VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Vendere Pogba, torna il dilemma dopo i 120 milioni offerti alla Juve. Morata in ballo. Pjanic un colpo Champions, ma la Roma ci fa? Milan, slitta la cessione. Ventura, scelta al ribasso

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
10.06.2016 08:29 di Enzo Bucchioni   articolo letto 66863 volte
© foto di Federico De Luca

Un interrogativo che sembrava morto e sepolto, torna d'improvviso d'attualità in casa Juve e nel mercato: vendere o non vendere Pogba?
A scuotere i piani bianconeri (avevano deciso: lo teniamo almeno ancora un anno per provare a vincere la Champions) ci s'è messo il Real Madrid con una offerta di quelle giudicate irrinunciabili. Centoventi milioni sono centoventi milioni e oltre a rappresentare il record di sempre (Bale cento), possono cambiare il futuro di qualsiasi squadra e risolvere molti problemi economici alle società. Non è questo il caso della Juventus, ma di fronte a certe cifre è giusto e logico che Marotta vada a Madrid per capire e che la Juve rifletta.
Il viaggio ci sarà la prossima settimana, ufficialmente per risolvere la vicenda Morata. Ma non solo. E se il Real dovesse proporre alla Juventus Morata, Kovacic e qualche altro giocatore tipo Varane in cambio di Pogba? O davvero 120 milioni senza contropartite tecniche?
L'idea della Juve è quella di resistere, tenere duro. Tanto, eventualmente, vista la giovane età del giocatore un colpo del genere si potrà sempre fare in futuro.
Cosa può far cambiare le cose e le idee?
I bianconeri dicono soltanto la volontà del giocatore. La Juventus sa benissimo che se il Real dovesse proporre un ingaggio attorno o addirittura superiore ai dieci milioni, non sarebbe in grado di controbattere e dovrebbe arrendersi. Il procuratore Raiola è silenzioso da troppo tempo, il giocatore ha sempre detto di star bene alla Juve, però il mercato è lungo e per lavorarsi e far cambiare idea a Pogba il tempo non manca.
Sembrava un tormentone in soffitta, invece del Francesone se ne parlerà ancora, soprattutto se farà un grande Europeo.
Si parla molto (e giustamente) anche di Pjanic. La Juve ha deciso di pagare alla Roma una cifra vicina alla clausola rescissoria (38 milioni), i giallorossi hanno detto ok e l'affare è praticamente chiuso.
Grosso colpo dei bianconeri. Prendono un giocatore nel pieno del rendimento (26 anni), che conosce bene il campionato italiano e in una squadra come la Juve, sotto un allenatore come Allegri, può migliorare ancora sia sotto l'aspetto tattico che della costanza di rendimento. Abbiamo la sensazione che la crescita di Pjanic si sia fermata, nella Juve potrebbe esplodere. Fra l'altro può giocare in tutti i ruoli del centrocampo, insegnandoli i tempi anche davanti alla difesa. Interno è devastante quando attacca senza palla, su punizione può diventare utile come Pirlo. Volendo può anche giocare dietro le punte.

Capisco il malumore dei tifosi della Roma. E' vero che la società giallorossa è in autofinanziamento, ogni anno dei big partono e ora rischia pure Nainggolan, ma davvero si doveva spingere Pjanic verso la Juve rivale diretta per lo scudetto?
Una roba del genere non merita commenti. C'erano tante squadre disponibili a pagare quella cifra, nessuno ha pensato di indirizzare Pjanic da un'altra parte?
Pallotta ha rifiutato di dare spiegazioni, ma calcisticamente la vicenda ha dell'incredibile.
Tornando alla Juve, con Dani Alves e Pjanic in tasca, la più forte di tutte si è rafforzata come nessuna. Mascherano sembra più difficile (ma non è detto) e Benatia più vicino, quasi come Berardi. La missione di Marotta a Madrid della prossima settimana farà capire molte altre cose su una Juve insaziabile.

Molte cose da capire anche attorno al Milan. L'improvviso allarme per le condizioni di Berlusconi e l'intervento al cuore hanno giustamente concentrato l'attenzione della famiglia su problemi extracalcistici. La sensazione è che la vendita fosse quasi cosa fatta, inevitabilmente ora i tempi fissati per il 15-20 giugno sono destinati a slittare. Non crediamo che salti, negli ultimi giorni prima del ricovero le resistenze di Berlusconi era quasi tutte cadute e i cinesi hanno voglia di chiudere. Ora si dovrà aspettare il ritorno a una condizione di forma normale di Berlusconi, anche se non si fanno previsioni. Certamente subiranno un contraccolpo tutti i progetti tecnici e sul mercato. Un brutto colpo per il Cavaliere non c'è dubbio, ma di riflesso anche per il Milan del futuro.

Per la Nazionale invece, in attesa degli Europei, il dopodomani sarà sicuramente difficile. Niente da dire su Ventura, anzi complimenti e auguri, è un buon allenatore scelto per un posto prestigioso. Caso mai ce l'ho con chi l'ha messo a guidare l'Italia. Una volta il Ct doveva essere l'allenatore più bravo e vincente (Sacchi, Trap, Zoff, Lippi fino a Conte) o come nel caso di Donadoni un ex grande giocatore. Ventura, oltre a non essere giovanissimo, non ha mai giocato né allenato ad alto livello. Tifando Italia spero di sbagliare, ma questa scelta è dettata da rifiuti eccellenti di grandi allenatori e dalla pochezza della nostra federazione e della nostra nazionale. Fare il Ct oggi è rischioso per gli allenatori affermati, per Ventura un punto d'arrivo. Auguri, ma nessuno si meravigli se all'estero qualcuno domanderà: "Ventura chi?" . Non rispondete Simona, troppo scontato e banalissimo. Almeno questa risparmiatevela. O caso mai fatela dire da Tavecchio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.