VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ventura come Luke Skywalker: è l’ultimo Jedi! Verratti, bel problema… Gabigol, facci sognare!

06.09.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 23255 volte

Sono preoccupato, molto preoccupato. L’Italia non decolla. La gara con Israele mi ha annoiato. Per fortuna i tre punti sono arrivati ma, onestamente, mi sarei aspettato di più dopo la scoppola di Madrid. Certo, il secondo posto nel girone, salvo cataclismi, è blindato. Tutti felici? Ma perché? In fin dei conti, abbiamo battuto Israele, non proprio una delle nazionali più forti che il globo terrestre abbia mai avuto e, soprattutto, abbiamo vinto di misura. Eppure, a fine partita, convinte strette di mano e vigorose pacche sulle spalle. L’importante era vincere, portare a casa i tre punti. Ecco, questo è il punto. Storicamente, l’Italia è nota per saper soffrire e vincere. Il “bel gioco”, dobbiamo ammetterlo, non lo abbiamo mai considerato prioritario. Puntando su carattere e sacrificio, abbiamo vinto e anche tanto, quasi più di tutti. Ora, però, abbiamo scelto un allenatore, il buon Ventura, che ama far giocare bene le proprie squadre. Il 4-2-4 è il suo credo, la sua fede calcistica. Mai avuto un problema con il Signor Ventura ma, onestamente, credo che abbia imboccato un sentiero pericoloso. Davvero vogliamo presentarci ai play-off con il 4-2-4? Noi, tradizionalmente abili a difenderci e ripartire, giocheremo all’arma bianca, a prescindere dall’avversario? Ventura mi ricorda molto Luke Skywalker. Nell’ultimo episodio della saga stellare, lo vediamo, ne finale del film, solo, arroccato su una sperduta isola di un lontanissimo pianeta. Ecco, il nostro CT sembra proprio Luke. Il rischio di dover “sparire” dalla faccia della Terra è forte, soprattutto se il nostro “amato” CT continuerà ad insistere su un modulo che, ne sono certo, non ci è congeniale. Saltare il Mondiale sarebbe un’apocalisse? No, peggio, sarebbe la conferma che, senza pensare alle conseguenze, si è cercato di snaturare il nostro DNA. Ci hanno sempre tacciato di essere i maestri del catenaccio. Perché ora vogliamo essere degli indomabili surfisti che vanno sempre incontro alle onde? Ventura, la prego, pensi bene a quello che sta facendo… La Forza non scorre forte in lei…
Passiamo a Verratti. Il prossimo 5 novembre compirà 25 anni. Siamo vicini all’età della maturazione calcistica. Tuttavia, in poche settimane, il suo status di Top Payer è stato messo in discussione. Se il Barcellona lo voleva a tutti i costi, un motivo ci sarà, oppure no? Verratti è un Top Player? Da tempo lo osanniamo, lo stimiamo, lo coccoliamo. Poi, lo vedi contro Spagna e Israele e ti metti le mani nei capelli… Ma qual è il problema? Semplice, gioca in un campionato di poco valore. Verratti gioca in Ligue 1, un torneo dove anche Balotelli fa la differenza (non me ne voglia Raiola, non considero più SuperMario un grande attaccante). Verratti gioca partite importanti e di grande livello tecnico solo quando sente la musichetta della Champions. Per il resto della stagione, non è “sollecitato” abbastanza. Un problema enorme per la sua crescita e per quella della Nazionale… Se non giochi in campionati top, rischi l’involuzione tecnica…
Chiudo con il mio assoluto mito: Gabriel Barbosa Almeida, in arte Gabigol. Tra qualche giorno sarò a Lisbona. Bene farò di tutto per capire cosa pensa realmente la gente del misterioso brasiliano. Al Benfica l’hanno accolto come una superstar, sicuri che, nella Liga Nos, farà faville. Tutti i media sono impazziti per lui. Parlano di crack… Lui vuole far bene per tornare, più forte, all’Inter. Io ho deciso di stare dalla sua parte, a prescindere da tutto e tutti. Gabigol, fammi sognare. Dimostra, a tutti, che non sei un bidone ma avevi solo bisogno di giocare, di avere il pallone tra i piedi. Il Da Luz è uno stadio prestigioso. Conquistarlo sarebbe il primo passo per riavvicinarsi a quella maglia nerazzurra indossata poche, pochissime volte. W Gabigol!!!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.