Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Equilibrio come conditio sine qua non. Il calcio di Conte, spiegato da Conte

Equilibrio come conditio sine qua non. Il calcio di Conte, spiegato da ConteTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
venerdì 28 febbraio 2020 10:45Il corsivo
di Simone Bernabei

Un post partita interessante, quello di Inter-Ludogorets. Non tanto per il successo nerazzurro in senso stretto. Quanto piuttosto per alcuni pensieri di Antonio Conte che rispondendo ad una domanda su quali centrocampisti utilizzare contro la Juventus si è lasciato andare ad un'analisi a tutto tondo del suo modo di intendere il calcio (almeno quello nerazzurro): "Le 2 punte sono imprescindibili. Ma ovviamente il lavoro dei centrocampisti è dispendioso, a livello quantitativo. Quando hai una sola punta e due esterni, o un trequartista, ci sono tanti giocatori che partecipano alla fase difensiva. Così invece in mezzo al campo ti viene a mancare qualcosa a livello difensivo". Un pensiero chiaro e preciso, quello del tecnico interista. Che anche in ottica futura ha fatto capire come i due attaccanti non siano in discussione e come i suoi centrocampisti debbano sacrificarsi per sostenerle.

Messaggio per Eriksen? - Il ragionamento contiano prosegue: "Abbiamo sempre la necessità di trovare il giusto bilanciamento e capire la partita che vogliamo affrontare, oltre che il valore effettivo dell'avversario. Servirà sempre equilibrio fra la fase offensiva e la fase difensiva. Lo stesso Brozovic dal centro ama costruire, ma in fase difensiva deve migliorare". Come a dire: in certe partite (contro avversari più modesti) ci possiamo permettere qualche azzardo in più, magari pure un 3-4-1-2. Ma in linea generale le due mezzali del 3-5-2 devono avere caratteristiche ben precise. E garantire equilibrio alla squadra. A inizio stagione ci erano riusciti Sensi e Barella, oggi con l'ex Cagliari c'è spesso Vecino. Ed Eriksen? Seguendo il filo di questo ragionamento, difficilmente lo vedremo in campo dal 1' contro la Juventus. Perché al netto di giocate e tocchi sublimi, l'intensità e la predisposizione al sacrificio, alla corsa in più invece che alla corsa in meno, non fanno ancora parte del suo bagaglio.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000