HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2019/2020?
  Liverpool
  Paris Saint-Germain
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Tottenham
  Manchester City
  Juventus
  Atletico Madrid
  Napoli
  Borussia Dortmund
  Barcellona
  Inter
  Chelsea
  Ajax

La Giovane Italia
L'Angolo di Calcio2000

Prezzi folli? Impossibile tornare indietro… Icardi, la decisione è obbligatoria! Napoli? Forzaaaaa…

31.07.2019 06:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 21829 volte

Qualcuno (Rummenigge, vecchia conoscenza del calcio italiano) ha alzato la voce, evidenziando come il calcio stia lievitando, in maniera eccessiva e incontrollata, a livello di stipendi e costo cartellini. Troppi milioni in ballo. Quotazioni esagerate che, secondo l’ex Inter, rischiano di far saltare il banco. Una preoccupazione condivisa da tanti tifosi e non solo… Il giocattolo è sempre più costoso e, per arrivare al top, i club sono disposti a tutto, anche ad indebitarsi fino al collo. Chiaramente il discorso non fa una piega ma, onestamente, non credo ci sia modo di tornare indietro. Negli States, esiste il Salary Cap. Un sistema di controllo delle risorse di ogni singola franchigia. Nessuno può spendere senza limiti, ci sono regole da rispettare. Se non lo fai, devi pagare la Luxury Tax… Bello, corretto, giusto ma impraticabile da noi. Nell’NBA può vincere chiunque (dimostra il “colpaccio” dei Raptors), nel calcio europeo deve vincere chi ha più seguito e prestigio. Il Leicester è stato una bellissima favola, di quelle che accadono una volta ogni 30 anni… In Italia è ancora più difficile pensare ad un potenziale Leicester… Vince chi spende tanto o chi spende bene ma, alla fine, i soldi contano parecchio… Anche un grande allenatore come Conte ha spiegato, molto bene, come gli obiettivi dipendano dal mercato. Se non compri i campioni, puoi arrivare fino ad un certo punto ma non puoi andare oltre. Triste? Forse… Sicuramente un ridimensionamento sarebbe utile. Il problema è che non è possibile invertire la rotta. Dove finiremo? Bella domanda. Due opzioni: o si continua a crescere come giro d’affari o si crolla, facendosi tanto male… Staremo a vedere!
Meglio pensare ad altro… Ad esempio non riesco a non soffermarmi su Mauro Icardi. I giorni passano, le esternazioni via social network della coppia non si placano ma, di novità sul fronte calcistico, non ne arrivano. Maurito si allena (da solo) e non parla con nessuno del suo futuro. E’ come se vivesse in un universo a parte. Come se tutto il fermento che gli ruota attorno non lo infastidisca. Certo, ha un contratto garantito per altri due anni ma rischia pure di passare una stagione (la prossima) a guardare gli altri giocare. Se lo può permettere? Assolutamente no ma il mio pensiero conta zero. La speranza è che arrivi questa benedetta decisione. Roma, Napoli, Juventus… poco importa. Sicuramente non giocherà più con la casacca nerazzurra ma forse il messaggio non è stato recepito nella maniera corretta dalla coppia che ama “parlare” via social network… Meno cinguettii, più concretezza. Icardi, PRENDI UNA DECISIONE!
Chiudo con il Napoli. In tanti hanno criticato De Laurentiis. Ogni obiettivo degli azzurri sfuma… Pépé ha scelto l’Arsenal, James Rodriguez sembra destinato a restare al Real Madrid. Napoli incapace sul mercato? Non scherziamo… Non è mai facile trattare con certi profili. Napoli è una piazza importantissima ma non ha il fascino che può avere la Juventus… E’ un dato di fatto, non un disonore. Meglio giocatori magari meno celebrati ma che capiscano il fascino della squadra partenopea. Saranno più utili. Il Napoli è fortissimo, chiedere a Klopp per conferma… Massima fiducia nei confronti del Napoli di Ancelotti, a prescindere se arriverà o meno il tanto agognato top player…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie L'Angolo di Calcio2000

Primo piano

Il punto sulla A femminile: bene Milan e Fiorentina. Juve a fatica, pari Inter Grande equilibrio nella prima giornata di campionato con una sola vittoria netta, e ben tre pareggi. Partono con il piede giusto le due principali contendenti al trono della Juventus, ovvero Milan e Fiorentina: le rossonere di Ganz espugnano il campo della Roma – regina del mercato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510