HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

VAR, ecco la fase di rigetto. Gli arbitri lo usano meno. Allegri soffre Sarri, per restare non basterà lo Scudetto. La verità sul futuro di Gattuso

02.03.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22052 volte
© foto di Federico De Luca

Penso alla straordinaria volata fra Napoli e Juve e, chissà perché?, mi viene in mente il Var. Bene. Avete fatto caso che gli arbitri lo usano meno? 
Anche nelle partite di coppa Italia (rigore su Matuidi, mani di Masiello), magari un’occhiata sarebbe stato meglio darla. E’ vero che il protocollo, in sostanza le regole, parla di intervento dovuto solo in occasione di errore chiaro, ma fino a qualche domenica fa il Var interveniva su tutto. Anche per consigliare la marca del the da bere e fine partita. 
Anche un’occhiatina alla maglietta tirata di Mertens in area del Cagliari e al fallo di Barella (era da espulsione) forse sarebbe stato il caso di darla, che ne pensa il Var Doveri? 
Sottolineo questo per un motivo semplicissimo: visto che c’è uno strumento in grado di aiutare gli arbitri perché non approfittarne fino in fondo? Ma soprattutto, lo dico oggi quando mancano dodici giornate (tredici per la Juve) del campionato più incerto degli ultimi dieci anni, perché complicarsi la vita e lasciare margini ai dubbi e alle irregolarità? 
Ha pensato l’arbitro Giacomelli cosa sarebbe successo se Cagliari-Napoli fosse finita zero a zero dopo un rigore così netto e non fischiato? Ecco, allora usatelo questo Var. A meno che gli arbitri non comincino ad annusare un’aria contraria che arriva dal presidente dell’Uefa Ceferin che non vuole la tecnologia in Champions League, ma non solo da lui. Ma, signori arbitri, qui siamo a livello di politica sportiva che a voi non compete. Il Var si sta sperimentando in Italia e per voi corre l’obbligo di sperimentare. Lo dico perché vorrei che questa straordinaria volata fra Napoli e Juve finisse in gloria, senza nubi, polemiche e dubbi. 
Anche per questo credo che Rizzoli per Napoli e Juve, da qui in avanti, dovrebbe formare le coppie migliori arbitro-varista, le più affiatate, le più esperte, quelle veramente in grado di andare oltre la carriera e le rivalità, per pensare solo agli errori da evitare e quelli da cancellare o rimediare. A qualcuno queste considerazioni sembreranno una banalità, ma vi assicuro che non è così. Vi siete mai chiesti perché con un arbitro importante in genere c’è un varista non altrettanto quotato? Per evitare contrapposizioni di giudizio e dare più autonomia a chi arbitra in virtù della maggiore esperienza.
Detto questo, la volata ce la stiamo godendo. Ci stiamo godendo soprattutto questo straordinario Napoli. Visto il cinque a zero al Cagliari? Lo dico soltanto per quelli che amano il calcio, al di sopra delle fazioni e dei partiti presi. Non so chi vincerà lo scudetto, non voglio neppure sminuire la forza della Juventus, capisco pure i tifosi bianconeri, tifare è qualcosa di diverso, ma chi non riesce o non vuole accettare la straordinarietà del gioco del Napoli non ha capito niente del calcio. Tanto per dire, prima Guardiola (il miglior allenatore al mondo) e l’altro giorno Pochettino, non gente qualsiasi, hanno fatto sapere che guardano il Napoli per lo spettacolo e per accrescere la loro cultura calcistica. 
La Juventus nella storia c’è già per le sue vittorie, il suo modo di fare calcio che si esalta nel mix fra tattica, mentalità e forza dei giocatori, il gioco non è mai al primo posto della programmazione. La Juve funziona così, stop. E la Juventus l’abbiamo celebrata e lo faremo ancora, ora è il turno del Napoli. Non ha ancora vinto niente, ma comunque nella storia c’è già. Non doveva dirlo Sarri, a volte l’umiltà aiuta, ma che questa squadra abbia raggiunto dei vertici di organizzazione, di spettacolarità e di idea di gioco altissimi è evidente. 
L’esaltazione del gioco collettivo di questo Napoli è di sicuro avvicinabile all’Olanda, al primo Barcellona. Squadre che hanno lasciato il segno. E se ancora oggi, qualche volta, ci capita di ricordare il Foggia di Zeman che squadra perfetta non era, anzi non aveva equilibrio, fra dieci, venti, cent’anni si celebrerà il gioco di questo Napoli che ha raggiunto vette altissime senza avere in squadra neppure un campione, ma soltanto qualcuno sopra la media. L’Olanda aveva Crujff, il Barcellona un certo Messi, il Napoli ha Sarri.
Di questo dualismo non soffrono soltanto i tifosi della Juve, è evidente il nervosismo di Allegri quando è sollecitato sul tema. Si rilassi. La contrapposizione è sbagliata e chi la usa sa di fare qualcosa di scorretto. Allegri nella storia c’è già anche lui per i suoi trionfi,ma la sua cultura è diversa. Ognuno sceglie la sua strada, ha le sue idee, il suo credo. Il calcio di Allegri è fatto di altri principi e funziona, quindi non capisco dove stia il problema. Se Allegri si aspetta che qualcuno dica della Juventus che è bella e spettacolare si sbaglia. A volte è stata anche bella, ma in certe occasioni, con il trucco fresco. Altrimenti è solida, concreta, affidabile, matura e vincente: non mi sembra poco. Però Allegri ci soffre, è evidente. Patisce soprattutto il fatto che anche una parte della tifoseria bianconera tiri fuori dubbi sulla sua capacità. Ogni tanto, puntualmente, basta una partita sbagliata per riavviare vecchi discorsi. Dico questo perché il problema Allegri alla Juve c’è. Esiste. Se non dovesse andare avanti in Champions mercoledì col Tottenham saranno già processi. Aspettateli. E si allargherebbe la forbice del dubbio guardando il Napoli….
Che succederà? Se non dovesse vincere lo scudetto e non centrare la finale Champions mi sembra chiaro che chiuderebbe qui la storia di Allegri alla Juve. Anche il solo scudetto forse non sarà sufficiente. Credo che soltanto un improbabile Triplete potrebbe far continuare questo matrimonio nato per caso e durato già tanto. E la Juve sta studiando la situazione. Proprio il nome di Pochettino sta frullando in testa a un dirigente bianconero che l’ha buttato lì in una cena fra amici. Di sicuro il Tottenham è da anni un mix di buon calcio e di buoni risultati. Ma siamo solo all’inizio, sabato con la Lazio per il campionato, mercoledì con gli inglesi, tocca alla Juve dimostrare che anche senza un gioco spettacolare il calcio funziona.    
Chiudo esaltando il lavoro di Gattuso. Molti lo paragonano a Conte. I due si assomigliano in panchina, ma fuori so che Gattuso ha preso il meglio ed ha miscelato i metodi di due suoi grandi allenatori: Ancelotti e Lippi. Poi ci ha messo del Gattuso. 
La scorsa settimana ho scritto qui che il Milan ha già deciso di confermarlo e lui lo sa benissimo. Non c’è la firma su un nuovo contratto, manca la burocrazia anche perché Gattuso ne vuole parlare soltanto a fine stagione, ora non vuole distrazioni, ma sono tutti d’accordo: Gattuso resterà al Milan.  


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, se ci sei batti un colpo. Muriel, tocco di classe del "Corvo". Inter, sveglia su Barella. Nella "Gabbia" dorata della Premier 07.01 - La situazione del Milan rischia di diventare, seriamente, pericolosa. Dopo i complimenti che abbiamo fatto a Leonardo per come ha difeso Gattuso, pubblicamente, prima della gara con la Spal oggi dovremmo fare alcune riflessioni di mercato. Perché, appunto, il mercato è una cosa seria....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->