Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Il mercato Di Lella
La mancata cessione di Rabiot sta bloccando il mercato della Juventus?TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 19 agosto 2022, 00:00Il mercato Di Lella
di Andrea Di Lella
per Bianconeranews.it
fonte Andrea Di Lella

La mancata cessione di Rabiot sta bloccando il mercato della Juventus?

A circa due settimane dalla fine della sessione estiva di calciomercato, la Juventus è alle prese con la campagna di rafforzamento della squadra che, nonostante gli acquisti di Pogba, Di Maria, Bremer, Kostic e Cambiaso (girato in prestito al Bologna) c’è ancora da puntellare la squadra per consegnare a Massimiliano Allegri un gruppo che potrà lottare per lo scudetto e fare bella figura in Europa.

Come evidenziato circa un mese fa (CLICCA QUI), uno dei nodi da sciogliere è quello delle uscite che sono/saranno fondamentali per le entrate di nuovi giocatori.

In tutto questo, dopo la mancata - per ora - uscita di Arthur, seguito dal Valencia che però non ha intenzione di pagare l’intero stipendio del brasiliano (CLICCA QUI) e con il procuratore del giocatore che vorrebbe trovare una soluzione anche in altri paesi - vedi Premier League o Ligue 1 - negli ultimi 10 giorni ha fatto notizia la mancata uscita di Rabiot in direzione Manchester United.

Nonostante United e la Juventus avessero concordato un prezzo di trasferimento tra i 17 ed i 21 milioni bonus inclusi, Rabiot non ha trovato l’accordo con gli inglesi per stipendio, commissioni e premio alla firma. Il contratto del centrocampista francese con la Juve scade il 30 giugno 2023 e il suo stipendio è di circa 7 milioni netti.

Per “scendere” di livello - il Manchester non giocherà la Champions League - e passare dalla Juventus allo United, il giocatore e la madre-agente hanno chiesto un sostanziale aumento di ingaggio - circa 9-10 milioni bonus inclusi - oltre ad una lauta commissione ed un corposo premio alla firma, tutto rifiutato dalla società inglese.

La domanda che in molti si sono fatti è: Rabiot sta bloccando il mercato della Juventus? La mia risposta è no.

Perché, se è vero che la Juventus avrebbe potuto realizzare praticamente una plusvalenza totale - il calciatore arrivò a zero a Torino - e che ad oggi la mancata cessione non da modo ai bianconeri di liberare posto per Paredes, che potrbbe comunque vestire bianconero con altre formule - prestito - bisogna considerare che il francese NON è mai stato messo ufficialmente sul mercato dalla Juve e, anzi, il giocatore si è trovato coinvolto in questa trattativa dopo l’accordo tra Juve e Manchester United.

Inoltre, ha avuto sempre la considerazione ed il posto in squadra con Sarri, Pirlo e lo stesso Allegri che lo considera un giocatore duttile e fisicamente integro.

Rabiot può/potrebbe rappresentare una ghiotta opportunità di mercato per ottenere un tesoretto quasi insperato nelle ultime settimane di mercato e non è detto che non possa ancora essere ceduto, magari allo stesso United - che sta ingaggiando Casemiro dal Real Madrid - oppure ad altre squadre di Premier League che avevano mostrato un interesse negli ultimi mesi.

Da considerare, inoltre, l’aspetto contrattuale: detto che Rabiot, a meno di sorprese, difficilmente farà parte della Juventus alla fine del proprio contratto, proprio il contratto che lo lega alla Juve è stato firmato in tempi non sospetti e il giocatore - e chi lo rappresenta - hanno fatto delle richieste a fronte di un’offerta della società inglese.

Ma, in ultimo, un quesito vorrei porlo a Voi: nel Vostro lavoro/professione accettereste di scendere di livello andando a guadagnare meno/uguale rispetto a quanto percepite in questo momento? Se la risposta è no, perché Rabiot avrebbe dovuto accettare l’offerta di un club oggi sportivamente più debole?

Insomma, come sempre accade, ognuno prenderà le proprie decisioni e solo il tempo ci dirà chi ha effettuato la scelta giusta.