Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Dybala o Eriksen. Il ritorno di Pogba in Serie A è possibile solo con uno scambio

Dybala o Eriksen. Il ritorno di Pogba in Serie A è possibile solo con uno scambioTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
martedì 08 dicembre 2020 13:04Il corsivo
di Raimondo De Magistris

Paul Pogba deve ritrovarsi. E' la considerazione di base da cui è partito Mino Raiola nell'intervista in cui ha annunciato che la cosa migliore per il centrocampista francese è lasciare il Manchester United già a gennaio. "Perché è infelice", ha detto il noto procuratore ovviamente in accordo con Pogba. Che già da tempo vorrebbe lasciare l'Old Trafford, ma che non è mai riuscito a farlo anche perché in una gabbia d'oro rappresentata dal suo contratto. Ma di questo parleremo più avanti.

Torniamo ai numeri. Che nell'ultimo anno e mezzo sono stati quelli di un calciatore normale. In questa prima parte di stagione non ha subito grossi incidenti di percorso, eppure il suo rendimento non è stato da calciatore che fa la differenza. Per intenderci: con la stessa maglia Bruno Fernandes ha fin qui realizzato sette gol e quattro assist vincenti in Premier League, mentre Pogba è fermo a un gol in 8 presenze. Non meglio ha fatto nella passata stagione, quella che ha saltato almeno al 50% a causa di un infortunio alla caviglia. Il francese è stato tormentato da questo problema fisico, e nemmeno dopo il rientro è riuscito a dare un contributo determinante alla causa dei red devils.

"Non ho mai visto un giocatore così sopravvalutato". Ha detto Jamie Carragher, ex bandiera del Liverpool. Che forse ha la memoria corta perché Pogba determinante lo è stato eccome, anche con la maglia dello United. Però oggi, a 27 anni, il centrocampista francese è dinanzi a un bivio importante della sua carriera e non può più aspettare, né crogiolarsi in quel che è stato, se vuole tornare ad essere uno dei migliori centrocampisti in circolazione.
In Italia abbiamo probabilmente visto la sua miglior versione, in quella Juventus di Conte che riuscì a valorizzarlo al meglio. E proprio alla Juventus Pogba potrebbe risultare molto utile, così come al suo ex allenatore Antonio Conte all'Inter. In entrambi i casi, però, è chiaro che l'operazione sarebbe possibile a gennaio solo all'interno di uno scambio. Gioiello incompreso per un altro gioiello incompreso, sperando che lo scambio possa produrre effetti positivi per tutti. Dybala per Pogba o Eriksen per Pogba: è questo l'unico modo per rivedere in Serie A un giocatore che se dal 2016 non si muove dall'Old Trafford è anche a causa di un ingaggio da 15 milioni di euro netti a stagione.
Una cifra comunque troppo alta per tutti, un contratto che nemmeno Juventus e Inter potrebbe oggi permettersi. Chiaramente, Pogba da questo punto di vista dovrebbe fare un passo indietro. E Juve o Inter dovrebbero farne uno in avanti e corrispondere comunque uno stipendio importante al francese.
Possibile, a patto però che la spesa del cartellino sia pari a zero. E questo è possibile solo in uno scambio: gioiello incompreso per gioiello incompreso, appunto.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000