HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
L'avvocato del diavolo

Platini detronizzato vuol riprendersi il potere... Mondiali in Russia e Qatar, sedici arresti su ventiquattro...

09.12.2015 16:38 di Claudio Pasqualin   articolo letto 37197 volte
© foto di Federico De Luca

Le roi Michel merita rispetto. Per la verità, più come ex grande campione che come dirigente.

Detronizzato con disonore dalla FIFA ora cerca faticosamente di reimpadronirsi del potere anche a costo di apparire un po' patetico.

Calare l'asso di un discutibile documento redatto 17 anni fa, diconsi diciassette, dalla UEFA per giustificare il pagamento di quasi due milioni fattogli da Blatter, e contestatogli come mazzetta, non mi sembra una mossa vincente.

Il fatto che roi Michel abbia chiesto (domandare è lecito, rispondere è cortesia) nell'anno domini 1998 un certo salario (un milione di franchi svizzeri) per "favorire l'elezione di Blatter" non credo possa assurgere a dignità di prova, come invece assumono i suoi avvocati, circa l'innocenza del francese. Platini dovrebbe inoltre spiegare un particolare non proprio trascurabile e cioè come una consulenza alla FIFA dovrebbe riguardare la UEFA. E poi, a parte la nobiltà della causa (e quella di favorire Blatter, sia pur a posteriori, proprio nobile non sembra) come si può giustificare, rispetto alla "richiesta" (non una delibera!) del 1998 il bonifico effettuato nel 2011?

La Pubblica Amministrazione della Repubblica Italiana, che proprio sollecita a pagare i suoi debiti pare non sia, aspetta dal Tribunale Arbitrale dello Sport l'eventuale risposta favorevole a Platini, per poi farne buon uso.

Credo resti comunque molto consistente salvo ulteriori "coupes de theatre" il rischio per Platini, come per Blatter, di una squalifica a vita cioè di una sanzione che va oltre quella della sospensione di 90 giorni (una sorta di squalifica preventiva) inflittagli dal Comitato Etico UEFA con l'accusa di corruzione.

L'ex juventino sarà giudicato questa settimana, assieme a Blatter ed è chiaro che una assoluzione rilancerebbe la sua candidatura alla presidenza della FIFA. Lo stesso Blatter peraltro non si rassegna e sottolinea di essere "un presidente sospeso ma non isolato".

La sua FIFA, a suo parere, dovrebbe, pur tra arresti e sospensioni, continuare a progettare il futuro.

Parere un po' difforme da quello degli inquirenti americani che hanno come obiettivo di rivoltare come un calzino la FIFA stessa, considerata alla stregua di una organizzazione criminale. Basti il dato del Comitato Esecutivo FIFA che assegnò i mondiali in Qatar e Russia: sono stati arrestati 16 membri su 24.

Gc Varsavia (Polonia) 28/06/2012 - Euro 2012 / Germania-Italia / nella foto: Joseph Blatter-Michel Platini © foto di Giuseppe Celeste/Image Sport


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

L'estate della Roma: chi tra i volti nuovi è all'altezza degli ex titolari? Sei partite e un allenatore già sulla graticola. Lo stesso che meno di cinque mesi fa portò la squadra a un passo dalla finale di Champions League ha, adesso, le partite contate. E' la parabola di qualsiasi allenatore, è anche quella di Eusebio Di Francesco. Il passato, anche quello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy