HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » fidelisandria » Primo Piano
Cerca
Sondaggio TMW
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

LIVE Taranto - Fidelis Andria 2-0: gli azzurri soccombono. Il derby se lo aggiudicano gli ionici. RIVIVI IL MATCH

Apre i conti Bollino con il goal dell'ex. Chiude i conti Viola su penalty.
18.09.2016 20:00 di Nicola Massaro    per tuttofidelis.it   articolo letto 551 volte

Successo per il Taranto che allo stadio Iacovone batte la Fidelis Andria 2-0 nel più classico dei derby. Una partita iniziata in maniera migliore da parte dei federiciani, privi del pubblico amico a causa del divieto di trasferta, rispetto agli avversari. Subito dopo il goal del vantaggio dei padroni di casa, però, ad opera di Bollino, ex di turno, i federiciani accusano il colpo. Nella ripresa, poi, gli ionici difendono il risultato, mentre gli azzurri provano a raddrizzare la partita senza riuscirci. Alla fine un penalty molto dubbio permette agli uomini di mister Papagni di chiudere il match.

I padroni di casa si posizionano con il 3-4-1-2 con Bollino dietro il tandem Magnaghi - Balistreri. Regolarmente in campo e recuperato l'ex calciatore di Gubbio e Foligno. Out il difensore Albanese e il centrocampista Sampietro, entrambi infortunati. Dall’altra parte gli ospiti rispondono con il 4-2-4. Mister Giancarlo Favarin decide, dunque, di confermare la formazione titolare scesa in campo contro la Paganese, nel match che è valso la prima vittoria in campionato. In avanti Onescu e Mancino coadiuvano i due attaccanti centrali Fall e Cruz, quest’ultimo a rischio fino a ieri poiché uscito malconcio dalla sfida precedente. Indisponibili, nelle fila degli azzurri, il portiere Poluzzi, il difensore Annoni e la punta Cianci, tutti infortunati. Assente per problemi famigliari anche l'attaccante Klarić.

Le due squadre si affrontano sin da subito a viso aperto. Al 2’ Tartaglia, servito direttamente da calcio d’angolo da Tito, ci prova di testa ma Maurantonio blocca la sfera senza problemi. Dopo un giro di lancette Balistreri, in area di rigore, lascia partire un tiro che si spegne di poco alla destra di Pop. Al 6’ Mancino, da calcio di punizione, scodella una palla in area, costringendo il portiere avversario a deviarla in angolo a seguito di un primo tocco di un difesnore. Passano 6 minuti e Matera, servito da Fall, di prima intenzione calcia la sfera direttamente fuori. Fidelis Andria decisamente più pericolosa, in questo frangente, rispetto al Taranto. Al 21’ Tartaglia, dalla destra, crossa la palla verso Mancino che di testa non inquadra lo specchio della porta. Al 26’ i padroni di casa passano in vantaggio: De Giorgi, dalla sinistra, disegna un assist preciso per Bollino che batte di testa Pop. Bravo, l’ex di turno, ad inserirsi e approfittare della situazione favorevole. Taranto 1 - Fidelis Andria 0. Nei minuti che seguono gli andriesi non reagiscono e gli ionici mantengono il possesso palla senza creare, tuttavia, grosse problematiche agli avversari. Termina così il primo tempo.

Ad inizio secondo tempo la Fidelis Andria appare più determinata. Mister Giancarlo Favarin decide di passare sin da subito dal 4-2-4 al 4-2-3-1, spostando Mancino sulla trequarti e Cruz sulla fascia sinistra. Al 46’ Fall, dalla sinistra, carica una conclusione troppo potente che non desta preoccupazione a Maurantonio. La risposta del Taranto arriva poco dopo con Bollino che lanciato in profondità da Balistreri si invola tutto solo verso la porta avversaria e calcia, spedendo la sfera fuori. I federiciani, nei minuti successivi, appaiono molto più propositivi e imprevedibili. Il buon atteggiamento, però, non produce vere e proprie occasioni da goal. Al 68’ Volpicelli serve in area Fall che di testa, da buona posizione, spedisce la palla fuori. Al 75’ Tito ci prova da posizione defilata, senza impensierire il portiere degli avversari. Successivamente gli azzurri provano ma non riescono a creare azioni nitide, mentre i rossoblù si chiudono nella propria metà campo e ripartono in contropiede. Proprio da una ripartenza, poco prima del fischio finale, nasce l’azione del raddoppio dei padroni di casa: Viola, lanciato in velocità, viene atterrato da Onescu: per l’arbitro è calcio di rigore. Dubbi nell’occasione con l’attaccante avversario che sembra cadere fuori dall’area. Dal dischetto parte lo stesso numero 29 che spiazza Pop e chiude i conti. 

Vittoria importante per il Taranto che è riuscito a riscattare la sconfitta subita in rimonta contro la Casertana e che sale a 8 punti in graduatoria. Buon atteggiamento da parte degli ionici che hanno saputo sfruttare un errore avversario per passare in vantaggio e poi sono riusciti a difendere il risultato fino all'ultimo, quando è arrivato il raddoppio. Sconfitta pesante, dopo i primi tre punti stagionali, per la Fidelis Andria che rimane a quota 4 in classifica. Gli azzurri hanno impensierito poche volte gli avversari, pur mantenendo a tratti il possesso palla, specialmente nella ripresa. Il bel gioco espresso nelle prime due giornate, però, attualmente è un vago ricordo. Domenica i rossoblù sfideranno il Foggia, in un altro derby, mentre gli andriesi se la vedranno in casa contro il Melfi. 

TARANTO - FIDELIS ANDRIA 2-0:

TARANTO (3-4-1-2): 1 Maurantonio; 18 Altobello, 6 Stendardo, 3 Pambianchi; 2 De Giorgi; 28 Bobb (56' - 4 Nigro), 26 Lo Sicco, 21 Garcia; 10 Bollino; 9 Magnaghi (78' - 17 Balzano), 11 Balistreri (62' - 29 Viola). (12 Pizzaleo, 5 Paolucci, 7 Potenza, 13 De Salve, 15 Cardea, 24 Langellotti, 27 Cedric, 30 De Toni). All. Papagni.

FIDELIS ANDRIA (4-2-4): 12 Pop; 2 Tartaglia, 4 Aya, 5 Allegrini, 24 Tito; 11 Matera (71' - 17 Starita), 8 Piccinni; 26 Onescu, 9 Fall, 23 Cruz (59' - 7 Volpicelli), 10 Mancino (81 - 20 Berardino). (22 Cilli, 3 Valotti, 6 Rada, 13 Colella, 14 Masiero, 16 Minicucci, 18 Ovalle, 23 Curcio). All. Favarin.

Stadio: Iacovone. 

Arbitro: D’Apice Giosuè Mauro della sezione di Arezzo.

Assistenti: Ruggieri Thomas di Pescara e Micaroni Andrea di Pescara.

Indisponibili: Albanese (TA), Sampietro (TA), Annoni (FA), Cianci (FA), Klarić (FA), Poluzzi (FA).

Marcatori: 26' Bollino (TA), 95' Viola rig. (TA).

Ammoniti: 5' Lo Sicco (TA), 21 Bollino (TA), 28' Matera (FA), 83' Allegrini (FA), 88' Piccinni (FA), 91' Berardino (FA), 92' Viola (TA), 94' Onescu (FA).

Espulsi: /

Angoli: 2 (TA) - 5 (FA).

Cambio di sistema: Ad inizio secondo tempo la Fidelis Andria passa dal 4-2-4 al 4-2-3-1.

Recupero: 1' p.t - 5' s.t.

Spettatori: N.C.


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Fidelisandria

Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510