HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » inter » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Serie A, le panchine iniziano a scottare: chi subirà il primo esonero?
  Gian Piero Gasperini (Atalanta)
  Sinisa Mihajlovic (Bologna)
  Eugenio Corini (Brescia)
  Rolando Maran (Cagliari)
  Vincenzo Montella (Fiorentina)
  Aurelio Andreazzoli (Genoa)
  Ivan Juric (Hellas Verona)
  Antonio Conte (Inter)
  Maurizio Sarri (Juventus)
  Simone Inzaghi (Lazio)
  Fabio Liverani (Lecce)
  Marco Giampaolo (Milan)
  Carlo Ancelotti (Napoli)
  Roberto D'Aversa (Parma)
  Paulo Fonseca (Roma)
  Eusebio Di Francesco (Sampdoria)
  Roberto De Zerbi (Sassuolo)
  Leonardo Semplici (SPAL)
  Walter Mazzarri (Torino)
  Igor Tudor (Udinese)

ESCLUSIVA TMW - Lagae (Het Nieuwsblad): "Date fiducia a Lukaku, sarà grande"

12.09.2019 09:00 di Marco Conterio    articolo letto 4914 volte
Fonte: dal nostro inviato all'Etihad Stadium di Manchester
ESCLUSIVA TMW - Lagae (Het Nieuwsblad): "Date fiducia a Lukaku, sarà grande"
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Inviato di Het Nieuwsblad, Bart Lagae commenta per Tuttomercatoweb.com i temi legati al suo Belgio. Da Manchester, dove ieri sera era al seguito della serata dedicata a Vincent Kompany che ha salutato così Manchester dopo undici stagioni.
Partiamo da Lukaku: che impatto può avere in Italia?
"Se puoi avere un impatto in Inghilterra, puoi averlo in Italia. Sono due leghe diverse, la A è differente ma ha già provato di poterlo fare. Segna sempre, non importa dove: se ha palla e spazio per correre, se trova serenità e felicità, può fare bene".
Che tipo è Romelu?
"E' molto concentrato sul calcio, pensa al pallone tutto il tempo. Vuole sempre fare meglio, quando vede i suoi compagni poco concentrati ci parla e cerca di caricarli: gli manca vincere titoli e probabilmente si prenderà la responsabilità di essere un leader. Ha 26 anni ora, è da 10 anni nel business, è pronto per essere una guida. Non so se possa essere capitano, ma sicuramente un leader".
Cosa è andato storto in Premier?
"Non si sentiva voluto, desiderato. Non si sentiva l'attaccante giusto. Lukaku è un giocatore che ha bisogno di spazio, in campo e sul campo. In Italia la sfida è dura, ma se avrà la fiducia del gruppo, del club e del pubblico, potrà fare bene. Credo sia stato difficile per tutti al Manchester United, il club è in una situazione difficile da tempo: lui, Sanchez, Mkhitaryan hanno fatto male e sono arrivati in Italia".
Che idea si è fatta la stampa belga del caso legato a Lukaku e al razzismo?
"In Belgio sono rimasti sorpresi dal comunicato dei tifosi dell'Inter. In Italia la politica influenza la tifoseria più che in Belgio e per questo non è stata compresa. Ma a prescindere è tutto da condannare e combattere".
Ieri ha seguito la serata di Kompany.
"Ha avuto una grandissima carriera, fantastica. Ha vinto più trofei di ogni altro giocatore belga all'estero: Lukaku non ha vinto tanto, De Bruyne è dietro adesso. Forse non è stato il migliore, visto che è stato infortunato. Ci sono Hazard, Romelu, che sono giocatori migliori, ma Vincent da sano è stato uno dei migliori centrali. Ha alzato tanti trofei, è stato pronto per le grandi occasioni, 'conservandosi' sempre per le partite".
Che presente ha, intanto, Vincent?
"E' sempre player-manager, ha giocato le prime gare. Non ha il patentino, c'è un tecnico in prima ma è lui che decide. La situazione all'Anderlecht però è difficile, è difficile per lui essere giocatore e boss.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Inter

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Inter
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510