HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Eriksen è il giocatore che serve all'Inter per lottare per lo Scudetto?
  Sì, ha l'esperienza ad alto livello che manca a Conte
  No, la Juve rimane troppo distante dalla squadra di Conte
  No, servirebbe un giocatore come Vidal per aiutare Conte

La Giovane Italia
Il corsivo

L'Atalanta ha superato l'Ajax. È finito l'apprendistato

12.12.2019 10:30 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 10915 volte

A Bergamo, nei mestieri manuali, la parola apprendista è praticamente inutilizzata. Perché l'ultimo arrivato è solamente il "bocia", quello che deve fare la gavetta, anche tramite una sorta di spirito da caserma. Insomma, chi non ha esperienza ha poco diritto alla parola, figuriamoci agli onori. Ed è quello che è successo all'Atalanta delle prime tre partite di Champions. Dalla musichetta di Zagabria, quando Orsic aveva praticamente distrutto il bel sogno di arrivare in alto nella competizione, un po' come l'Ajax della scorsa stagione.

AVANTI AGLI OTTAVI - Peccato che gli olandesi siano usciti già in questo girone di Champions, anche se non era certo semplice contro Valencia (primo in classifica, incredibile a tratti) e Chelsea. L'Ajax lascia la competizione dopo una semifinale quasi vinta, poi andata in fumo. Però dà in concessione gli iberici che, probabilmente, sarebbero il miglior accoppiamento per l'Atalanta. Però dopo il secondo tempo contro il Manchester City, dove i nerazzurri hanno anche rischiato la vittoria, qualcosa è scattato. Può la Juventus essere peggio della Dinamo? Oppure dello Shakhtar? La risposta è ovviamente no e ieri sera la differenza è stata marcata.

UN SUCCESSO - La realtà è che se l'Atalanta fosse uscita avrebbe avuto sì l'onore delle armi, ma sarebbe stata giustizia. Alla fine il grande ciapanò, coronato con il 3-3 al Maksimir all'ultimo minuto (al novantottesimo) ha dato una seconda possibilità a chi, dopo il primo tempo contro il City del ritorno, probabilmente pensava o forse sognava solamente una discreta Europa League. Invece le trasferte danno e le trasferte tolgono: un anno e mezzo fa, a Copenaghen, sembrava già finita una stagione. Ora sembra che sia solo incominciata.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Il corsivo

Primo piano

Le pagelle dell'Inter - Brozovic illumina, Lukaku-Lautaro, pomeriggio no LECCE-INTER 1-1 - 72' Bastoni, 77' Mancosu Handanovic 6 - Poco impegnato, non può nulla sulla conclusione da due passi di Mancosu. Godin 6 - Si rivede titolare ed è un valore aggiunto anche in fase di costruzione. Efficace nelle chiusure, rude quanto basta. (Dal 68' Bastoni 6.5...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510