HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
L'Angolo di Calcio2000

Ancelotti prendi Ibra... Champions pigliatutto! Lautaro-Icardi, bel problema!

28.11.2018 06:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 10446 volte

La finestra di mercato invernale è alle porte. Tra qualche settimana, tutti i club proveranno a migliorarsi. Diversi i nomi che circolano, uno su tutti: Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese, classe 1981, sta aspettando la chiamata giusta per tornare protagonista in Europa, in particolare nell’amata Italia. La destinazione più probabile pare quella rossonera. La sua solo presenza dovrebbe aiutare il Milan a cavarsela nei momenti di difficoltà. Eppure, c’è una seconda opzione. Siamo sicuri che il Milan sia la squadra giusta per Ibra? Indubbiamente ci sono tutte le condizioni per un soddisfacente matrimonio, a patto che Re Zlatan accetti di essere una riserva di lusso. Prima c’è Higuain, poi ci sono lui e Cutrone (il baby bomber non può e non deve essere messo in disparte). E, quindi, mi chiedo? Ma perché non provare a bussare alla porta di Ancelotti? Immaginate Re Zlatan a Napoli. Con Milik che viaggia ad intermittenza, uno come Ibrahimovic potrebbe davvero incendiare la piazza partenopea e, soprattutto, offrire a Carletto un’opzione importante in attacco. Vero, il patron De Laurentiis difficilmente punta su giocatori con un’età avanzata, sportivamente parlando ma, re Zlatan potrebbe essere la classica eccezione che conferma la regola. Ibra, a Napoli, potrebbe anche conquistarsi una maglia da titolare. Ancelotti è un maestro a coccolare i campioni e Ibra resta un campione, nonostante l’età. Chissà, magari il futuro di Ibrahimovic non è già tutto scritto. Si può venire meno ad un patto con il Diavolo? Se ti chiami Zlatan Ibrahimovic puoi fare tutto quello che vuoi…
Facciamo un salto in casa Inter. Alzi ma la mano chi non pensa che Lautaro Martinez sia destinato a diventare un campione… Immagino che in pochi alzereste la mano. Il Toro ha la stoffa per brillare con la casacca nerazzurra. E qui sorge un “bel problema”. Lautaro Martinez e Icardi possono giocare insieme? Certo, il Toro alle spalle di Maurito con cambio di modulo… Bello ma ritengo che non sarebbe la soluzione più congeniale per esaltare le qualità dell’ex Racing. Lautaro è un animale che va lasciato libero di scorrazzare dove meglio gli aggrada. Adora frequentare l’aria di rigore, proprio come Icardi. A mio personale avviso, sono due punte vere, di quelle che fanno il lavoro del centravanti… Lautaro può adattarsi ad altro (trequartista o seconda punta) ma, ne sono certo, rende al meglio da attaccante puro, senza nessuno che gli dia fastidio attorno. Esattamente come Icardi. Auguri a Spalletti. Trovare un modo per non lasciare troppo il Toro in panchina sarà un “bel problema”…
E andiamo alla Champions League. Quando hai 44 anni (come il sottoscritto) e ricordi la Coppa dei Campioni ad eliminazione diretta, fai fatica ad accettare le novità, soprattutto in ambito calcistico. Ultimamente il calcio si è evoluto e trasformato in maniera sorprendente. Inutile alzare le barricate e farsi prendere dalla nostalgia. Nulla resta immutato per sempre. Attendiamoci di vedere, nel week-end, partite di Champions League. Avverrà, è inevitabile. Al sabato e alla domenica, giocheranno quelli che fanno la Champions, con tutti gli altri a guardare o a giocare tra l’indifferenza assoluta. Sarà l’ennesimo cambio epocale, la conferma che la Champions League è il torneo pigliatutto. I soldi, quelli veri, passano dalla Champions League. Tutto il resto conta come la madre di Hiroshi nel cartoon Jeeg Robot, ossia nulla! Il calcio è sempre più un gioco che appassiona i potenti e muove masse a livello globale. La Champions League vuole la maggior esposizione mediatica possibile, se la sta comprando a suon di milioni di euro. Le barricate non servono a nulla…
Per chiudere, un pensiero al PSG. Il ricchissimo club francese rischia grosso. La Parco dei Principi arriva il Liverpool di Klopp. I parigini sono obbligati al successo per non salutare la Champions League (soprattutto se il Napoli farà il suo dovere contro la Stella Rossa). La mia stima per Buffon è infinita ma spero in un colpaccio dei Reds. Neymar e Mbappé ci saranno, faranno di tutto per dimostrare di essere il presente e il futuro del calcio che conta… Ma io sto con Klopp. Un risultato positivo dei Reds in terra francese? Perché no? Betpoint.it quota l'X2 è dato a 1.65. Chissà, magari le marcature le apre Salah (primo marcatore quotato a 6.25). Sarei curioso di vedere la faccia di Neymar in caso di eliminazione dalla Champions, voi no?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie L'Angolo di Calcio2000

Primo piano

TMW - Genoa, da Guidolin a Thiago Motta: le ultime sulla panchina Enrico Preziosi ha deciso di esonerare Aurelio Andreazzoli. Il ventaglio di nomi è ampio, ma il presidente del Grifone sembra orientato ad indirizzarsi su Francesco Guidolin come prima opzione. L’allenatore di Castelfranco Veneto ha voglia di rientrare e il Genoa dopo il no di Gattuso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510