VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Viva Rafa Masaniello, difende Napoli da nemici presunti e se stesso dalle critiche agli errori. Poi esalta il mercato del club e non teme la parola Scudetto: forza Benitez, ora tocca a te!

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
14.09.2014 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22334 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Finalmente. Era ora che arrivasse qualcuno da fuori per difendere Napoli, una città troppo spesso massacrata soprattutto per mano di chi ci vive. Bravo Rafa, davvero, era dai tempi di Francesco II di Borbone che nessuno prendeva una posizione tanto forte, quanto l'ultimo sovrano delle Due Sicilie che amò sinceramente il suo popolo. L'arringa è stata accorata, tanto da mostrarsi come mai in precedenza in pubblico, sudato e ansimante per l'insolita passione utilizzata al fine di spostare l'attenzione lontano da un'eliminazione cocente ed un mercato infelice. Per poi additare "nemici" che, loro per primi, non fecero fatica ad esaltarne le gesta quando il Napoli vinse a Milano o mise sotto Juventus e Roma nella sua prima stagione da allenatore azzurro. O partenopeo che dir si voglia, perché da ieri si è attribuito da solo la qualifica di separatista, il patriota che sfugge all'Europa unita e riconsegna l'Italia ai tempi in cui ci si faceva guerra Comune per Comune. "Viva Rafa", urla il suo "pueblo fiel", ripercorrendo al contrario i fatti raccontati dalla storia, per vestire, lui castigliano doc, i panni di Tommaso Aniello D'Amalfi, il mercante rivoltoso che 350 anni fa scatenò la rivolta popolare contro le gabelle imposte dal governo spagnolo. Finalmente abbiamo ammirato l'orgoglio di don Rafè che troppe volte aveva coperto dietro sorrisi dipinti e risposte di comodo. Ora sì che ha assunto le sembianze del condottiero, così tanto da incitare la squadra a rendere di più e cancellare gli errori passati che lui stesso aveva ammesso. Vedrete che oggi il Napoli darà il meglio di sé, travolgerà il Chievo che non avrà chance e tutti esulteremo per la vittoria della "nostra" squadra del cuore. Sì, la "nostra", di quelli che non dicono "Forza Napoli sempre" sol perché stipendiati dal club, ma perché siamo nati qui, con addosso una fede che nessun editore avrebbe mai potuto condizionare, da 30 anni a questa parte, cioè molto tempo prima di quando Benitez cominciava ad allenare. Chi arriva qui, poi, si lega a tutto ciò che Napoli esprime. Pure Rafa ha subìto lo stesso fascino e chissà quanto si sarà rammaricato di non aver portato più moglie e figlia a vivere con lui, dopo aver cercato una casa confortevole a Posillipo. La famiglia è a Liverpool, dove ha trascorso l'ultima, controversa settimana di vacanza. Gli ha fatto bene riposare, essendo tornato a lavoro con le motivazioni alle stelle ed un senso di Napoli che, siamo certi, si tradurrà ben presto in un rinnovo pluriennale del contratto. Chissà con quanta ansia aspetterà il ritorno del presidente dagli Stati Uniti per firmare quell'atto d'amore più che di lavoro, un impegno morale avente come fine il solo bene del Napoli, tanto da immaginare di sottovalutare il senso del danaro ed accettare anche un contratto al minimo sindacale. Così sì, la tifoseria del Napoli avrebbe la piena consapevolezza che Benitez sia davvero diventato uno di noi e per sempre lo sarebbe, come è successo a Pesaola e Vinicio rimasti a vivere sotto al Vesuvio. Solo con un allenatore-tifoso si potrà tornare a vedere altri calciatori napoletani in squadra, o magari anche solo italiani, giacchè Jorginho è l'unico italo-brasiliano acquistato da De Laurentiis da quando ha affidato le redini del mercato tra le mani del coach spagnolo. Ma bisogna fidarsi di lui già adesso che ha giudicato il mercato del Napoli "perfetto", aggiungendo che "la squadra è più forte ed equilibrata dell'anno scorso". I tifosi credono ciecamente in lui e queste osservazioni aprono il cuore di chi tifa Napoli rimettendoci di tasca propria, nell'attesa spasmodica di riuscire a vincere quello scudetto che manca da 24 anni. Senza la Champions, poi, sarà ancora più comodo tenere testa alla Roma ed alla Juventus, apparentemente meglio attrezzate nella corsa al titolo. E' stato veramente bello sentire ieri l'orgoglio nazionalista di Benitez, una dissertazione-fiume nel corso della quale ha inquadrato bene il senso di Napoli quando ha detto che "il tifoso è intelligente". Ed a quel tifoso ha aggiunto che "non bisogna aver paura di pronunciare la parola scudetto". Ecco, è quel pezzetto tricolore che lega la gente di Napoli a chiunque venga qui da professionista, per guadagnare il giusto ingaggio. Null'altro. Perché puoi essere Masaniello quanto vuoi, se non porti i risultati, la storia racconta che non finisce benissimo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.