HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » inter » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Politano verso il Napoli, è l'acquisto giusto?
  Sì, dà un'alternativa all'irriconoscibile Callejon dell'ultimo periodo
  No, al Napoli sarebbe servito un giocatore diverso
  No, il campionato azzurro è compromesso, a prescindere dagli arrivi

TMW - Hellas, Juric: "Ci dobbiamo salvare. Inter strepitosa a livello fisico"

09.12.2019 22:15 di Ivan Cardia    articolo letto 6478 volte
Fonte: dal nostro inviato, Luca Chiarini
TMW - Hellas, Juric: "Ci dobbiamo salvare. Inter strepitosa a livello fisico"
Intervenuto nel corso della serata formativa organizzata dalla sezione veronese dell'AIAC, l'allenatore dell'Hellas Verona, Ivan Juric ha parlato ai tesserati dei propri metodi di allenamento: "Dall'inizio del ritiro facciamo certe esercitazioni, alzando progressivamente il livello. In allenamento io do sempre la possibilità di fare tocchi liberi, affinché si crei superiorità. Se la manovra diventa poco fluida metto un limite di tocchi, ma in generale evito. Tre settimane di carico e una di scarico? No, lo scarico non esiste. Rrahmani e Amrabat giocano sempre in Nazionale, quando tornano fanno un lavoro a secco per recuperare quello che hanno perso, ma il concetto di scarico no. Adesso quando c'è una settimana di vacanza facciamo scarico. Non faccio doppio allenamento, a meno che tu voglia concentrarti con tranquillità sul lavoro tattico. Per me non ha un senso. Mi piace i ragazzi arrivino concentrati, che lavorino e che se ne vadano. Non esiste il bel gioco. Mi piace vedere il Manchester City, noi ci dobbiamo confrontare con la nostra realtà. Se vuoi fare possesso con giocatori che non hanno la stessa qualità è una frustrazione, in primis per loro. Credo molto alla superiorità numerica, che significa costruire gioco da dietro. La squadra deve attaccare molto, quando troviamo squadre che si chiudono abbiamo più difficoltà per caratteristiche dei giocatori". Sullo studio degli avversari, il tecnico di Spalato porta l'esempio di due giocatori: "Ribery lo accompagni, perché se lo attacchi ti sorprende. Lavoriamo individualmente con i difensori, ad esempio per la partita contro l'Atalanta abbiamo analizzato Gomez. Prepariamo i nostri difensori su cosa li attende".

Uno sguardo indietro, poi, alla sfida contro la Roma: "Loro giocavano con un 4-3-3, con tre attaccanti stretti. Volevamo prenderli alti, non volevamo che comandassero la partita. Bisognava seguire i movimenti di Pellegrini, rimaneva la punta con i difensori e facevamo la diagonale dall'altra parte. La Roma tiene molto larghi i due terzini, chiudendoli bene da una parte sul lato opposto avevamo la possibilità di inserirci. Globalmente come partita è stata nettamente superiore a quella della Roma, nonostante abbiamo perso. Nelle statistiche abbiamo fatto molto meglio, abbiamo pagato gli errori, ma la nostra partita era questa. Nel secondo tempo Fonseca, che è molto bravo, li ha messi dietro. Ed è stata un'altra partita. Gli allenatori bravi sono 'bastardi', questo è furbo, per questo mi sono arrabbiato. Nella ripresa ci hanno chiuso gli spazi e abbiamo avuto meno occasioni concrete. Contro l'Inter abbiamo deciso di difendere sempre tre contro due, perché loro vogliono che tu faccia un passo sbagliato, Lautaro e Lukaku sono bravi in questo tipo di lavoro. L'Inter è stato uno spettacolo, ci ha battuti a livello fisico. Quanto resistono? Non è un problema, sono tutte ca...te. Se con Conte resistono due anni riesci comunque a fare quello che devi fare e poi vai via (ride, ndr). Verre, che è migliorato molto sul piano fisico, giocando contro Brozovic non ce la faceva più al settantesimo e aveva fatto tredici chilometri e mezzo. Questa è la differenza, i nerazzurri a livello fisico sono strepitosi. L'anno scorso non avevano questi dati, adesso ce li hanno".

Chiosa finale sulle prospettive della squadra: "Dal mio punto di vista ci dobbiamo salvare. I ragazzi hanno fatto un passo in avanti enorme, secondo me sono a un buonissimo livello. Stiamo spingendo, abbiamo fatto partite ottime. A Crotone le vincevo tutte, qua dai il massimo e perdi. Questo ti deve far pensare. Quest'anno salvarsi è la priorità, poi magari mettere le basi per il futuro. L'Atalanta è un esempio, è in crescita ogni anno. Giocano insieme da anni, aggiungendo ogni stagione dei pezzi. Tu li vedi che durante la partita cambiano posizione facilmente, a noi non viene ancora così agevolmente. Se ci salviamo secondo me è tanta roba, per l'idea con cui siamo partiti".

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Inter

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Inter
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510