HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » fiorentina » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

Milan, segnale alla Dea: Donnarumma decisivo, 2-0 al Frosinone

19.05.2019 19:48 di Michele Pavese    articolo letto 8755 volte
Milan, segnale alla Dea: Donnarumma decisivo, 2-0 al Frosinone
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Soffre, rischia grosso ma alla fine conquista tre punti importantissimi. Missione compiuta per il Milan di Gennaro Gattuso, che batte 2-0 il Frosinone a San Siro e mette pressione all'Atalanta, che tra poco scenderà in campo all'Allianz Stadium contro la Juventus. Decisivi Piatek, Suso e soprattutto Donnarumma, che para un rigore a Ciano sul punteggio di 0-0.

Rossoneri bloccati - Ritmi bassi, poche idee e zero occasioni vere costruite. Il primo tempo è quasi un monologo rossonero, ma la squadra di Gattuso non riesce a velocizzare la manovra e a rendersi pericoloso. Dopo un paio di conclusioni di Borini, la palla gol più grande capita tra i piedi di Bakayoko, che conclude da fuori area sfiorando il palo destro. All'intervallo, però, il punteggio è fermo sullo 0-0: Romagnoli e compagni rientrano negli spogliatoi tra i fischi del pubblico.

Dall'Inferno al Paradiso in sette minuti - Il Milan rientra in campo più determinato e va vicininissimo al vantaggio con Borini: l'esterno italiano si ritrova la palla tra i piedi dopo un rimpallo, ma spara alto da posizione favorevolissima. Il Frosinone, però, continua a fare la sua partita e al 50' ha la chance per sbloccare la sfida: Paganini ruba alla ad Abate, che lo stende in area. Dal dischetto si presenta Ciano, Donnarumma si supera e fa esplodere San Siro. Come da tradizione, a gol mancato segue gol subito: lo stadio impazzisce sette minuti più tardi, quando Piatek batte di rapina Bardi, firmando il suo trentesimo centro stagionale.

Capolavoro di Suso, poi la commozione - Il vantaggio ha l'effetto di liberare i rossoneri dalla pressione e dalla tensione accumulate negli ultimi giorni. Pochi minuti più tardi Calhanoglu guadagna un calcio di punizione dal limite; sul punto di battuta si presenta Suso, che disegna una traiettoria perfetta e non lascia scampo a Bardi. L'uno-due micidiale spegne le velleità degli ospiti, che fanno da sparring-partner alla festa rossonera e alla passerella per Ignazio Abate. Gattuso concede la standing ovation e l'abbraccio dei compagni al terzino, applaudito da tutto lo stadio e sostituito da Conti. È l'ultima emozione della partita; adesso al Milan non resta che tifare Juventus. L'Europa League è assicurata, ma il sogno si chiama Champions.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Fiorentina

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510