HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
L'avvocato del diavolo

Il calciomercato negli hotel è morto, calcio e turismo...nasca la B.I.C: ecco la nuova idea

01.03.2016 08:18 di Claudio Pasqualin   articolo letto 55503 volte
© foto di Federico De Luca

Il Calciomercato e' morto. Viva il Calciomercato! Inteso com'è oggi il mercato calcistico dell'albergo milanese non ha proprio senso alcuno.L'ultima edizione di gennaio,triste e grigia,ha lasciato amare sensazioni di inutilità e inadeguatezza ai tempi che scorrono rapidi e veloci. Tempi ormai definitivamente dettati dalla globalizzazione informatica.Pensare al calciomercato come un semplice luogo d'incontro e' ormai anacronistico. Sono solo le televisioni più che la carta stampata ed i media in generale ad aver interesse a tener vivo un'ormai patetico baraccone sul quale incentrano trasmissioni su trasmissioni,dirette su dirette,coinvolgendo le pochissime società presenti e i cosiddetti "operatori" di passaggio che magari vanno lì solo per vanitose passarelle.Si può dunque parlare di una sorta di "doping televisivo" magnificamente orchestrato da bravissimi professionisti dell'informazione sportiva che reggono le loro apprezzabili trasmissioni sul nulla offerto dai box squallidamente vuoti.Il tutto in uno scenario ormai surreale. Per mantenere questa realtà tutta italiana,partita negli anni sessanta con il mito del principe Lanza di Trabia che faceva i primi affari del calcio immerso nella vasca da bagno della suite più lussuosa dell'Hotel Gallia,occorre riempirla di contenuti nuovi,imporle tempi diversi e locations più adeguate.L'organizzazione dell'ultima edizione è stata di Infront con la collaborazione dell'Adise. Entrambe reduci da un clamoroso flop estivo con una sbagliatissima "due giorni" nella pur splendida Taormina (in piena stagione turistica !)orchestrata in collaborazione con sedicenti "esperti in comunicazione " in un contesto assai opaco per costi e ritorni relativi.Un evento così importante dal punto di vista mediatico meriterebbe una maggiore trasparenza e ben diverse capacità operative. Muove "masse" tali da farlo intravedere come un prodotto anche turisticamente appetibile ma l'assurda tempistica della due giorni siciliana ha smorzato ogni entusiasmo al riguardo . 
E a proposito di turismo una mia recente alla Borsa Italiana del Turismo(B.I.T.) mi ha fatto immaginare che qualcosa di simile potrebbe esser organizzato anche per il calcio. Ecco: la Borsa Italiana del Calcio (B.I.C.). Un grande spazio che,in tempi però più ristretti di quelli oggi previsti,celebri un grande momento di promozione dello spettacolo calcistico. Una manifestazione che,col coinvolgimento del marketing attiri l'attenzione di non solo dei media ma di tutte le realtà economiche e finanziarie. Una kermesse che vada oltre le semplici(e sempre più rare) trattative e che sua animata da dibattiti,conferenze e convegni in materia giuridica e medica,organizzativa e fiscale. Un momento che rivestirebbe anche un grande significato culturale. Uno spazio( come potrebbe essere quello della vecchia Fiera Campionaria nel centro di Milano)dove ai club dovrebbe esser imposto l'obbligo della presenza. I quei giorni(pochi,molti di meno dell'inutile e interminabile mese ora previsto) sia la Federazione che le Leghe( quella di Serie A in particolare) dovrebbero tenere proprio lì,alla B.I.T.,una loro riunione plenaria proprio per rafforzare l'immagine del calcio che va incontro alla gente. Si,perché la Borsa Italiana del Calcio potrebbe anche essere aperta al pubblico in determinati orari o in determinate giornate con il calcio che così si fa uno spot promopubblicitario utile soprattutto in termini di marketing,meglio se di un marketing rivisitato e davvero "ufficiale" com'è uso da sempre in Inghilterra. Potrebbe essere un modo per ridare freschezza e smalto a un'istituzione tutta italiana che appare sicuramente affaticata dalla crisi economica e dalle mutate abitudini indotte dall'evoluzione tecnologica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

Un talento al giorno, Bukayo Saka: il più giovane di tutta l'Europa... League Il più giovane giocatore dell'Europa League 2018/19 si chiama Bukayo Saka ed è un attaccante esterno dell'Arsenal: di origine nigeriana ma inglese di Londra, ha debuttato contro il Vorskla Poltava a 17 anni e due mesi, dimostrando subito qualità di un certo tipo. Mancino naturale,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->