HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » juventus » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Italiane, chi va avanti in Champions League?
  Passerà solo la Juventus
  Juventus e Napoli
  Juventus, Napoli e Inter
  Juventus e Inter
  Juventus, Napoli e Atalanta
  Juventus, Atalanta e Inter
  Juventus, Atalanta, Napoli e Inter

Radio Bianconera

LIVE TMW - Juve-Bologna, De Leo: "Rammarico per il risultato"

19.10.2019 23:39 di Giovanni Albanese    articolo letto 8057 volte
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
LIVE TMW - Juve-Bologna, De Leo: "Rammarico per il risultato"
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport
Dopo aver vissuto la gara da bordocampo accanto a Sinisa Mihajlovic, parla il tattico del Bologna Emilio De Leo a conclusione del match con la Juventus.

23.34 - Inizia la conferenza stampa.

Prevale più il rammarico per il risultato o la soddisfazione per la prestazione? Avete qualcosa da dire sugli episodi chiave?
"Francamente prevale il rammarico. La nostra mentalità è quella di non accontentarci, a maggior ragione quando usciamo da un campo prestigioso come questo senza nulla. C'è il rammarico, ma la squadra è stata in grado di ribaltare l'inerzia della partita, quindi da quel punto di vista siamo stati coraggiosi e ci portiamo via questo aspetto positivo. Ci portiamo via anche il finale quando, un po' sbilanciati, ci abbiamo provato fino alla fine. Sapevamo che la partita l'avrebbe fatta la Juve e avremmo dovuto soffrire. Credo che l'abbiamo fatto in maniera ordinata, con un baricentro basso, senza concedere tanto. Poi ci sono stati frangenti in cui la Juve è venuta fuori, ma anche lì non ci siamo disuniti, siamo rimasti in partita e ce la siamo giocata fino alla fine. Io il rigore non l'ho rivisto, in live mi è parso il braccio fosse particolarmente largo. A parte quello avremmo voluto almeno la tutela dell'arbitro andando a rivedere l'episodio, quindi ci sentiamo rammaricati".

Nei rimpianti c'è anche il modo in cui avete preso il gol?
"Indubbiamente. Il secondo gol ha caricato la Juve e ci ha fatto perdere determinate sicurezze. Quello ha innescato una serie di conseguenze negative, quindi un doppio rammarico. Gli errori tecnici che hanno consentito di fare gol e poi i 15 minuti successivi. Primo gol stessa cosa, mi sembrava fossimo messi bene dal punto di vista tattico, quella scivolata di Krejici ha favorito Ronaldo. Anche lì siamo stati forse un po' imprecisi, c'è rammarico e dobbiamo migliorare anche in quello".

Soriano l'avete un po' perso nella fase offensiva, ma avete con lui limitato la manovra della Juve? Rifarebbe quella scelta di sacrificarlo così? Poi volevo un giudizio su Svanberg.
"Io credo che giocare con la Juve determini la consapevolezza di soffrire in determinate zone e circostanze. Bisogna fare delle scelte per togliere fonti di gioco alla Juve, tolte una serie di rotazioni che la Juve era in grado di fare bene nella zona di centrocampo con i suoi centrocampisti, che ci hanno creato alcuni problemi, siamo stati abbastanza compatti, stretti e abbiamo gestito bene quei movimenti esca che la Juve cercava di fare per aprirci. Nella seconda parte di gara ci sono stati 15-20 minuti in cui abbiamo perso le distanze, ma penso ci stesse concedere alla Juve quella fase. Poi abbiamo provato a riprenderla, fatto alcuni innesti, abbiamo terminato con 5 giocatori offensivi in campo. Talvolta ci siamo un po' allungati per eccessiva voglia, ma quando la Juve inizia a fare una serie di movimenti offensivi, vanno tenute in considerazione le loro qualità. Svanberg nel primo tempo, lo dicevo anche con il mister, è stato un po' timido. Ci siamo resi conto che riuscendo a passare in uscita dal pressing con i centrocampisti potevamo beneficiarne. Volevamo fosse più nel vivo, ma in una partita difficile, era la seconda presenza quest'anno, ha messo un ulteriore tassello di maturità".

E' un anno stranissimo, cosa si dice a una squadra così giovane dopo una gara così positiva ma torna a casa senza punti?
"Stiamo portando avanti una linea ben dritta, fatta di principi di gioco e morali. Siamo sempre attenti e concentrati su quello, sapevamo che ci sarebbe stata oggi la necessità di avere leggerezza. Dobbiamo anche essere coerenti sul lavoro, riconoscendo gli errori e valorizzando le cose buone".

Avete parlato con Mihajlovic di una chiacchierata con Ibrahimovic?
"Non so nulla. Il mister in questo momento sta ricevendo tante chiamate, però non so nulla di più".

Si sta creando lo stesso ambiente buono del finale della scorsa stagione?
"Noi dobbiamo fare una buona analisi su quello che stiamo facendo tenendo una linea dritta. Abbiamo un gruppo coinvolto che è venuta qua a giocarsi la gara con grande soddisfazione".

Finisce la conferenza stampa

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Juventus

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Juventus
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510