VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Viva Rafa Masaniello, difende Napoli da nemici presunti e se stesso dalle critiche agli errori. Poi esalta il mercato del club e non teme la parola Scudetto: forza Benitez, ora tocca a te!

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
14.09.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22324 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Finalmente. Era ora che arrivasse qualcuno da fuori per difendere Napoli, una città troppo spesso massacrata soprattutto per mano di chi ci vive. Bravo Rafa, davvero, era dai tempi di Francesco II di Borbone che nessuno prendeva una posizione tanto forte, quanto l'ultimo sovrano delle Due Sicilie che amò sinceramente il suo popolo. L'arringa è stata accorata, tanto da mostrarsi come mai in precedenza in pubblico, sudato e ansimante per l'insolita passione utilizzata al fine di spostare l'attenzione lontano da un'eliminazione cocente ed un mercato infelice. Per poi additare "nemici" che, loro per primi, non fecero fatica ad esaltarne le gesta quando il Napoli vinse a Milano o mise sotto Juventus e Roma nella sua prima stagione da allenatore azzurro. O partenopeo che dir si voglia, perché da ieri si è attribuito da solo la qualifica di separatista, il patriota che sfugge all'Europa unita e riconsegna l'Italia ai tempi in cui ci si faceva guerra Comune per Comune. "Viva Rafa", urla il suo "pueblo fiel", ripercorrendo al contrario i fatti raccontati dalla storia, per vestire, lui castigliano doc, i panni di Tommaso Aniello D'Amalfi, il mercante rivoltoso che 350 anni fa scatenò la rivolta popolare contro le gabelle imposte dal governo spagnolo. Finalmente abbiamo ammirato l'orgoglio di don Rafè che troppe volte aveva coperto dietro sorrisi dipinti e risposte di comodo. Ora sì che ha assunto le sembianze del condottiero, così tanto da incitare la squadra a rendere di più e cancellare gli errori passati che lui stesso aveva ammesso. Vedrete che oggi il Napoli darà il meglio di sé, travolgerà il Chievo che non avrà chance e tutti esulteremo per la vittoria della "nostra" squadra del cuore. Sì, la "nostra", di quelli che non dicono "Forza Napoli sempre" sol perché stipendiati dal club, ma perché siamo nati qui, con addosso una fede che nessun editore avrebbe mai potuto condizionare, da 30 anni a questa parte, cioè molto tempo prima di quando Benitez cominciava ad allenare. Chi arriva qui, poi, si lega a tutto ciò che Napoli esprime. Pure Rafa ha subìto lo stesso fascino e chissà quanto si sarà rammaricato di non aver portato più moglie e figlia a vivere con lui, dopo aver cercato una casa confortevole a Posillipo. La famiglia è a Liverpool, dove ha trascorso l'ultima, controversa settimana di vacanza. Gli ha fatto bene riposare, essendo tornato a lavoro con le motivazioni alle stelle ed un senso di Napoli che, siamo certi, si tradurrà ben presto in un rinnovo pluriennale del contratto. Chissà con quanta ansia aspetterà il ritorno del presidente dagli Stati Uniti per firmare quell'atto d'amore più che di lavoro, un impegno morale avente come fine il solo bene del Napoli, tanto da immaginare di sottovalutare il senso del danaro ed accettare anche un contratto al minimo sindacale. Così sì, la tifoseria del Napoli avrebbe la piena consapevolezza che Benitez sia davvero diventato uno di noi e per sempre lo sarebbe, come è successo a Pesaola e Vinicio rimasti a vivere sotto al Vesuvio. Solo con un allenatore-tifoso si potrà tornare a vedere altri calciatori napoletani in squadra, o magari anche solo italiani, giacchè Jorginho è l'unico italo-brasiliano acquistato da De Laurentiis da quando ha affidato le redini del mercato tra le mani del coach spagnolo. Ma bisogna fidarsi di lui già adesso che ha giudicato il mercato del Napoli "perfetto", aggiungendo che "la squadra è più forte ed equilibrata dell'anno scorso". I tifosi credono ciecamente in lui e queste osservazioni aprono il cuore di chi tifa Napoli rimettendoci di tasca propria, nell'attesa spasmodica di riuscire a vincere quello scudetto che manca da 24 anni. Senza la Champions, poi, sarà ancora più comodo tenere testa alla Roma ed alla Juventus, apparentemente meglio attrezzate nella corsa al titolo. E' stato veramente bello sentire ieri l'orgoglio nazionalista di Benitez, una dissertazione-fiume nel corso della quale ha inquadrato bene il senso di Napoli quando ha detto che "il tifoso è intelligente". Ed a quel tifoso ha aggiunto che "non bisogna aver paura di pronunciare la parola scudetto". Ecco, è quel pezzetto tricolore che lega la gente di Napoli a chiunque venga qui da professionista, per guadagnare il giusto ingaggio. Null'altro. Perché puoi essere Masaniello quanto vuoi, se non porti i risultati, la storia racconta che non finisce benissimo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.