HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Europa

Le pagelle del Barcellona - Messi è ancora storia. Ter Stegen decisivo

Risultato finale Supercoppa di Spagna: Barcellona-Siviglia 2-1
13.08.2018 00:06 di Pierpaolo Matrone   articolo letto 25946 volte
© foto di J.M.Colomo

Ter Stegen 7 - La firma su questa Supercoppa di Spagna è anche sua. Soprattutto perché al 91' ipnotizza Ben Yedder dagli undici metri e mette in salvo il 2-1 all'ultimissimo minuto.

Semedo 6,5 - Una costante sulla fascia destra la sua corsa sul fondo. Non taglia il campo, ma va sempre sul fondo. E crea diverse insidie.

Piqué 7 - Ha numeri quasi da attaccante dal punto di vista realizzativo. Si fa trovare pronto dopo il palo di Messi e ribadisce in rete il gol del momentaneo pareggio. Dietro, poi, sbaglia poco. Una garanzia.

Lenglet 5,5 - Il grande ex della partita, il suo trasferimento dal Siviglia s'è consumato poco fa. E forse ne risente. Qualche sbavatura di troppo, soprattutto nel primo tempo viene anticipato più di una volta dagli attaccanti avversari.

Jordi Alba 7 - Letture difensive in extremis? Sì, un marchio di fabbrica che spesso toglie le castagne dal fuoco al Barça. E' uno dei migliori, anche perché è un motorino che non termina mai la benzina sulla sinistra. I suoi traversone sono costantemente insidiosi. Ha già una buonissima gamba.

Arthur 6,5 - E' stato pagato tanto, 40 milioni, e ha ereditato una maglia pesantissima, la numero 8 di Don Andrès Iniesta. Ma la indossa con una personalità notevole, si destreggia bene in mediana nei 45 minuti concessigli da Valverde. (Dal 53' Coutinho 6,5 - Sprazzi di classe, come al solito. Gioca in mezzo al campo e dimostra di poter dare un grosso contributo anche in un ruolo per lui atipico.)

Busquets 6 - La prima bella iniziativa della gara è sua. Poi il solito lavoro oscuro, si mette un po' più nell'ombra ma la sufficienza la porta a casa.

Rafinha 6 - Titolare a sorpresa l'ex Inter, gioca da mezzala, una posizione diversa, e si fa apprezzare soprattutto in fase di non possesso. (Dal 46' Rakitic 5,5 - Lavora più sottobanco, si vede troppo poco nella ripresa).

Messi 7 - Non segna, ma sforna assist su assist, colpisce un palo, sfiora il gol più volte. Quando si mette in moto succede sempre qualcosa. E stasera, con questa Supercoppa, diventa il barcelonista più vincente della storia, superando Iniesta.

Suarez 5,5 - Deve ritrovare anche un po' di brillantezza. Si è aggregato in ritardo al gruppo, non è al massimo della condizione, commette qualche errore di troppo, ma i pericoli arrivano anche dai suoi piedi.

Dembelé 7 - A volte viene da pensare che neanche lui sa esattamente quanto sia forte. Per un'ora sembra ancora quel ragazzino acerbo arrivato da Dortmund, poi decide di mostrare a tutti il suo talento. Prima si scalda con un paio di accelerazioni estemporanee, poi trova la rete con una bordata da fuori imprendibile per Vaclik. Un super-gol. (Dall'86' Vidal s.v.)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Barella-Kean, la meglio gioventù. L'Italia vince 2-0 con la Finlandia L'Italia parte con il piede giusto nelle qualificazioni, battendo una Finlandia volitiva ma leggerina, che in novanta minuti crea una sola occasione con Pukki. Primi tre punti per Mancini LE FORMAZIONI - L'Italia è quella prospettata sin dal giorno prima, con Piccini che prende...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510