Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Chiesa, il no a un nuovo attaccante, il punto sui rinnovi: la conferenza stampa di Daniele Pradè

Chiesa, il no a un nuovo attaccante, il punto sui rinnovi: la conferenza stampa di Daniele PradèTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
venerdì 11 settembre 2020 00:41I fatti del giorno
di Raimondo De Magistris

Daniele Pradè, direttore sportivo della Fiorentina, ha tenuto nella giornata di ieri una conferenza stampa per fare il punto sul mercato del club viola. Nel giorno dell'ufficialità dell'acquisto di Giacomo Bonaventura, queste le parole del ds gigliato: Prima di tutto, il mio primo pensiero è che è tanto che non ci vediamo. Almeno da gennaio. Oggi è il nostro primo incontro e il mio primo pensiero è per Alessandro Rialti che non posso avere qui davanti. Gli voglio bene. Poi vi chiarisco subito una cosa. Ho preso un caffè con Macia e ci vado a pranzo. E' qui per cose sue personali ma dovevo incontrarlo perché è una grande amicizia e con lui mi confronto sempre".

L'arrivo di un centravanti è una priorità oppure no?
"Io sono contento della squadra che noi abbiamo. In questo momento abbiamo cinque punte che sono Cutrone, Chiesa, Kouamé, Ribery e Vlahovic. Ditemi voi? Abbiamo fatto un investimento a gennaio su Kouamé e anche per Cutrone. Vlahovic dobbiamo metterci d'accordo: per noi è un giocatore forte. In altre squadre i giovani forti vengono utilizzati. Chiesa e Ribery non si discutono. Perciò vi chiarisco con grande trasparenza questa situazione".

Il ritorno di Borja Valero con Benassi all'Hellas?
"Stiamo parlando, stiamo riflettendo. Ci siamo presi tutti quanti qualche ora di tempo e vediamo come si evolve la situazione. Marco è un giocatore forte che ha bisogno di spazio. Qui forse ce n'ha poco e vediamo quello che pensa. Di Borja non vi devo dire niente. E' uno dei giocatori più forti comprati in carriera".

Ha un budget di mercato e c'è un passivo da ripianare?
"Do una risposta da dirigente: quello che stiamo vivendo è anomalo, tutta l'economia mondiale non solo il calcio. Non ci sono stadi o sponsor. Lo stiamo vivendo in questo mercato. Se vedete, operazioni importanti senza uscite, non ce ne sono state. Commisso non mi ha mai fatto problemi di budget. Il nostro tetto salariale è molto alto da situazioni precedenti. L'unico calciatore che non rientra nei piani ed è un calciatore forte è Boateng. Tutti gli altri vengono dal passato e stiamo cercando di risolvere tutto. Commisso è un presidente forte che ha parlato chiaro anche sulle perdite. Questa sarà una stagione ancora più difficile".

I rinnovi delle scadenze nel 2022-2023?
"Vlahovic non mi preoccupa perché abbiamo tre anni di contratto ancora. Dobbiamo aspettare il 6 di ottobre per parlare con gli altri. Tutti quanti sanno il pensiero sui calciatori. Il presidente è stato chiaro su Chiesa: se ci sono offerte congrue mettendo in condizione di uscire, l'avremmo ceduto ma ad oggi non ci sono queste condizioni. Chiesa si sta comportando benissimo e proseguiamo su questa linea. Il 6 di ottobre si parlerà in altro modo. Oggi Chiesa è della Fiorentina e così lo considero. Gli altri tre ne parleremo a fine mercato. La cosa più difficile è Milenkovic, ma lui sa qual è il nostro pensiero. Per noi è fortissimo. La situazione è chiara: è in una società forte. Quello che vi preoccupa, ovvero di arrivare in scadenza, non ci preoccupa perché siamo una società forte e ci sono due anni di contratto. Con Pezzella sono stato chiaro: lo considero il capitano. Biraghi lo abbiamo fortemente voluto riportare perché si gioca l'Europeo e lo ha chiesto il mister".

Da qui alla fine, se dovesse dire un numero di occasioni in entrata, quante ce ne potrebbero essere?
"Se la squadra è questa, io rimango così. Vogliamo valorizzare degli investimenti, come quelli di Amrabat e Kouamè. Igor ci crediamo fortemente. Abbiamo un centrocampo forte e siamo completi nei reparti. Abbiamo un modulo con due punte e ne abbiamo cinque. Può mancare un esterno a sinistra da alternare a Biraghi e un centrale in più, calcolando che abbiamo due competizioni senza Europa. Io sono qui per prendermi delle responsabilità nelle scelte. Io parlo con voi e con il presidente: ritengo questa squadra forte, a cui dobbiamo dare una continuazione di quello che abbiamo deciso l'anno scorso. La crescita di Lirola, Vlahovic, o di Pulgar anche. Sono tutti calciatori venuti l'anno scorso e io li devo difendere perché ci credo. Io sono sereno. Poi il nostro è un processo di crescita continuo. Cosa vogliamo fare quest'anno? Migliorare ancora rispetto all'anno scorso. E' stata una stagione difficile. Quest'anno abbiamo un Ribery in più, che speriamo si conservi. Chiesa aveva problemi fisici all'inizio,ora l'abbiamo integro. La difesa, se rimane così, ha dimostrato di essere solida. I numeri parlano a nostro favore. Poi deve essere il campo: se le cose vengono fatte male, la responsabilità è mia, non di Commisso. Io Vlahovic e gli altri li voglio valorizzare. In questo momento in mediana abbiamo Castrovilli, Amrabat, Duncan, Bonaventura, Pulgar, e Benassi. Dietro abbiamo due portieri molto forti. Dragowski è in Nazionale e Terracciano è affidabile. Io devo restare con i piedi per terra e sono convinto di ciò che vi dico. Posso essere criticabile, ma solo alla fine del nostro lavoro. Tutto è migliorabile. Se prendo Dzeko è chiaro che fa la differenza. Lo vogliono tutti e ci credo che sia così".

Come è stata organizzata l'organigramma e la sua autonomia sul mercato?
"Io faccio il ds e spero che il presidente abbia grande fiducia in me. Io mi confronto su tutto, anche con Barone. Io lavoro molto in team e mi piace condividere le scelte. Sulle cose fatte bene o fatte meno bene. Ci sono situazioni dove ho l'autonomia completa e in altre dove non me la prendo perché il presidente è giusto che abbia l'ultima parola. Lo fa per aiutarmi. Ho grande vicinanza anche con Barone. Mi sento tutelato e sento di poter lavorare bene".

Torreira resta di attualità?
"E' un giocatore forte, un ottimo play, ma con i giocatori che abbiamo possiamo fare tante cose. E' un giocatore forte ma riteniamo che adesso il centrocampo sia completo in questo modo".

De Rossi?
"Stiamo parlando di quattro mesi fa. Non c'è mai stato niente. Lasciano il tempo che trovano".

Iachini?
"La scelta di Iachini è stata condivisa da tutti e tutti crediamo in lui. Vediamo sul contratto come va la stagione. Anche io ho il contratto in scadenza ma non mi preoccupa. Con Commisso, se lavori bene, vai avanti tutta la vita. I rapporti sono ottimali con Iachini".

Thiago Silva?
"Da qualche parte ho letto che l'agente ha parlato con me, ma io con lui non ci ho mai parlato e lo conosco molto bene. Io con lui non ho mai parlato".

Ci sono giocatori incedibili?
"Non abbiamo messo un calciatore sul mercato. Non abbiamo fatto telefonate per vendere nessuno. Non vedo un mercato che possa svegliarsi entro il 5 ottobre. Vedo che tutti vogliono valorizzare i giovani, ma anche sperimentare ciò che hanno in casa. Siamo davanti a una crisi importante e tutti dobbiamo lavorare per farla passare al più presto. Calcolando che abbiamo una proprietà che mette soldi per ripianare in prima persona col presidente".

Se lei avesse la possibilità, rinforzerebbe più l'attacco o il centrocampo?
"Io credo nei miei calciatori e devo crederci fortemente. Spero che l'anno scorso per Vlahovic sia stato un anno per capire il calcio italiano. Avevamo tante situazioni per lui. Io devo sperare che tutti facciano il meglio. Prendere tanto per prendere, chi mi garantisce che faccia meglio dei miei? Solo i top player lo possono fare ma quest'anno è impossibile".

La squadra è già all'altezza degli obiettivi più ambiziosi?
"Le situazioni si possono migliorare sempre, ma noi siamo convinti di avere una squadra forte e solida. Andiamo a vedere che dall'anno scorso, abbiamo già tanti giocatori nuovi. Amrabat non ce l'hai mai avuto. Bonaventura ci crediamo fortemente. Io devo credere anche nel lavoro fatto sugli altri".

Quanto è importante portare Bonaventura e immettere giocatori più esperti?
"Penso che abbiamo giocatori importanti dentro la rosa che permetterà di crescere anche da un punto di vista caratteriale".

Cutrone?
"C'è un obbligo di riscatto su una percentuale di partite giocate".

Mandzukic?
"Mai sentito".

De Paul?
"Non c'è stato mai nulla quest'anno. E' un giocatore che conosco benissimo. E' impossibile non sbagliare giocatori. Riportare giocatori che poi sono sbagliati vorrebbe dire cambiare lavoro. Non rientra tatticamente nei nostri piani".

Squadra più appetibile della scorsa estate?
"Adesso siamo visti come una società forte. Questa sensazione ce l'avevo avuta anche l'anno scorso col cambio di proprietà. I calciatori sono attratti dal nostro club. Se poi ti devo dire, io sono contendo di ciò che stiamo facendo. E' una crescita graduale. Dobbiamo darci degli obiettivi e guardare quelli che hanno fatto meglio. Dobbiamo guardare all'Atalanta, alla Lazio. Prendere ad esempio le situazioni virtuose".

Il mercato è chiuso a parte il vice Biraghi?
"Non lo dico ma dico che la squadra è già competitiva".

Qual è l'obiettivo?
"Migliorare la scorsa stagione. Essere sempre a sinistra della classifica e non avere paura di nessuno".

La difesa?
"Non ho la certezza che non succeda niente. Noi saremo forti perché vogliamo tenere tutti".

Agudelo?
"Probabilmente oggi chiudiamo con lo Spezia. Torna al Genoa e poi va allo Spezia".

Milik e Piatek sono possibili star che potete trattare?
"Sono due giocatori fortissimi. Uno è al Napoli e uno all'Hertha e non abbiamo avuto contatti con loro".

Ribery viene considerato attaccante nel vostro modulo?
"Noi giochiamo 3-5-2 ma poi deciderà lui come giocare domenica dopo domenica. Consideriamo Ribery uno dei due ovviamente".

Cosa può dare Bonaventura?
"Sono quelle cose che nascono in pochissimi giorni. C'è venuto a trovare Raiola e mentre parlavamo me l'ha proposto. Non lo avevano ancora chiuso, ho parlato con Iachini e con Commisso e in quattro giorni lo abbiamo preso. E' un centrocampista duttile che fa gol e ci porterà esperienza e maturità. Sono contento che sia con noi".

Il settore giovanile: quanto è soddisfatto e se ci saranno nuovi innesti in dirigenza?
"Lo stiamo curando con attenzione e non arriveranno nuove figure. Commisso è molto interessato. Abbiamo la massima fiducia in Angeloni e abbiamo iniziato benissimo con una vittoria. Cercheremo di migliorarci e proveremo a fare acquisti mirati per il futuro della prima squadra".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000