VERSIONE MOBILE
 HOME  | EVENTI TMW  | NEWS TICKER  | PARTNER  | NETWORK  | TMW RADIO CALENDARIO  | REDAZIONE  | CONTATTI  | MOBILE  | RSS  
PRIMO PIANO:
 
  HOME TMW » juventus » Serie A
Serie A

Il favorito: Zidane, quanto sono lontani i tempi del Castilla in terza serie

13.09.2017 12:15 di Andrea Losapio    articolo letto 15831 volte
Il favorito: Zidane, quanto sono lontani i tempi del Castilla in terza serie
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Zinedine Zidane è stato uno dei calciatori più artistici della propria epoca. La sua grandezza si è capita e apprezzata sia contemporaneamente - quando, appunto, giocava - ma è diventata leggendaria soprattutto dopo. Per le parole di Agnelli, che lo aveva giudicato più divertente che utile, ma anche per i momenti incredibili della sua carriera. Il 3-0 al Milan con la maglia del Bordeaux, dopo aver perso 2-0 all'andata, le vittorie con la Juventus, il Mondiale di Francia 98 dal pestone contro il capitano arabo Fuan Adwar fino alla doppia capocciata in finale con il Brasile, l'Europeo 2000 e le critiche di Berlusconi a Zoff, il passaggio al Real Madrid, la finale di Champions vinta con un colpo da pattinaggio artistico, finendo per la zuccata, stavolta a Materazzi per la finale 2006. Zinedine Zidane rischia di diventare uno degli allenatori meno artistici della propria epoca. Pragmatico ma con un grande senso del gioco, sembra quasi scomparire dietro i suoi campioni. Da Modric a Cristiano Ronaldo, passando per Isco e inventandosi Casemiro come ago della bilancia di un Real Madrid altrimenti spregiudicatissimo, con Carvajal meglio di Salgado e Marcelo che forse non avrà la brillantezza di Roberto Carlos, ma ha certamente classe in egual (forse più) valore. Ma è una favola, quella di Zizou, più o meno come quella del ragazzo di Marsiglia esploso con i Girondins: due anni fa, a maggio del 2015, allenava il Castilla, in terza serie. Il Real Madrid, con la sua seconda squadra, era sceso solamente un anno prima e il tecnico aveva fallito una promozione quasi fatta a marzo. La colpa fu anche di Odegaard - che ha da poco rinnovato il contratto con i Blancos - perché nelle dieci partite in cui fu schierato furono solamente sette i punti racimolati, per un tracollo verticale dal primo al decimo posto. Zidane ha imparato a convivere con chi, nello spogliatoio, poteva contare più di lui, pur avendo compiuto da pochissimo 16 anni. Certo, Odegaard diventerà il più giovane calciatore a esordire con la camiseta blanca del Real Madrid, una briciola. Ma Zidane è stato il primo a vincere due Champions di fila, da novizio. Altrettanto bel modo di lasciare le briciole agli avversari.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Juventus

Scarica l'app ufficiale del Canale Juventus
SOLIDITA' MENTALE
Gli eroi in bianconero: Carlo PAROLA
L'Inter ha perso il suo vantaggio per Pellegri, si prevede un'asta internazionale
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
Le più lette
Sondaggio TMW
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro


   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.