HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » lazio » Altre Notizie
Cerca
Sondaggio TMW
Qual è il colpo dell'estate 2019?
  Luis Muriel all'Atalanta
  Gary Medel al Bologna
  Mario Balotelli al Brescia
  Radja Nainggolan al Cagliari
  Franck Ribery alla Fiorentina
  Lasse Schone al Genoa
  Mariusz Stepinski all'Hellas Verona
  Romelu Lukaku all'Inter
  Alexis Sanchez all'Inter
  Matthijs De Ligt alla Juventus
  Aaron Ramsey alla Juventus
  Manuel Lazzari alla Lazio
  El Khouma Babacar al Lecce
  Ante Rebic al Milan
  Hirving Lozano al Napoli
  Matteo Darmian al Parma
  Henrikh Mkhitaryan alla Roma
  Emiliano Rigoni alla Sampdoria
  Francesco Caputo al Sassuolo
  Federico Di Francesco alla SPAL
  Simone Verdi al Torino
  Ilija Nestorovski all'Udinese

Ultrà ucciso a Roma: saluti romani al funerale di Diabolik

Al Divino Amore, sulla bara la scritta "Irriducibili"
21.08.2019 21:56 di Redazione TMW    articolo letto 13773 volte
Fonte: ANSA.IT
Ultrà ucciso a Roma: saluti romani al funerale di Diabolik
© foto di Alessandro Pizzuti
(ANSA) - ROMA, 21 AGO - cori di incitamento e anche qualche saluto romano al Santuario del Divino Amore a Roma per i funerali di Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, l'ultrà della Lazio ucciso con un colpo alla testa al parco degli Acquedotti giorni fa.

Ad attendere l'ex capo degli 'Irriducibili' anche una enorme bandiera con la scritta 'Diablo' e gli occhi del personaggio dei fumetti da cui l'ultrà ha preso il soprannome. Un'immagine riprodotta anche su parecchie magliette indossate da alcune delle centinaia di persone che sono adesso sul piazzale di fronte al santuario, il cui accesso è stato consentito solo a 100 persone per il funerale in forma privata.
Sono circa 300 gli agenti delle forze dell'ordine in campo. Il corteo funebre è partito dal policlinico di Tor Vergata, scortato dalle forze dell'ordine.

La maggior parte dei tifosi accorsi al santuario, rimasta fuori, ha salutato con applausi fragorosi, a più riprese, quelli che uscivano dal Santuario. Un gruppo è uscito dalla cerimonia con lo striscione degli Irriducibili: da questo gruppo sono partiti insulti nei confronti dei giornalisti, confinati all'interno di un recinto, a un centinaio di metri di distanza dal piazzale dove adesso si sono assiepati sia gli 'interni' che gli 'esterni' divisi da una lunga transenna che divide in due il piazzale, di qua gli uni e di là gli altri. Dal gruppo attorno allo striscione degli Irriducibili sono partiti alcuni saluti romani, rivolti ostentatamente alle telecamere, e anche un sarcastico pugno chiuso.

Pochi minuti prima un uomo, avvicinandosi al recinto, aveva dato ripetutamente degli 'sciacalli' alla stampa, insieme ad altri insulti. All'avvicinarsi delle squadre di polizia, scese dai blindati, la folla ha gridato a più riprese 'rispetto rispetto'. Ora, di fronte alla transenna che divide gli interni' dagli 'esterni' sono stati posti due supporti bianchi, forse in attesa di appoggiarvi il feretro. 'Fabrizio, Fabrizio' e 'C'è solo un capitano' scandiscono i tifosi sotto il sole. Un momento di tensione all'avvicinarsi di un reparto della polizia al piazzale dove sono assiepati i partecipanti alla cerimonia funebre. Una donna in particolare, alla vista degli agenti, si è avvicinata urlando contro di loro, frasi tipo che ci siete venuti a fare.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Lazio

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Lazio
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510