Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / genoa / Serie A
Preziosi: "Ho lasciato il Genoa in buone mani. Resterò nel board ma non avrò potere decisionale"TUTTOmercatoWEB.com
lunedì 27 settembre 2021 09:30Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Preziosi: "Ho lasciato il Genoa in buone mani. Resterò nel board ma non avrò potere decisionale"

L'ormai ex proprietario del Genoa, Enrico Preziosi, ha parlato a Radio Rai dopo la cessione del club a 777 Partners. Queste le sue parole: "I nuovi proprietari sono persone giovani che hanno una situazione finanziaria importante, sono affidabili e questa era la cosa più importante. Erano tre anni che volevo cedere e questa è una società di tutto rispetto. Il futuro del Genoa è blindato".

Resterà all'interno della società?
"Chi ha comprato il 100% della società ha il diritto di decidere, i proprietari decideranno ma per contratto ho un posto nel Board, il che non vuol dire che avrò potere decisionale. Avrò una delega nelle attività".

Che programma hanno i nuovi proprietari?
"L'era dei presidenti mecenati è finita, adesso i club sono delle vere e proprie aziende. Dovranno fare i conti con le leggi italiane, serviranno stadi di proprietà e i bilanci dovranno essere in positivo, cercando di valorizzare il prodotto per poi magari cedere nuovamente".

Perché i fondi non entrano in Lega ma poi entrano nei club?
"In Lega è difficile trovare la quadra, è più semplice nei vari club. Per questo i fondi entrano attraverso porte secondarie".

Adesso sono 8 i club italiani in mani straniere. C'è il rischio che si perda il valore del calcio?
"Il calcio ha la magia di inculcare passione. C'è molto entusiasmo e questo fa bene, non si può pensare solo al business. La passione può indurre i tifosi a fare altro e a portare anche dei vantaggi sotto il profilo economico".

Cosa si può fare per combattere la lotta al razzismo?
"Mi sembra inutile parlarne, si sta facendo tutto il possibile per debellarlo e spero che si chiuda questo argomenti inaccettabile".

Cosa c'è dietro a tutto questo "americanismo" che entra nel mondo del calcio italiano?
"Vedono il calcio come business, come un intrattenimento. Lasciamoli investire, perché no. Anche perché hanno passione. Commisso ha portato in equilibrio la società e sta assicurando un futuro importante alla Fiorentina. Ci sono tutte le premesse per fare bene".

Come mai i tifosi del Genoa l'hanno contestata tanto?
"Ho preso il Genoa in Serie C, ho investito tantissimo salvandolo dai dilettanti e ho fatto il massimo. Il calcio è difficile, a volte viene a mancare il supporto dei tifosi perché si aspettano di più di quello che si può fare. Ho fatto degli errori ma anche 15 anni di Serie A. Sono stati fatti degli sforzi, forse avrei potuto fare di più ma magari anche peggio. Ho lasciato il club in mani sicure, non posso piacere a tutti. Spero che chi ci è oggi possa fare meglio".

Ha intenzione di prendere la Salernitana?
"Assolutamente no, non entrerò mai più nel calcio. Ho ricevuto anche una telefonata, ma dico di no".

Cosa succede con DAZN?
"Non eravamo preparati per un servizio del genere ai telespettatori. È un peccato che Sky sia stato fatto fuori, forniva un grande servizio da anni. DAZN deve investire ancora, spero che si possa accelerare per trovare una soluzione per dare un segnale decente ai telespettatori. La collaborazione tra Sky e DAZN penso che sarebbe stata la cosa migliore".

Gli americani potrebbero creare una Lega alternativa?
"Penso proprio di no. Il mondo del calcio in Europa è governato da un ente a parte. Non penso che si possa incidere".

Potrebbe essere l'anno del Napoli?
"Me lo auguro, sono sempre stato tifoso del Napoli. Sono felice che quest'anno abbia cominciato con sei vittorie. L'entusiasmo, il valore della rosa e l'allenatore possono fare grandi cose. Dico forza Napoli".

I presidenti devono essere più pazienti con gli allenatori?
"Il calcio è fatto di emozioni, a volte c'è poca razionalità. Vorrei ricordare che non ho avuto molta fortuna con gli allenatori, ma poi quando ho trovato quello giusto ci ho fatto 9 stagioni, mi riferisco a Gasperini. È stato difficile lasciarci, a volte però sono stato poco paziente".
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000