Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Il falso mal di pancia di Marotta. Nainggolan diverso da Icardi, Martinez sarà battaglia

Il falso mal di pancia di Marotta. Nainggolan diverso da Icardi, Martinez sarà battagliaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 09 giugno 2020 12:40Il corsivo
di Andrea Losapio

Giuseppe Marotta è stato chiamato a una sfida quasi impossibile, un anno e mezzo fa, quando l'Inter ha deciso di metterlo sotto contratto. Perché la distanza percepita fra la Juventus e i nerazzurri era quasi siderale, forse perché l'Inter era tornata da pochissimo tempo in Champions League. A suo modo, quasi dieci anni dopo, sembrava di rivivere il passaggio alla Juve, con la scelta di Delneri e una prima stagione horror - anche a causa di un infortunio di Quagliarella all'Epifania che fece crollare il castello - su tutta la linea, dalla classifica ai conti in rosso.

Stavolta il primo anno al timone non è stato del tutto sbagliato, ma sperare di accorciare e azzerare la distanza con la Juventus con il solo arrivo di Antonio Conte, almeno per ora, non ha pagato. È andata bene fino a gennaio, poi c'è stato un crollo in campionato, la forbice è di nove punti - con una partita in meno - ma ci sono anche gli obiettivi Europa League e Coppa Italia. I cavalli buoni si vedono al traguardo, ma la sensazione è che comunque Marotta abbia fatto meglio rispetto alla prima stagione con la Juventus.

Si può eccepire che sul mercato non sia andata benissimo in alcune scelte. Godin non ha convinto fino in fondo, Lazaro e Biraghi sono stati bocciati a vario titolo, Eriksen per ora va troppo piano per il calcio di Conte, pur avendo straordinarie qualità. Fin qui gli errori, anche se poi ci sono le scommesse vinte come Lukaku o Lautaro, oppure Sensi e Barella. In uscita è stata risolta la grana Icardi, ma ce ne sono almeno altre tre: Joao Mario, Perisic e Nainggolan. Almeno per il belga sembra che la situazione possa riaprirsi, ma sarà Conte a valutare.

E poi c'è la questione mal di pancia. Una saudade della Juventus giudicata come una fake news, anche perché Marotta ha avuto grande autonomia direzionale, senza ingerenze altrui. Forse gli manca il fido Paratici - che sta avendo anche lui i suoi problemini nella sua prima annata da single - ma nel complesso i nerazzurri stanno crescendo di anno in anno, sia dal punto di vista bilancio sia dell'ambizione, grazie a Suning. La seconda battaglia di quest'estate sarà legata a Lautaro Martinez, perché il Barcellona spinge forte per cercare lo sconto, ma c'è una clausola rescissoria che dev'essere versata. Situazione non semplice: El Toro guadagna come una riserva e non come il più valutato della rosa, il rinnovo sembrava una chimera già quando chiedeva 7 milioni, ora ne servono ancora di più. Marotta dovrà evitare di farsi tirare per la giacchetta, ma è solo così che potrà crescere l'Inter. E il mal di pancia sarà indubitabilmente falso.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000