardi che il progetto si stia ridimensionando. Perchè lui, e a questo punto ne avrebbe ben donde, ci mette un attimo. 

Il disco del tecnico bianconero si sta rompendo. Ad ogni conferenza stampa, il tema irrisolto di Dybala gli rimbalza sul tavolo. E alla vigilia di Verona-Juventus lui è andato giù un po' piatto: "Questi ragazzi qui, con loro bisogna stare attenti, certi paragoni li danneggiano", con riferimento alle prime pagine du Dybala come Messi di inizio stagione. Attenzione quando Allegri li chiama "ragazzi" o "ragazzotti" i giocatori: aveva usato gli stessi termini per El Shaarawy, per Balotelli, per Niang. Tutti attaccanti che hanno proseguito per carità la loro carriera, ma senza esplodere, senza il grande crescendo che tutti pronosticano per Dybala. L'argentino ha un talento sconfinato, ma più tarda ad uscire dall'involuzione di questi ultimi mesi e più il problema rischia di avvitarsi sul serio. L'importante è che Dybala non crei a se stesso l'alibi dell'allenatore: è con lui che è difficile, è con lui che non mi prendo eccetera. Erano gli stessi pensieri di Pato, poi campo e storia successiva hanno dimostrato che Allegri non era certo dalla parte del torto. Dybala deve prendere la parte buona dei discorsi che è costretto a ripetere il suo allenatore: sta provando a raffreddare le attenzioni e le attese che ci sono su di lui. E' una buona scialuppa, sulla quale il 24enne nazionale albiceleste deve affrettarsi a salire. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510