VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

VERGOGNATEVI BESTIE!

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive a Milano dal 2004, dove si è trasferito per lavorare prima a Eurosport e poi Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Conduttore dei Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
05.05.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 59954 volte
© foto di Federico De Luca

È appena finito il derby di Milano e qualcuno si aspetta di diritto che commenti la vittoria di Seedorf e la volontà della società comunque di sbatterlo fuori a calci nel sedere. È la domenica della Juventus Campione d'Italia e tutti si aspettano che celebri Antonio Conte, oppure gli antijuventini non vedevano l'ora che la Juve andasse a casa con il Benfica per uscirsene con la solita frase del cavolo "Vincete solo in Italia". Ma se è così facile vincere in Italia perchè non vincono Roma, Napoli, Milan o Inter? Mah. Avrei voglia di parlare di calcio; ad esempio vorrei fare i complimenti ai calciatori del Catania che se la giocheranno fino all'ultima giornata (Bologna e Atalanta, impresa possibile) ma vorrei anche dire a Garcia che prima di parlare di Conte dovrebbe guardarsi allo specchio. Ci ha fatto la predica che chi giocava contro la Juve doveva schierare la formazione migliore e adesso Livorno, Sassuolo, Bologna e Chievo che dovrebbero dire che lui è andato in Sicilia a farsi una bella gita? Garcia predica bene e razzola male. Non voglio neanche rispondere a chi, come i colleghi di TuttoB.com, sabato pomeriggio mi hanno chiamato affannati dicendo: "A Cittadella hanno fatto uno striscione contro di te, cosa vuoi rispondere?". Risposta: "Nulla", altrimenti avrei dovuto rispondere che solitamente sono abituato a confrontarmi con Pulvirenti, con gli ultras di Napoli, Avellino, Salernitana, Catania e con dirigenti di spessore mica posso rispondere ai colti tifosi (Quali? Quanti?) del Cittadella che sono talmente bravi che usano molto bene, sotto dettatura, anche il congiuntivo. Facciamo finire il campionato di serie B, poi a fine maggio ci divertiamo con chi ha fatto il dettato.
Dettato, talmente fine che sottolinea in rosso il congiuntivo con il nome di un arbitro, che guarda caso è lo stesso che rende la squadra in questione imbattibile. Ovviamente solo frutto della casualità. Il consiglio è un urgente viaggio alle Canarie, o se preferisce in Libano. In stile Dell'Utri. Movimenti di soldi, procure, conti all'Estero, scommesse e pagamenti in nero. E, questa volta, il Santo in Paradiso potrebbe non bastare più. Indagheremo, con prove alla mano, su tutto. Chi non ha nulla da nascondere può parlare. Chi deve nascondere la polvere sotto il tappeto dovrebbe preoccuparsi prima di sbilanciarsi. Non volevo parlare di calcio, eppure mi sono tradito con la mia stessa tastiera. Solitamente tra editorialisti facciamo la "guerra" a chi fa più lettori. Me la gioco con Biasin che ci racconta sempre tante belle storielle al martedì e mi fa morire dalle risate, però, oggi so bene che con questo titolo perdo in partenza ma voglio approfondire un tema che mi ha disgustato in questo week-end. Non sarò il primo e neanche l'ultimo a fare la morale. Giustamente non ve ne frega del mio pensiero ma voglio dire la mia a voce alta perchè bisogna trovare un rimedio a questa follia Ultras. Un ragazzo non può morire per una partita di calcio. Chi scrive ha vissuto dal vivo la tragedia di Sergio Ercolano, tifoso napoletano morto nel derby di Avellino. 11 anni dopo ancora un tifoso del Napoli vittima della follia di un delinquente. Non voglio usare luoghi comuni e fare prediche inutili. Vorrei sottolineare come Lega Calcio e Federazione dovrebbero smetterla di assegnare la Finale di Coppa Italia di diritto all'Olimpico di Roma solo perchè stiamo parlando della Capitale d'Italia. Roma è la città dove i derby bisogna giocarli di pomeriggio perchè altrimenti c'è il rischio incidenti. L'Olimpico è una trappola più che uno stadio. La città della finale si dovrebbe decidere ad hoc, di volta in volta, in base alle due finaliste, perchè prima del calcio c'è la sicurezza e se non siamo in grado di assicurarla dobbiamo prevenire e non curare e piangere dopo che i fatti sono già accaduti. Far disputare Napoli-Fiorentina a Roma è come dare appuntamento agli Ultras delinquenti ad una guerriglia a 4. Poi ci lamentiamo che gli Europei li assegnano all'Ucraina e a noi no. I Mondiali in Brasile e in Qatar e a noi no. Gli stadi sono vecchi e obsoleti ma quando abbiamo avuto i soldi nel 1990 chi ha costruito queste cattedrali nel deserto? Dato curioso che riguarda lo spreco di soldi. La copertura dello Stadio Olimpico di Roma è costata quanto l'intero nuovo Stadio Friuli di Udine, attualmente in costruzione: 28 milioni di euro. Sabato abbiamo scritto l'ennesima pagina nera del nostro calcio e della nostra società. Non impareremo mai perchè nessuno ci insegna qualcosa. Paparelli, Ercolano, Raciti e tanti altri. Alfano, come tutti i politici, parla ad orologeria: "Daspo per tutta la vita!". Eccoli i sapientoni che sbucano dopo le tragedie. Le bestie vanno fermate. Le bestie sono quelle che ammazzano e che camminano con una pistola in tasca. Le bestie sono quelle che gestiscono un sistema senza ragionare. Le bestie sono quelle che ascoltano gli ordini che piovono dall'alto. C'è solo una soluzione: lasciare l'Italia. Il calcio è lo specchio più vicino alla nostra società. Non abbiamo un soldo, se ce l'abbiamo lo sprechiamo, non sappiamo valorizzare i nostri prodotti e non siamo assolutamente capaci di rispettare le regole. Il risultato è eloquente sotto tutti i punti di vista: tecnico (in Europa ci hanno sbattuto fuori da tutte le parti), produttivo (gli stadi sono vuoti perchè non offrono nulla) ed economico (in Inghilterra vendono magliette originali agli store ufficiali mentre da noi esiste solo la bancarella e il paninaro; a San Siro, tra Milan e Inter, questi signori incassano 1.2 mln di euro all'anno senza battere mezzo scontrino. Per le due milanesi sarebbe stato un business da oltre un milione di euro, stessa cifra per lo Stato).In tutto ciò complimenti al Napoli per aver vinto la Coppa Italia.
Buona settimana a tutti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.