VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Vertice Juve, Milan e Roma scatenate, Inter guarda al futuro. Pazza idea Samp, un iraniano per la Lazio

29.06.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 38426 volte
© foto di Federico De Luca

A Milano ovunque ti giri ci sono trattative. E' il centro del mercato, un mercato che prevede rivoluzioni, quasi in tutta la serie A, Juventus compresa. Tanto che - per esempio - ieri anche Allegri si è fatto un giro verso Palazzo Parigi, quartier generale bianconero, per trovarsi con i suoi dirigenti e andare a cena. Fare un punto sulla situazione in casa Juve dove c'è una situazione simile al Tetris. Due extracomunitari nel mirino (anche tre se si considera anche Fabinho) ovvero Danilo e Douglas Costa che non possono arrivare insieme e questo naturalmente incide nelle scelte bianconere. Se arriva Danilo, via libera per Bernardeschi. Se si punta su Douglas Costa, molte più chanches per Darmian (o De Sciglio). Quindi momento di riflessioni e di scelte in casa bianconera. E anche di attese visto che dall'Inghilterra continuano ad insistere che il Chelsea (ma attenzione anche al PSG che ha in rosa Aurier e Mautidi, che piacciono alla Juve) tornerà alla carica per Alex Sandro e se il giocatore dovesse tentennare...
Ecco perché si continua a parlare con Spinazzola per un suo possibile anticipo a Torino (anche se l'Atalanta non è d'accordo).
Protagoniste di questo primo mese di mercato Roma e Milan. A Roma nei prossimi giorni sbarcherà Gonalons. Non si ferma Monchi sia in entrata che in uscita. Dopo l'ufficialità di Korldsdurp, arriverà - salvo imprevisti - anche quella di Gonalons. 5 milioni per il cartellino, 2,7 al giocatore, martedì previste le visite mediche. Ma il vero colpo di scena a Roma è stata la vicenda Manolas-Paredes: ruoli invertiti. Se prima era Paredes che doveva essere convinto dello Zenit, ora è l'esatto contrario. Manolas non vuole andare più: la "scusa" ufficiosa è il problema della valuta. Ma la sensazione è che ci possa essere stato qualche altro club (più appetitoso: United? Arsenal? PSG? Non ci risulta Chelsea o Bayern) che lo abbia seriamente approcciato. Non sembra a rischio l'operazione Paredes, ma ormai conviene aspettare firme (e infatti qualcuno sussurra che sarebbe pronta un'eventuale offensiva a Brozovic da parte di Mancini).
Al Milan registriamo invece un altro arrivo: ecco Borini dal Sunderland, jolly offensivo in grado di poter spaziare su tutto il fronte d'attacco. Arriverà per una spesa complessiva di 6 milioni di euro (prestito con obbligo, molto probabilmente). E il Milan non si ferma qui l'arrivo di Borini non stoppa le trattative per gli uomini offensivi: continua ad insistere con il Bayer Leverkusen per Chanaloglu e continua anche il corteggiamento per Kalinic (il suo procuratore Erceg ha incontrato nuovamente Corvino per spiegarli che vuole tentare questa nuova esperienza professionale). E poi spunta un nome nuovo per la difesa se (oppure quando) dovessero partire Paletta e Zapata: Kjaer, già in Italia con il Palermo.
E poi la vicenda Conti: nel pomeriggio potrebbe anche chiudersi definitivamente la trattativa, nell'incontro previsto fra Atalanta e Milan e la chiave potrebbe essere Petagna (su cui il Milan ha mantenuto un 25% di futura rivendita).
Molto attiva anche l'Inter. In attesa di definire la vicenda Skriniar con la Sampdoria (con Caprari nell'operazione) e di vedere l'agente del difensore l'Inter guarda al futuro. Definita un'operazione molto importante con il Genoa: in arrivo Pellegri (15 milioni più 15 di bonus legati a presenze e obiettivi sia personali che di squadra nei prossimi 5 anni) e Salcedo (5 milioni il cartellino e sempre 15 di bonus più o meno con le stesse modalità). Nell'accordo il Genoa si è impegnato a prendere un giocatore dal'Inter per un valore di 5/6 milioni di euro. Il giocatore individuato è Ranocchia che però vorrebbe giocare all'estero (l'Huddersfield Town lo sta cercando) pur essendo grato a Preziosi per l'opportunità. Ecco perché si fanno anche in nomi di Miangué, di Puscas e di Biabiany. Sempre nella giornata dei giovani l'Inter ha raggiunto un accordo per Pompetti (2000 centrocampista) e si è impostata la trattativa per Colulibaly, giocatore che piace molto anche alla Juve. E poi più di una chiacchiera con l'Entella per un altro talento giovanissimo che lo scorso anno ha esordito in B: Zaniolo, trequartista dell'Entella. Nel frattempo Medel non vorrebbe andare in Turchia al Trabzonspor.
A Napoli continuano a corteggiare Rulli, portiere della Real Sociedad (che però potrebbe tornare al City che ha una recopmra su di lui da 14 milioni di euro). Il Napoli è pronto a un'offerta da 17/18 milioni in prestito con obbligo legato alle presenze del ragazzo. Il portiere verrebbe a Napoli anche se dovesse rimanere Reina (con o senza rinnovo e le parole di De Laurentiis ieri non sono propriamente distensive). Nel frattempo si lavora ancora per Berenguer e siamo già ai dettagli con Ounas.
Alla Lazio pronto il colpo a sorpresa, perché c'è un grande interesse per Azmoun, attaccante iraniano del Rostov. Ha giocato in Champions League, giocatore già bloccato. Appena esce Djordjevic si può chiudere.
A Bologna è in arrivo Poli dal Milan (a titolo gratuito), mentre sempre dal Milan potrebbe arrivare al Genoa Lapadula (che era stato molto vicino ai rossoblu già la scorsa estate). Il Benevento ha messo a segno i suoi primi colpi: in arrivo Gravillon dall'Inter (difensore in prestito) Belec e Letizia dal Carpi (definitivi per 3 milioni e mezzo, tre anni di contratto ad entrambi). Pol Lirola (Sassuolo ma di proprietà Juve) interessa allo Stoccarda. Scatenata la Spal: è balzata in pole per Viviani (Verona) e ha preso Felipe difensore dell'Udinese. La Samp ha definito Ilicic con la Fiorentina (4,5 più 1 di bonus) ora bisogna trovare accordo totale con il giocatore e il presidente Ferrero ha una pazza idea Snejider: incontrerà il suo procuratore per capire se veramente si può fare. A Bergamo provano ancora a rinnovare con il Papu Gomez, attendono Foket e prendono Eguelfi dall'Inter. Il Toro insiste per Simeone e attende ancora la risposta del Barca per Vermaelen. Ceccherini del Crotone può andare allo Spartak, mentre interessa moltissimo Kragl del Frosinone. In B: il Palermo vuole Antei (del Sassuolo) e Coronado (del Trapani). Il Carpi vuole Manaj e Radu dall'Inter. La Ternana ha preso Bleve, portiere del Lecce e oggi vuole chiudere con il Milan per Plizzari. Il Pescara chiude praticamente per Ganz e vorrebbe Dimarco dall'Inter. Il Bari è su Masi per la difesa, vicino anche il ritorno di Capradossi e vorrebbe tenere anche Floro Flores.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.