Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Adesso l'Inter di Antonio Conte è obbligata a vincere lo Scudetto

Adesso l'Inter di Antonio Conte è obbligata a vincere lo ScudettoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 10 dicembre 2020 08:00Il corsivo
di Simone Bernabei

Ma quale biscotto... Aveva ragione, Antonio Conte. La Champions League non è un torneo da bar. E infatti il Real Madrid ha fatto esattamente ciò che doveva. Ovvero vincere senza troppi calcoli col Borussia Moenchengladbach. Ciò che Conte forse non aveva considerato, o che più semplicemente non aveva voluto neanche prendere in considerazione, è l'autoeliminazione che la sua Inter si è inflitta. Un vero e proprio harakiri che si è materializzato ieri con lo Shakhtar ma che ha basi un po' più lontane, di almeno qualche settimana. Leggasi le due sconfitte e i due pareggi nelle prime 4 del girone. La pazza Inter che non riesce a superare un pazzo girone in cui il 'Gladbach ne rifila 10 allo Shakhtar in 180', quando Lukaku e compagni restano fermi a zero nello stesso lasso di tempo e contro la stessa squadra. Un pazzo girone in cui proprio lo Shakhtar vince due volte contro il Real Madrid, capolista finale del gruppo. L'Inter non ha saputo tirarsi fuori dalle sabbie mobili e alla fine è affondata, chiudendo con un solo successo su 6 partite. Oggettivamente poco, per le potenzialità della rosa.

Adesso l'imperativo è uno solo: vincere lo Scudetto - Se è vero com'è vero che le somme si tirano a fine anno, almeno chi scrive ne è pienamente convinto, è altrettanto indiscutibile come l'Inter abbia già esaurito i propri bonus stagionali. Eh già, perché nel ragionamento finiscono proprio quelle potenzialità della rosa di cui sopra. Tutti, nessuno escluso, fra settembre e ottobre hanno lodato la profondità e la qualità della rosa nerazzurra. Una rosa che, nomi alla mano, è costruita per competere al massimo sui tre fronti. E ci mancherebbe, dopo il secondo posto dello scorso anno e la finale di Europa League persa. Le aggiunte di Vidal, Hakimi, Perisic, Nainggolan, Darmian e la conferma di Sanchez sono tutte operazioni avvenute in estate, che hanno aggiunto soluzioni e piedi buoni ad una rosa già altamente competitiva. Anche per questo ma non solo per questo in molti si sarebbero aspettati un salto di qualità a livello europeo ancor prima che italiano. L'urna di Nyon, in fondo, sulla carta era stata benevola coi nerazzurri. Insomma, l'eliminazione dell'Inter dall'Europa è pesante sotto tutti i punti di vista e non ammette ulteriori passi falsi. Anzi, forzando il concetto (ma nemmeno poi più di tanto) potremmo dire che addirittura obbliga Conte e i suoi al successo in Italia. Eh sì, perché una squadra come l'Inter, con quegli investimenti, con quell'allenatore, con quella qualità, adesso che avrà intere settimane per preparare le sfide della domenica non può più sbagliare. L'Inter, per evitare il fallimento (sportivo), deve puntare senza sé e senza ma alla vittoria dello Scudetto.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000