VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Witsel: il Bonaventura europeo. Thohir: la sindrome El Shaarawy. Allegri: il 2' anno ancora Pirlo via. Cerci-Guarin: sembrano Cassano e Pazzini

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
18.07.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 79703 volte

Sta accadendo questo fra il Milan e i suoi tifosi: la Società ha offerto 25 mi-lio-ni per Alessio Romagnoli e sogna Zlatan Ibrahimovic. Il Popolo rossonero condivide ma aggiunge: serve ancora qualcosa a centrocampo, ovvero Axel Witsel. Discussioni da grasso che cola rispetto alle estati precedenti, ma a metà del guado fra il Board rossonero e i Social rossoneri i temi sono questi. Possibili punti d'incontro? Difficile. Anche se, dovessero davvero arrivare un giorno (il mercato pesante è rischioso, è il regno della pazienza e dell'incertezza altrimenti non sarebbe tale) sia Romagnoli che Ibra, la cotta per il cigno belga di centrocampo dovrebbe proprio passare. Potrebbe anche accadere che, in assenza di sviluppi concreti per Romagnoli, il Milan e Sinisa potrebbero accantonare il difensore centrale di piede sinistro per virare sull'uomo di peso a centrocampo. Anche se, oggi, la Società, sono valutazioni, fatte apposta per discuterne ma in buona fede, ritiene di aver già operato a sufficienza a centrocampo: consolidato De Jong non più in scadenza, preso Bertolacci pronto subito, ok Jose Mauri per adesso e in prospettiva, recuperato Montolivo. Non dovesse arrivare invece o uno fra Romagnoli e Ibra o nessuno dei due, nel calciomercato nessuno firma cambiali e ci sta tutto e il contrario di tutto, la fame di autorevolezza e ampiezza a centrocampo potrebbe riesplodere nelle fila della gente rossonera. A proposito di Witsel. Sembra il Bonaventura dell'estate 2014. Un anno fa Jack è stato lì, in vetrina tutta l'estate. Tranquilli, è già della Fiorentina. Ma no, va all'Inter. Prendiamolo noi, scrivevano i tifosi rossoneri a Milan Channel. Poi sappiamo come è finita, e per fortuna, l'ultimo giorno di mercato. Witsel, uguale. Sembrava della Juventus, poi il sito belga Sudinfo.be lo dava già sull'aereo per Milano, poi dopo i primi rumors per Vidal l'entourage italiano di Axel si è rimesso in contatto con la Juventus. Ci sarebbe anche il Chelsea. Intanto Witsel, grande giocatore, è lì, tutti lo guardano e nessuno se lo piglia. E a Milan Channel i tifosi rossoneri scrivono per lui le stesse cose che scrivevano un anno fa su Jack.

Il mercato in uscita è l'olio di ricino del mercato. Non eccita i tifosi, non fa sognare, non suscita entusiasmi. Ma senza le uscite, le rose diventano mastodontiche e manca il fluido giusto per programmare i colpi successivi in entrata. Erick Thohir e Walter Sabatini non lo dichiarano, perché il mercato in uscita è così impopolare che non è roba da proclami e non se ne parla sui giornali, ma quanto hanno invidiato Adriano Galliani. Visto? Loro hanno ceduto El Shaarawy e noi no. Loro hanno messo un segno più in uscita importante, mentre i nostri esuberi sono ancora qui. Il discorso è noto per quanto riguarda la Roma, ma è ancor più avvitato e sordido in casa Inter. Fassone e Ausilio hanno preso Kondogbia anche perché erano convinti di essere vicinissimi alla cessione di Kovacic, ma il Liverpool nel frattempo è sparito. A questo punto nei salotti finanziari milanesi si sussurra di un aumento del tasso di interesse, effetto Kondogbia?, dall'8 per cento al 9 per cento a carico dell'Inter verso il presidente Thohir, ma del sussurro non v'è certezza. La sensazione è comunque chiara: senza una grande cessione, Jovetic farà la fine di Zukanovic. Al massimo sliding doors fra Shaqiri e Perisic. A proposito, c'è qualcosa di compulsivo nel rapporto fra Roberto Mancini e il mercato. Li vuole tutti, subito, senza ritegno e li sbologna in men che non si dica: è già accaduto a Podolski, Santon e appunto Shaqiri. Lo stesso presidente Thohir ha avvertito questo: sembra che, ad ogni trattativa, Mancini ponga la questione di fiducia. Vediamo se me lo prendono, dai vediamo, vediamo se è vero che vogliono investire. E questo accade nonostante Miranda, nonostante Murillo, nonostante Montoya e nonosante, soprattutto, la grande prova d'amore che non ha tuttavia saziato Mancini, e cioè proprio Kondogbia. Risultato: Zukanovic alla Sampdoria, Primo segnale al Mancio: i giocatori sono patrimonio del Club, non dell'allenatore.

La simmetria sembra perfetta. Massimiliano Allegri vince lo Scudetto il primo anno al Milan e all'inizio del secondo anno parte Pirlo. Stessa cosa alla Juventus, Scudetto subito e Pirlo via subito dopo. I ricorsi storici raddoppiano, ma le responsabilità aumentano. Il tagliando della Juventus del secondo anno sarà di Allegri e solo di Allegri. Un anno fa, il tecnico di Livorno aveva ricevuto amalgama e certezze dal suo predecessore, adesso tocca a lui. Il calcio, il classico sport in cui due più due non fa mai quattro, un po' come accadeva alle forze politiche del pentapartito che si alleavano alle elezioni per sommare i loro voti e poi regolarmente li perdevano, aspetta al varco Allegri. Una volta che smonti l'ingranaggio perfetto, una volta che contamini la reazione chimica che ha saputo superare ogni forza opposta e contraria, non c'è la garanzia che un pezzo al posto dell'altro la vita riprenda il suo corso. Khedira o Oscar (o Goetze, o Witsel, o chi volete voi) faranno il gol su punizione alla Pirlo quando la partita sembrava finita? Al settimo del primo tempo, senza l' 1-0 Tevez, le partite come saranno per Dybala e Mandzukic? E chi surrogherà il tiro da fuori di Vidal come accadeva nelle gare in cui il resto dell'artiglieria pesante bianconera, tirava il fiato? Tocca ad Allegri rispondere, senza alibi e senza attenuanti. E Antonio Conte è molto curioso.

Milan e Inter. Mercati molto simili. Grande voglia di risalire, Colpi in serie. Ma, curiosamente in entrambi i casi proprio dopo le dichiarazioni del presidente Tavecchio, il ritmo delle entrate si è abbassato. Il Milan aveva bisogno di alzare la media-gol delle punte pure (l'anno scorso Destro, Torres, El Shaaarwy e Pazzini sono arrivati a stento in doppia cifra sommando i gol di tutti e quattro) e lo ha fatto. L'Inter aveva forti problemi in difesa e ci ha lavorato duro. Adesso quella fase di telefonate, tentativi e dichiarazioni tattiche che magari non esaltano i tifosi ma che sono fisiologici nell'economia di tutto un mercato. Dovesse trascinarsi questa fase più a lungo del previsto, Milan e Inter sanno di avere al proprio interno due temi dormienti. Un po' come nell'estate 2012 lo erano, eccome se lo erano, Antonio Cassano e Giampaolo Pazzini. Il Cassano di oggi sembra essere Alessio Cerci, una volta inseguito da Mancini e perfettamente in grado di fare quello che fa Jovetic, mentre il Pazzini del 2015 potrebbe essere Fredy Guarin, proprio quel centrocampista di spunto e di tiro che molti tifosi rossoneri inseriscono nelle loro mail e nei loro sms alle tv. Vero che Guarin è di proprietà mentre Cerci è in prestito, ma verso fine Agosto per un anno si potrebbe anche provare. A meno che, prima del 26-27 Agosto, non sia accaduto ancora qualcosa d importante. Sia in casa rossonera che in quella nerazzurra.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.