HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
L'avvocato del diavolo

Italia, prendi esempio dalla Russia: spazio alle limitazioni. Numeri della Nazionale: dai sessantasei su cento di Lippi ai trentatré di Conte. E la Lega Pro resta l'inferno dei dannati...

21.07.2015 06:30 di Claudio Pasqualin   articolo letto 104614 volte
Fonte: (Testo raccolto da Alessio Alaimo)
© foto di Federico De Luca

La Russia impone che in campo, nel suo campionato, vadano non più di sei stranieri per squadra. Questo vuol dire che è possibile porre delle limitazioni. Una decisione d'intesa con il Ministro dello Sport, secondo il quale la modifica contribuirà a valorizzare i talenti nazionali. Questa decisione sfata il falso mito che in Italia non si può per via della Comunità Europea. Intanto facciamolo, poi vediamo le reazioni.
Da noi si cura il moribondo con l'Aspirina, quindi ad un certo punto notiamo che tutto sta andando veramente a rotoli. Al punto che la copertina dell'autorevole Il Calciatore, organo ufficiale dell'AIC, è tutta nera, listata a lutto e si parla di anno zero del nostro calcio.

Quando Lippi vinse il Mondiale e anche dopo, poteva scegliere su cento giocatori almeno sessantasei italiani. Oggi le statistiche dicono che Conte su cento ne può scegliere trentatré. In questo mercato continuiamo a leggere di movimenti di giocatori stranieri improbabili. Ci sono sopravvalutazioni incredibili. Questo andazzo mette in evidenza l'inefficienza della struttura federale. Se non sapessi che è tecnicamente difficile, auspicherei un commissario immediatamente. Giusto per prendere subito delle decisioni.
Andrebbe ridotto il numero delle squadre e soprattutto andrebbero chiamate con il loro nome i rispettivi campionati. Macché Lega Pro, il suo nome è Serie C ed è l'inferno dei dannati, dove sopravvivere è veramente difficile.
La Federazione Russa non è mica l'ultima arrivata, se ha preso una decisione come quella di schierare cinque russi in campo e avere non più di sei stranieri per squadra, vuol dire che ci sono le condizioni per poterlo fare. Chi s'è detto contrario a questa cosa è Villas Boas, ma io sono d'accordo con il Ministro dello Sport: è una modifica che serve a valorizzare i talenti nazionali. Si faccia anche in Italia, perché all'esterofilia provocata da inconfessabili motivi extratecnici dei nostri presidenti occorre porre rimedio con delle decisioni di imperio da parte di chi organizza il nostro calcio. Ma questo, ahimé, non avviene...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Un talento al giorno, Jerdy Schouten: nuova stellina orange L'Olanda, da sempre, è una fucina di talenti. L'ultimo nome finito sui taccuini degli scout europei è quello di Jerdy Schouten, centrocampista classe '97 di proprietà dell'Excelsior. Cresciuto nelle giovanili dell'ADO Den Haag, ha fatto il suo esordio in Eredivisie nella stagione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->