VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Ventura come Luke Skywalker: è l’ultimo Jedi! Verratti, bel problema… Gabigol, facci sognare!

06.09.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 23554 volte

Sono preoccupato, molto preoccupato. L’Italia non decolla. La gara con Israele mi ha annoiato. Per fortuna i tre punti sono arrivati ma, onestamente, mi sarei aspettato di più dopo la scoppola di Madrid. Certo, il secondo posto nel girone, salvo cataclismi, è blindato. Tutti felici? Ma perché? In fin dei conti, abbiamo battuto Israele, non proprio una delle nazionali più forti che il globo terrestre abbia mai avuto e, soprattutto, abbiamo vinto di misura. Eppure, a fine partita, convinte strette di mano e vigorose pacche sulle spalle. L’importante era vincere, portare a casa i tre punti. Ecco, questo è il punto. Storicamente, l’Italia è nota per saper soffrire e vincere. Il “bel gioco”, dobbiamo ammetterlo, non lo abbiamo mai considerato prioritario. Puntando su carattere e sacrificio, abbiamo vinto e anche tanto, quasi più di tutti. Ora, però, abbiamo scelto un allenatore, il buon Ventura, che ama far giocare bene le proprie squadre. Il 4-2-4 è il suo credo, la sua fede calcistica. Mai avuto un problema con il Signor Ventura ma, onestamente, credo che abbia imboccato un sentiero pericoloso. Davvero vogliamo presentarci ai play-off con il 4-2-4? Noi, tradizionalmente abili a difenderci e ripartire, giocheremo all’arma bianca, a prescindere dall’avversario? Ventura mi ricorda molto Luke Skywalker. Nell’ultimo episodio della saga stellare, lo vediamo, ne finale del film, solo, arroccato su una sperduta isola di un lontanissimo pianeta. Ecco, il nostro CT sembra proprio Luke. Il rischio di dover “sparire” dalla faccia della Terra è forte, soprattutto se il nostro “amato” CT continuerà ad insistere su un modulo che, ne sono certo, non ci è congeniale. Saltare il Mondiale sarebbe un’apocalisse? No, peggio, sarebbe la conferma che, senza pensare alle conseguenze, si è cercato di snaturare il nostro DNA. Ci hanno sempre tacciato di essere i maestri del catenaccio. Perché ora vogliamo essere degli indomabili surfisti che vanno sempre incontro alle onde? Ventura, la prego, pensi bene a quello che sta facendo… La Forza non scorre forte in lei…
Passiamo a Verratti. Il prossimo 5 novembre compirà 25 anni. Siamo vicini all’età della maturazione calcistica. Tuttavia, in poche settimane, il suo status di Top Payer è stato messo in discussione. Se il Barcellona lo voleva a tutti i costi, un motivo ci sarà, oppure no? Verratti è un Top Player? Da tempo lo osanniamo, lo stimiamo, lo coccoliamo. Poi, lo vedi contro Spagna e Israele e ti metti le mani nei capelli… Ma qual è il problema? Semplice, gioca in un campionato di poco valore. Verratti gioca in Ligue 1, un torneo dove anche Balotelli fa la differenza (non me ne voglia Raiola, non considero più SuperMario un grande attaccante). Verratti gioca partite importanti e di grande livello tecnico solo quando sente la musichetta della Champions. Per il resto della stagione, non è “sollecitato” abbastanza. Un problema enorme per la sua crescita e per quella della Nazionale… Se non giochi in campionati top, rischi l’involuzione tecnica…
Chiudo con il mio assoluto mito: Gabriel Barbosa Almeida, in arte Gabigol. Tra qualche giorno sarò a Lisbona. Bene farò di tutto per capire cosa pensa realmente la gente del misterioso brasiliano. Al Benfica l’hanno accolto come una superstar, sicuri che, nella Liga Nos, farà faville. Tutti i media sono impazziti per lui. Parlano di crack… Lui vuole far bene per tornare, più forte, all’Inter. Io ho deciso di stare dalla sua parte, a prescindere da tutto e tutti. Gabigol, fammi sognare. Dimostra, a tutti, che non sei un bidone ma avevi solo bisogno di giocare, di avere il pallone tra i piedi. Il Da Luz è uno stadio prestigioso. Conquistarlo sarebbe il primo passo per riavvicinarsi a quella maglia nerazzurra indossata poche, pochissime volte. W Gabigol!!!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Morata e altri “miracoli” (ma l’Uefa chiude gli occhi). Inter: un guaio ricorrente e lo strano caso De Vrij. Milan: terremoto Gattuso, a un anno dal closing. Napoli: per i fischi c’è ancora tempo 10.04 - Per prima cosa procedo con l’esperimento. Tutti i lunedì notte da ormai dieci anni spedisco le mie cose al valido Alessio Alaimo. Lui mi odia perché gli mando i pezzi alle 23.55 e magari sta facendo fiki-fiki, oppure è legittimamente ubriaco, oppure ha sonno. A volte mi dice “per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli, che spavento. Ma il sogno è lontano. Milan, 2021 volte "Grazie Rino". Da Cagliari a Verona, da Sassuolo a Bologna... quando i DS mettono in crisi i Mister 09.04 - Erano, ormai, pronte trombette e sciarpe bianconere per iniziare la festa scudetto della Juventus. A consegnarlo, virtualmente, ai bianconeri era paradossalmente l'alleato del mercato del Napoli: il Chievo Verona che non poteva permettersi regali di primavera. Che spavento per Sarri....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.