Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Conte si siede al ristorante da 100 euro. La finale europea è il pezzo che gli manca(va)

Conte si siede al ristorante da 100 euro. La finale europea è il pezzo che gli manca(va)TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 18 agosto 2020 08:00Il corsivo
di Ivan Cardia

Antonio Conte si è seduto in un ristorante da 10 euro con una banconota da 100. E si è goduto un’ottima cena. Riprendendo le parole del tecnico dopo il rotondo 5-0 della sua Inter di ieri sera, lo Shakhtar Donetsk è sembrato una squadra normale, perché in fin dei conti è una squadra normale. E le proporzioni, se mettiamo a confronto il valore delle rispettive rose, sono quelle tra le cifre di cui sopra: tutta la distanza che passa tra una big in divenire di uno dei cinque grandi campionati e una grande della provincia dell’Impero. Ciò non vuol dire, però, sminuire i meriti dei nerazzurri.

L’Inter può vincere l’Europa League. E sarebbe un traguardo clamoroso, in primo luogo per l’Italia. Perché 21 anni senza una squadra in finale sono stati tanti, troppi. Per due decenni abbiamo snobbato incomprensibilmente la seconda competizione europea. Non è la Champions, e per questo i dieci anni che passano invece dalla finale di Mourinho & Co hanno un sapore agrodolce per il popolo nerazzurro. Ma non è neanche la Coppa del Nonno, anzi. Gli spagnoli ci hanno divorati a livello di ranking anche grazie ai successi del Siviglia. E vincere aiuta a vincere: con un trionfo venerdì, Conte e i suoi passerebbero dalla terza alla prima fascia nel sorteggio Champions League. Calcisticamente, è una cosa che ti cambia la vita. Di sicuro la stagione. È un obiettivo possibile, perché parliamo di una squadra pensata per giocare al massimo livello, con ottime probabilità più completa e di qualità anche del "solito" Siviglia.

Antonio Conte può vincere l’Europa League. Il salentino ha detto più volte che vorrebbe farlo per il club, più che per se stesso. Ma il rendimento continentale è uno dei principali argomenti dei suoi detrattori, di chi ancora non gli riconosce lo status di grandissimo allenatore, nonostante da dieci anni a questa parte abbia sbagliato poco o nulla. Non ha vinto in Serie A, ma il gap costruito dalla Juventus, anche grazie a lui, è troppo ampio per pensare di colmarlo in un anno, o anche in due. In Europa ha finalmente fatto bene, perché questo vuol dire andare in finale: nei 90 minuti puoi vincere o perdere, e questo fa tanta differenza. Ma intanto sei lì, a tanto così dalla possibilità di alzare il trofeo. Al termine di una stagione che il salentino si è complicato da solo, checché ne dica dell’enfasi dei media che hanno solo ripreso parola per parola i suoi strali, ha l’occasione per far parlare il campo. E far davvero dimenticare, come Marotta assicura di aver già fatto, quello sfogo per andare avanti tutti insieme appassionatamente. Perché la finale, quella sì, è un ristorante da 100 euro. E Conte venerdì potrà cenarci.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000