HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » juvestabia » Serie B
Cerca
Sondaggio TMW
Serie A, le panchine iniziano a scottare: chi subirà il primo esonero?
  Gian Piero Gasperini (Atalanta)
  Sinisa Mihajlovic (Bologna)
  Eugenio Corini (Brescia)
  Rolando Maran (Cagliari)
  Vincenzo Montella (Fiorentina)
  Aurelio Andreazzoli (Genoa)
  Ivan Juric (Hellas Verona)
  Antonio Conte (Inter)
  Maurizio Sarri (Juventus)
  Simone Inzaghi (Lazio)
  Fabio Liverani (Lecce)
  Marco Giampaolo (Milan)
  Carlo Ancelotti (Napoli)
  Roberto D'Aversa (Parma)
  Paulo Fonseca (Roma)
  Eusebio Di Francesco (Sampdoria)
  Roberto De Zerbi (Sassuolo)
  Leonardo Semplici (SPAL)
  Walter Mazzarri (Torino)
  Igor Tudor (Udinese)

Il divo degli antidivi: l'Ascoli coccola Padoin in attesa del debutto

11.09.2019 11:57 di Claudia Marrone    articolo letto 7583 volte
Il divo degli antidivi: l'Ascoli coccola Padoin in attesa del debutto
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Un mercato, quello tra B e C, che, quest’anno più che mai, è stato costellato dai grandi nomi che, alle volte un po’ a sorpresa, hanno sposato progetti in categorie dove mancavano da tempo o dove addirittura non avevano mai militato.
Tra questi, seppur magari meno di grido di Maxi Lopez, Cerci o Denis, c’è stato Simone Padoin, tesserato dall’Ascoli: il divo degli antidivi.

Di quattro in quattro (o quasi) - Un calciatore atipico, visivamente e non, per lo standard che oggi, troppo spesso, si attribuisce e ha chi calca un rettangolo verde. Non un giramondo come tanti, ma uno che, ai club, si è legato per molto tempo. Quattro stagioni al Vicenza in B, poi il ritorno all’Atalanta dopo il settore giovanile, e il passaggio alla Juventus dopo 4 stagioni e mezzo in Lombardia. Stessa durata del matrimonio con Vecchia Signora, mentre sono tre gli anni al Cagliari. Con l’allora “Juventus Stadium” che, al momento di Juventus-Cagliari del 22 settembre 2016, gli tributò un grande applauso. Meritato, dopo che, nella lettera di addio, ringraziò i tifosi che “mi hanno apprezzato nonostante le mie qualità mediocri per il livello Juventus”.

Il personaggio – Impossibile non amarlo. Al netto delle doti tecniche (non si sta in A per una carriera casualmente!) mai una parola fuori posto, un gesto inconsulto, un atteggiamento deplorevole: Il Pado, come spesso viene chiamato, è sempre stato un concentrato di semplicità, educazione e professionalità, uno di quelli da mostrare nelle scuole calcio. E, forse proprio per questo mix, è salito alla ribalta. Complici anche Gli Autogol, il trio comico nato sul web e sbarcato poi in tv, Padoin si è ritagliato anche uno spazio goliardico, dal quale, con il suo essere un “ragazzo della porta accanto”, non si è mai sottratto: Il Talismano è stato ribattezzato, dove è lui si vince. Memorabile la parodia di “Federico Buffa racconta” nella quale viene narrata la (irreale) storia del giocatore.

Dai grandi successi al ritorno in Serie B – Dopo la vittoria del campionato Cadetto con l’Atalanta, nella stagione 2010-2011, il centrocampista con la Juventus ha messo in bacheca 5 scudetti, 2 Coppa Italia e 3 Supercoppa. Poi la voglia di tornare a giocare anche qualche minuto in più, ma senza polemica, e il passaggio al Cagliari, che non ha però rinnovato il suo contratto. Spunta quindi l’Ascoli, dopo 10 anni la Serie B, che alla fine Padoin ha giocato solo a inizio carriera, se si esclude quella parentesi della Dea: ma quando non manca l’umiltà di mettersi in discussione, tutto è possibile.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Juvestabia

Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510