HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » inter » News
Cerca
Sondaggio TMW
Politano verso il Napoli, è l'acquisto giusto?
  Sì, dà un'alternativa all'irriconoscibile Callejon dell'ultimo periodo
  No, al Napoli sarebbe servito un giocatore diverso
  No, il campionato azzurro è compromesso, a prescindere dagli arrivi

Ernesto Pellegrini: "Conte come Trapattoni? Il paragone ci sta. Suning proprietà seria, ma non lascerei San Siro"

06.12.2019 10:50 di Redazione FcInterNews.it    per fcinternews.it   articolo letto 238 volte

L'ex presidente dell'InterErnesto Pellegrini, ha rilasciato un'intervista al Match Program della Roma. "Resto il patron più vincente nei primi dieci anni di gestione. Voglio portarmi dietro bei ricordi, i rimpianti non mi appartengono. Il calcio mi ha dato più d quello che mi ha tolto", dice Pellegrini, che definisce quella da proprietario "un'esperienza bella, intensa, vincente. Io nasco interista, ho sempre avuto l'idea di rendermi utile per la mia squadra del cuore".

Un aneddoto sui primi passi da presidente riguarda Falcao. "Ricordo uno striscione a me dedicato quando ci fu la finale con il Liverpool: 'Pellegrini, giù le mani da Falcao'. Io, però, non ero intenzionato ad acquistarlo perché il mio prevedeva l'acquisto di Kalle Rummenigge. Un fuoriclasse". Proprio contro la Roma, l'Inter ha vinto una Coppa Uefa nel 1991. ""Sfide molto tirate e alla fine il trofeo fu deciso da qualche episodio - ricorda Pellegrini - All'andata giocammo meglio noi e vincemmo 2-0, al ritorno la Roma fece una partita d'attacco per novanta minuti, ma riuscì a segnare solo un gol. Se la coppa l'avessero vinta i giallorossi, non avrebbero rubato nulla".

Non manca un commento riguardo all'operato delle due attuali proprietà, entrambe straniere. "Mi fa effetto, non le nascondo che sono legato alle vecchie proprietà, italiane, però allo stesso tempo devo ammettere che si tratta di personaggi seri, che investono tanti soldi, portano profitto e hanno ambizione di vittoria. San Siro? Non me ne andrei, ci sono affezionato. Capisco la volontà di investire su basi più solide, però ci penserei su".

Infine un giudizio su Conte. "Il paragone con Trapattoni ci sta. Sono due uomini di temperamento che sanno gestire lo spogliatoio. Conte ha riportato entusiasmo e oggi l'Inter è di nuovo in testa alla classifica. Attenzione, però, che la Juventus resta la favorita. La partita di stasera? Sicuramente sarà molto combattuta. Difficile fare una previsione".


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Inter

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Inter
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510