HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Veleni d’Italia. Ecco dove ha sbagliato Orsato… e Rizzoli! Milan, la lista del dopo Mirabelli la firma Fassone? Inter, un gigante ungherese nel mirino: il nome! Pecchia “The End” senza onore

30.04.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 54641 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I sogni del Napoli, momentaneamente, distrutti dall’ex idolo di Napoli. Uno scrittore non poteva pensare ad un finale peggiore. La testata di Gonzalo fa male. Il film di Inter-Juventus racchiude tutta la stagione. Colpi di scena improvvisi, situazioni folli ma soprattutto imprevedibili. Come la sconfitta del Napoli a Firenze. W la serie A. Alla fine tornerà a vincere la Juventus ma, almeno, questa volta ci stiamo divertendo. Non è un monologo. La paura la conosce anche Allegri che, contro il Napoli, ha deciso di dare un senso a questo finale di stagione. Ci sarebbero almeno mille spunti su cui riflettere. Se Spalletti non batte mai la Juve un motivo ci sarà. Il tecnico toscano ha letto male la partita e ha sbagliato i cambi. Contro la Juventus non sono ammessi questi errori. Soprattutto uno con questa esperienza. Poi le conferme. Santon non può giocare nell’Inter. Sugli esterni andava fatto un mercato diverso e questa Inter si accende se ci sono i migliori Brozovic, Perisic e Icardi. In tre fanno il 90% della squadra nerazzurra. Complimenti all’Inter che, sotto di un gol e di un uomo, poteva sfilacciarsi molto prima del novantesimo. Ha giocato bene e con orgoglio. L’ha ribaltata in maniera clamorosa e in maniera clamorosa l’ha persa. Puoi pareggiarla, sì, ma non puoi perderla in due minuti. Il rischio di perdere la zona Champions, adesso, è più che concreto e sarebbe un clamoroso fallimento se le milanesi restassero entrambe fuori dalla Champions, nonostante i 4 posti regalati, ingiustamente, dall’Uefa. Due autogol, due gol su palla inattiva una sintesi nuda e cruda di una partita, certamente, non bella ma emozionante come guardare New York dal punto più alto dell’Empire. Non si parla di Inter-Juventus perché Orsato ha rubato tutte le prime pagine dei giornali. Il primo errore l’ha fatto Rizzoli. In una partita così mandare Orsato da Schio è sempre un rischio. Orsato è egocentrico, molto protagonista, e non passa mai inosservato. Un buon arbitro non si vede vedere e percepire. Orsato ha sempre avuto questa mania di grandezza ma forse ha sbagliato mestiere. Bergomi, in telecronaca, ha detto una cosa sacrosanta. Non è stata una partita complicata da gestire… se l’è complicata Orsato. Il gol della Juve era regolare, il primo, l’espulsione di Vecino è stata una genialata dell’arbitro che doveva risparmiarsela. Ma, sicuramente, se mandi fuori Vecino poi devi mandare fuori anche Piani. Qui Orsato ha sbagliato. Due pesi e due misure. In una partita che valeva lo scudetto e la Champions serviva un arbitro con buon senso. Orsato non ne ha avuto neanche un briciolo. Solitamente si fa forte del suo fischietto ma Inter-Juventus poteva e doveva finire in 11 contro 11. Ma ribadisco il concetto: se tiri fuori il rosso per l’uno devi farlo anche per l’altro. Per il resto non ha arbitrato male ma, sicuramente, i suoi errori hanno condizionato tutta la gara. Questi errori aprono poi alle polemiche ventennali dei tifosi che vedono fantasmi e spettri ovunque, anche dove non ci sono. La verità è una sola: Rizzoli non doveva mandare Orsato a Milano e Orsato dovrebbe fare l’arbitro e non il one man show. Incredibile poi che partite con in palio lo Scudetto non si giochino in contemporanea.
A tre giornate dalla fine del campionato, con tanti verdetti ancora da decidere, si inizia a parlare di calciomercato. Il Milan non ha brillato, ovvio, ma parlare di addio a fine stagione di Mirabelli è ingeneroso. Mirabelli un errore l’ha commesso: quando arrivi al Milan, così in alto, il problema è arrivarci ma soprattutto è un’impresa restarci. Quando sei a questi livelli devi farti tanti amici che, in futuro, potranno servirti nella vita. Un errore che commettono molti è non circondarsi di amici nel momento più alto della tua carriera e, peggio ancora, guardare tutti dall’alto verso il basso quando sei all’ultimo piano. Molti agenti e colleghi rimproverano soprattutto questo a Mirabelli ma ciò non giustifica che il Milan debba guardare ad un nuovo Direttore Sportivo. Alessio Secco fu Direttore della Juventus. E’ durato quanto un gatto in tangenziale, poi se ne sono perse le tracce. Di Secco, non di Albanese e della Cortellesi. Se volessimo giudicare solo il primo anno, come qualcuno fa con Mirabelli oggi, non sarebbe nata la Juve dei miracoli di Marotta e Paratici che al primo anno tapparono clamorosamente. Così il Napoli di De Laurentiis e Marino… E ci sarebbero altri mille esempi da fare per i primi anni bucati nel calcio. Mirabelli merita fiducia e conferma. Ha cambiato molto e ha sbagliato nella conferma di Montella. Forse ha sbagliato anche a promuovere Gattuso ma vi spiego perché: spostare Gattuso dalla primavera alla prima squadra comportava un rischio. Annullare l’ottimo lavoro fatto da Rino in Primavera e comunque non cambiare le sorti della prima squadra. Lo scrivemmo subito. Rino ha cambiato mentalità ma il risultato del campo era quasi impossibile da cambiare. Adesso c’è da conquistare un posto in Europa League e la Coppa Italia. In caso di successi, allora, avrà avuto ragione Mirabelli. Ma la Primavera si è sgonfiata e, forse, resterà fuori anche dai play off scudetto dopo la sconfitta di Torino per 3-2. Da quando è circolata la voce di un addio di Mirabelli, si sono scatenati giornali e Direttori Sportivi. Un mesetto fa vi rivelammo, a sorpresa, un possibile e clamoroso ritorno di Galliani. Con Elliott ci sarebbe un piano finanziario e sportivo. Galliani si sta muovendo e il nome di Braida, come l’ultima uscita di Berlusconi ad Udine, non sono segnali casuali. L’ipotesi che il figlio del signor Eliott voglia scendere in campo in prima persona è sempre più una ipotesi concreta. Da Pradè a Monchi, da Giuntoli a Sabatini. Ditemi chi non vorrebbe essere al posto di Mirabelli a giugno. Tutti. Ora bisognerà capire se sarà un gioco politico o calcistico. Fassone scelse Mirabelli per le competenze non per gli sponsor che non aveva e che non ha. Oggi, per spegnere queste voci, servirebbe un intervento netto e drastico di Fassone: “Mirabelli? Non si tocca. E’ e sarà il DS del Milan. Non scherziamo”. Ci immaginiamo una frase di questo tipo. Invece no. Fassone non prende posizione e, forse, neanche potrebbe prenderla così drastica. Anche lui deve cavalcare un’onda diversa ogni settimana. Certamente un Direttore alle condizioni economiche di Mirabelli non si trova da nessuna parte. Fassone, finora, è la vera delusione del nuovo Milan. Molto di più di qualche calciatore che avrà potuto sbagliare Mirabelli. Dalla parte economica a quella organizzativa tutti ci saremmo aspettati qualcosa di diverso da Fassone. Qualcuno è pronto a giurare che ha anche i mesi contati. Staremo a vedere.
Dicevamo del mercato alle porte. L’Inter si sta muovendo bene. Senza soldi ma bene. Tra parametri zero e giovani da visionare. L’ultima tentazione di Ausilio è un gigante ungherese del Salisburgo. Centrocampista, sul metro e novanta. Una bestia classe 2000. Il nome sembra il codice fiscale del mio vicino di casa: Szoboslai. Sui social mi chiederete se è buono oppure no. Non lo so perché non l’ho mai visto giocare. Qualche immagine su wyscout ma sono sempre del partito che i calciatori si giudicano quando li vedi dal vivo e non al computer.
In chiusura spazio alla lotta salvezza, in serie A. Troppo bella. W Crotone e Spal. Società e piazze che stanno lottando con onore e i denti. Peccato per il Benevento. Si è svegliato tardi e ha vanificato il miracolo dello scorso anno. Vigorito ha speso tanto e la regola della società piccolina non vale. Perché Benevento ha speso soldi importanti ed è una forza economica del nostro calcio. Sono stati commessi errori fatali in estate, per questo la squadra è andata giù. Male Chievo, Udinese, Cagliari e Sassuolo. Un disastro il Verona che si appresta al ritorno in serie B. Fusco e Pecchia hanno sbagliato mercato, approccio e gestione. Fusco ha un’attenuante: le dimissioni. Così ha almeno salvato la faccia. Pecchia neanche quello. Allenatore mediocre, per non dire scarso, e anche tecnicamente presuntuoso. Ha voluto fare l’eroe sulla pelle del Verona. Il risultato è servito. Qui serviva il Presidente. Setti avrebbe dovuto prendere in mano la situazione a dicembre. Siamo a maggio e può solo guardare classifica e calendario con le mani in testa. Fusco all’Hellas, come Romairone al Chievo. Romeo e Giulietta rischiano di ammazzare il calcio scaligero in un colpo solo. Peccato per i loro Presidenti che avrebbero meritato Direttori differenti. Al Chievo ha pagato Maran. Il meno colpevole di tutti che, in estate, avrà un gran mercato per il professionista che ha dimostrato di essere. Romairone, invece, potrà restare sulla giostra. C’è chi mette i gettoni per farla funzionare. Casomai ditegli di accontentarsi di una modesta serie B, perché la serie A con il Chievo è un pò troppo per il suo curriculum. Va bene tutto ma è come se Checco Zalone pretendesse di sposarsi con Angelina Jolie. W gli sposi…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Serie A in Cina? Vogliamo rasentare il ridicolo. Lecce, 7 bellezze. Catania, che flop. Tesser, un mago per tutti 25.03 - Solo al pensiero mi viene da prendere una tachipirina mille perché mi sale la febbre all'improvviso. Gravina dice: "La serie A in Cina? Per no". Miccichè della Lega Calcio lo segue. Facciamo una cosa: per ora... e mai la serie A non si tocca. Anche perché se vai in Cina devi portare...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

2024, l'anno della svolta: le coppe si sostituiranno ai campionati e viceversa. Agnelli e l'ECA a capo di un progetto che rivoluzionerà il calcio per sempre 24.03 - European Club Association. E' il nome dell'associazione che sta lavorando per cambiare per sempre il mondo per calcio. Forse non tutti ci hanno fatto caso, ma questa settimana tanti top club europei (alcuni anche italiani come Napoli e Milan) hanno fatto sapere tramite i loro profili...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510