HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Wanda, il mercato è una cosa seria. Basta faccine e arcobaleni. Milan, da Donnarumma parte dei soldi del mercato. Bari, senza società la A resterà un miraggio. Il nuovo mercato, le date e il classico autogol...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
04.06.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 29062 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Inizia il mercato, di fatto è già iniziato, ed è come aprire un circo dove si esibiscono giocolieri, animali e comici. I giocolieri sono quei procuratori che vivono per la classica 500 euro di commissione. Fanno il male dei propri assistiti perché devono campare e nella loro vita non posso fare nulla se non racimolare, appunto, la 500 euro. C'è la categoria degli animali, sezione protetta, composta da Presidenti truffatori che fanno scomparire le carte e quando ricompaiono si ritrovano con bilanci gonfiati. Poi i comici. Quelli che vogliono far credere ciò che non sono e, grazie al circo del mercato, si possono permettere una macchina bella e una vita dignitosa. In tutte queste categorie non compare la Signora Wanda Nara. A giudicarla sui social sembra la classica moglie del calciatore che prova a fare soldi sulla testa del marito, la moglie impicciona e senza valori. Invece la Signora Icardi ha delle qualità importanti. Lo diciamo senza ironia. Certamente Mauro ora guadagna soldi veri ma, anche senza Mauro, la Signora non viveva buttata ai semafori con il timore di trovare in auto Salvini. Anzi. Ha una sua carriera avviata in Argentina, ha guadagnato bene ed è anche nota soprattutto in Sudamerica per la professionista che è. In Italia, sembra scontato, è "solo" la Signora Icardi. Fa anche da procuratrice al marito che potrebbe sembrare in balia della moglie, invece, non lo è. Sono due ragazzi intelligenti, senza troppi grilli per la testa. Però, a Wanda, va spiegato meglio l'uso dei social. La stanno rovinando. Se vuole fare gli interessi di Mauro non può dare indizi sui social, mettere faccine e arcobaleni. Il mercato è una cosa seria e Icardi è un pezzo pregiato. Dietro agli arcobaleni di Wanda girano milioni e milioni di euro tra procure, ingaggi e cartellini. Icardi è dell'Inter e se l'obiettivo è restare ma con un ingaggio migliore basta dirlo. L'Inter farà in modo, se possibile, di accontentare il suo capitano. Altrimenti, tra una faccina ed un arcobaleno, Wanda Nara dovrà portare una proposta seria e concreta sulla scrivania di Ausilio. Altrimenti facciamo bene a parlare su twitter.
Il Milan cerca la sua strada. L'Uefa ha bloccato tutto. Prima della partenza per le vacanze in Calabria, Gattuso e Mirabelli avevano fatto la classica lista della spesa. Morata si, Immobile Magari, Belotti no, Fellaini si ma le commissioni sono alte, Nainggolan sì ma non è la prima scelta, via Antonelli e Montolivo, Suso giura amore eterno ma non fidiamoci di nessuno, Bacca lo vendiamo e facciamo cassa, Donnarumma può andare tanto c'è Pepe e facciamo qualche soldino. Tutto chiaro nella testa di Mirabelli e Gattuso ma la Uefa ha bloccato tutto. Ora Rino se ne va a vedere il Mondiale, lo stesso farà Mirabelli per i primi 4 giorni di Russia 2018, poi si aspettano notizie concrete. La scelta di vendere Donnarumma sarebbe saggia. Un anno fa è stato confermato più per una questione di orgoglio nei confronti di Raiola che per scelta tecnica. Oggi servono soldi, il sostituto ce l'hai in casa e Donnarumma ha dimostrato di essere un grande portiere ma non ancora un fenomeno di primo piano. Portate 50-60 milioni di euro e a Casa Milan preparano caviale e champagne. Tra i soldi di Donnarumma, quelli di Bacca, forse quelli di Rodriguez più un altro paio di cessioni e ingaggi risparmiati (Antonelli, Abate e Montolivo) il Milan si costruisce il tesoretto per fare mercato. Sicuramente la punta, poi una mezzala e un difensore. Le idee allo staff rossonero non mancano. Qualche soldo forse Lì. Scusate, Sì...
Primi verdetti nei play off di serie B. Il Bari va a casa e finisce nell'anonimato un'altra stagione del possibile rilancio in serie A. Il Bari in serie B è uno spreco per il nostro calcio. Uno schiaffo a mano aperta. Con la penalizzazione e il posto perso in classifica è cambiato tutto. Con questa formula serve un'impresa per passare il turno giocando fuori e dovendo vincere per forza. Bari è un mistero del nostro calcio. Prima il problema erano i Matarrese con milioni di debiti, poi il Bari fu ingiustamente aiutato con il fallimento pilotato e la società poteva ripartire seriamente. Paparesta ci ha messo cuore e soldi ma non essendo Berlusconi, anche i soldi di Paparesta sono finiti. Poi Giancaspro tra mille dubbi e centomila perché. Il Bari non riesce a trovare una proprietà sana e, soprattutto, seria. Si potrebbe fare grande calcio a Bari. Invece, ogni anno, si vive alla giornata. I play off di quest'anno sono stati un mezzo miracolo. Sogliano, tanto per cambiare, ha fatto più da Presidente che da Direttore ma in queste condizioni si sopravvive non si programma nulla. Grosso non è uno scienziato, non lo considero un allenatore di prima fascia ma più di questo, forse, non avrebbe potuto fare. Certamente non è stato il problema l'allenatore. Piuttosto il Presidente assente e con grandi problemi non ha aiutato a provare a compiere una scalata molto complicata.
Sono state ufficializzate date e orari del mercato. Ci limitiamo a scrivere tre righe. Il nostro calcio ha buchi in tutta la coperta, ci siamo affrettati a mettere una toppa nel buchino in basso a destra. Chiudere il mercato venerdì 17 agosto alle 20 è un autogol, fare il mercato di gennaio in sole due settimane è un controsenso. Vogliamo imitare gli inglesi ma imitiamo le cose inutili e non la ripartizione dei diritti tv, la gestione degli stadi di proprietà, i vivai, le strutture e il marketing. No, copiamo la chiusura anticipata del mercato perché fa figo. Con questo sistema, non solo chi ci perderà sarà la serie A in termini di soldi e valori, vedrete verso il 10 agosto in quanti si lamenteranno, anche nel rapporto con gli altri mercati, ma queste date mettono in crisi un altro sistema che il Governo del calcio ignora: serie B, serie C e serie D non possono chiudere così presto. I dilettanti chiudevano, solitamente, il 15 settembre. Pensate se restasse tutto così. I dilettanti chiuderebbero un mese dopo i professionisti. Siamo al circo. Basta pagare il biglietto e lo spettacolo parte. Peccato che durante l'esibizione dei leoni non abbiano considerato di mettere i cancelli...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->