HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
L'avvocato del diavolo

Adesso basta, si tuteli il vivaio italiano. Quali catastrofi per imporre un numero di giocatori italiani in campo? FIGC, intervieni! Calcio alla deriva...

Claudio Pasqualin (Udine, 30 maggio 1944) è un procuratore sportivo e avvocato italiano del Foro di Vicenza, esperto di diritto sportivo. È stato vicepresidente dell'AIC, presidente di AssoProcuratori ed è attualmente presidente di AvvocatiCalcio.
17.10.2015 08:07 di Claudio Pasqualin   articolo letto 108438 volte
© foto di Federico De Luca

Il problema della tutela del nostro vivaio non può essere più trascurato. Continuare a non far nulla sul piano normativo per consentire ai nostri ragazzi di giocare al calcio anche per la speranza di emergere, è vergognoso e intollerabile.

Pare tuttavia che il fatto, per quanto odioso e intollerabile, però non costituisca reato penale. E quindi gli alti papaveri federali che di questo problema dei vivai dovrebbero appunto occuparsi, e non alle delle rogne più o meno personali, possono dormire sonni tranquilli.

La Magistratura non potrà contestar loro quella sorta di "omissione d'atti d'ufficio" che è invece davanti agli occhi di tutti in un calcio sempre più alla deriva e trascinato nel baratro da un numero sempre più imponente di stranieri, spesso dalle dubbie capacità.

Sarà perché ho ancora negli occhi la prova, tutt'altro che esaltante sul piano tecnico, della nostra Under 21 contro l'Irlanda del Nord a Vicenza, ma credo che occorra una sorta di sveglia ai nostri dirigenti perché non continuino a dormire sul problema dei problemi. Il nostro calcio non appassiona più per l'eccesso di manovalanza straniera. I tifosi, fortemente connotati dal senso di appartenenza, non provano alcun trasporto per tutti quei nomi esotici e spesso impronunciabili.

Ma cosa ci vuole, quali ulteriori catastrofi dobbiamo attenderci, per varare una norma che imponga un certo numero di giocatori italiani in campo?

Alla follia dei presidenti (che per i malpensanti è spesso abile tornaconto) bisogna, d'imperio, porre immediato rimedio.

La Federcalcio quindi dica: tu Presidente puoi prendere anche venti stranieri, ma però sappi che in campo devi mandare almeno sette italiani.

Va benissimo poi che invece di sette siano sei o otto. Ma è il concetto che deve imporsi: il calcio italiano non può esser giocato da soli stranieri. E nell'assoluta ignavia federale, passo dopo passo, questa è la deriva.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

LIVE TMW - Elezioni FIGC, è il giorno di Gravina nuovo Presidente 09.29 - PARLA FABBRICINI "Sarebbe un bel segnale se Gravina passasse alla prima votazione". A dirlo è Roberto Fabbricini, presidente uscente della FIGC, su Gabriele Gravina come prossimo numero uno della Federazione. "Cosa non rifarei? Forse la B a 19, per le polemiche che ha scaturito" 09.18...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy