HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » juventus » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

Radio Bianconera

FOCUS TMW - Atalanta, più 50 in 3 anni. Ibra non sarebbe troppo caro

20.11.2019 11:45 di Andrea Losapio    articolo letto 15334 volte
FOCUS TMW - Atalanta, più 50 in 3 anni. Ibra non sarebbe troppo caro
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Doveva essere fatturato record nel 2018, lo è stato, seppur in lieve miglioramento rispetto al 2017: 155 milioni di euro, più 8 rispetto al precedente. Invece quello che si chiuderà il 31 dicembre 2019 - l’Atalanta lo chiude con l’anno solare, a differenza di molti altri club di A - sarà ai limiti del fantascientifico. Probabilmente intorno ai 200. Perché a febbraio 2019 è stata utilizzata l’opzione di riscatto da parte del Milan per Franck Kessie, poi la SPAL ha fatto lo stesso per Andrea Petagna (dopo la salvezza) e la Roma con Bryan Cristante. Insomma, 50 milioni di euro solo da questi tre calciatori: ecco perché l’idea di dare “solamente” in prestito Mancini, con l’obbligo fra un anno. Anche per mettere a posto già il prossimo bilancio.

I DIRITTI TELEVISIVI - L’Atalanta è sempre stata dipendente dai diritti televisivi, che negli anni hanno sforato sempre il 60% del fatturato netto, cioè senza il calciomercato. Il valore netto della produzione 2018 si assesta a 84 milioni di euro, di cui 53 arrivano dalle tv. Inutile dire che con il terzo posto - e la Champions League - ci sarà un ulteriore salto di qualità nei ricavi e, per una volta, l’Atalanta potrebbe andare sotto il 50% grazie al market pool della qualificazione alla maggiore coppa europea.

I COSTI - Sono cresciuti del 14%, arrivando ai 120 milioni di euro. Intorno ai 45 milioni per gli ingaggi - compresi i bonus, inferiori al 2017 - del personale tesserato, 4 per gli altri. Una gestione bilanciata che ha dovuto anche pagare l’acquisto dello stadio (divenuto di proprietà nel 2017, ma con un rientro dal prestito nel 2018) e che si può definire virtuosa, perché gli stipendi galleggiano intorno al 60% del fatturato netto. Discreti i pagamenti ai procuratori, 3,2 milioni di euro, una cifra interessante considerando che gli sforzi sono andati a titolo definitivo su Reca, Carraro e Bettella, Gollini è stato riscattato e poi sono arrivati in prestito Zapata, Pasalic e Rigoni.

IBRA? NON SAREBBE TROPPO CARO - Nei giorni scorsi Antonio Percassi ha spiegato come sarebbe troppo oneroso acquistare Zlatan Ibrahimovic. Gli ultimi anni dimostrano che non è vero, perché l’Atalanta segna un maestoso +50 dal 2016 in poi, cifra che sicuramente salirà dopo le operazioni estive. Al netto delle imposte, anzi, il valore salirebbe ancora a 80. Certo, c’è la costruzione della curva che avrà drenato i milioni ricevuti dalla UEFA per la qualificazione Champions e dagli altri club di A per i riscatti vari, ma non è difficile capire che Ibra potrebbe finire sull’ottovolante di Gasperini, se i Percassi volessero. Ma i risultati, finora, sono dalla loro parte e la filosofia non cambierà.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Juventus

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Juventus
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510