HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » inter » FOCUS
Cerca
RMC Sport Network
Sondaggio TMW
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

Stevanovic racconta: "Mi stavo buttando via, ora..."

Il serbo del Torino racconta di un passato difficile e della serenità attuale. Con un episodio legato all'Inter
29.12.2011 14:09 di Christian Liotta    per fcinternews.it   articolo letto 7255 volte

Alen Stevanovic si racconta a cuore aperto. Dalle pagine di Tuttosport, l'esterno offensivo serbo di proprietà dell'Inter, oggi al Torino dove sta recitando un ruolo da protagonista, racconta tutto di sé, a partire dalla sua infanzia segnata da molte traversie: "Oggi io mi chiamo Alen Stevanovic, ma quando sono nato il mio cognome era Golos. I miei genitori si sono separati subito dopo la mia nascita e io posso dire di non aver mai conosciuto il mio padre naturale. E anche mia mamma posso dire di averla vista pochissimo. Subito dopo la separazione, assieme a mio nonno, dal quale presi il cognome Stevanovic, è andata a cercare fortuna in Svizzera, mentre io, mia nonna e mio zio siamo scappati dalla Bosnia in Serbia. Non potevo raggiungere mia mamma a Zurigo in quanto non mi hanno concesso il visto e la vedevo solo una volta all’anno. Mio nonno è mancato presto, a soli 58 anni, ha lavorato tanto in Svizzera e quando è tornato a casa, a Belgrado, è mancato un anno dopo. Fino a 6 o 7 anni fa ero incazzato con la vita e per questo ho avuto intemperanze che si sono rivelate deleterie all’inizio della mia carriera da giocatore".

Stevanovic ribadisce anche di essere a tutti gli effetti nazionale serbo: "Non ho doppio passaporto, la Svizzera mi ha solo offerto di giocare con la sua Nazionale, ma per ottenere il passaporto avrei dovuto giocare per 5 o 6 anni nel loro campionato e così ho rinunciato". Poi ricorda i tanti sacrifici per inseguire il suo sogno di diventare calciatore: "Per fare questo mestiere ho smesso di andare a scuola a 15 anni e ho fatto provini ovunque: Roma, Panathinaikos, Sparta Praga, anche al Torino a 16 anni. L'anno scorso, poi, stavo per buttare via la mia carriera. Mi ero isolato, vivevo male, mangiavo tanto e bevevo, stavo ingrassando e in campo i risultati si vedevano. Andare in Canada però è stata una grande fortuna, l’allenatore Winter mi ha aiutato tantissimo, l’ho chiamato anche da poco per ringraziarlo. Non so se è stata la mia svolta definitiva, ma so che è stata una delle tante".

E Alen cita la svolta legata all'Inter, arrivata proprio in extremis: "All'Inter dovevo rimanere soltanto 2 o 3 giorni e poi sarei finalmente tornato da mia mamma in Svizzera. Ero stufo e stanco di girare il mondo da solo in cerca di provini. L’ultimo giorno di mercato però, Piero Ausilio decise di cedere Obinna all’estero e si liberò un posto da extracomunitario per me. Da lì in poi giocai nella Primavera neorazzurrra, arrivò l’esordio in Serie A con Mourinho e la mia cessione al Toro. Ora voglio vincere con questa maglia e con questo tecnico, Ventura, che mi stanno aiutando a diventare grande”.


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Inter

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Inter
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy