Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw / lazio / Serie A
TMW RADIO - Calcagno (AIC): "Protocollo da seguire, sperando che il caso Genoa sia isolato"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 07 ottobre 2020 19:32Serie A
di Dimitri Conti
tmwradio

Calcagno (AIC): "Protocollo da seguire, sperando che il caso Genoa sia isolato"

Umberto Calcagno, vicepresidente AIC, si è collegato in diretta con TMW Radio, intervenendo nel corso della trasmissione Stadio Aperto, condotta da Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini. Le sue riflessioni iniziano dal caso Trapani e dalla Serie C: "Una situazione difficile da spiegare, che ha a che fare in parte con il Coronavirus. L'emergenza ci ha costretti, anche se con il nostro voto contrario, ad accettare una serie di norme. Il Trapani, non soltanto, è anche figlio di una situazione in cui, per aiutare chi investe nel calcio correttamente, ha finito per avvantaggiare chi non ne avrebbe avuto diritto, come nel caso della società trapanese. Passata questa fase, che speriamo si concluda a fine campionato, si dovranno migliorare le norme".

Ci sono troppi avventurieri nel calcio?
"Non ci sono controlli federali che permetteranno anche in futuro ad investitori di entrare nel calcio, o si rischia che anche chi non è avventuriero stacchi la spina. Abbiamo avuto un momento di grande difficoltà: gli imprevisti ci saranno sempre, ma era una situazione di emergenza. I nuovi ragionamenti sulle fidejussioni da due anni a questa parte hanno ripulito molto il sistema, dobbiamo insistere. La normativa sportiva può arrivare fino a un certo punto in fase di acquisizione, ma può e deve controllare in sede di iscrizione al campionato".

La questione liste lascerà altri strascichi?
"Speriamo di no. L'idea di fondo che la Lega Pro debba avere una politica mirata alla valorizzazione dei giovani non è in dubbio, così come il dovere di ragionare su una nuova sostenibilità. Poste queste due cose, secondo noi l'errore è mischiarle: non si può risolvere la questione della sostenibilità coi giovani. Se obblighiamo via norme all'utilizzo di giovani in campo, abbassiamo talmente tanto il livello del campionato che il livello diventa sbagliato. Dobbiamo ridistribuire meglio le risorse nel sistema, e non forzare l'utilizzo di giovani, creando delusioni in chi, senza certe norme, non avrebbe mai giocato da professionista".

C'è da ripensare qualcosa sul protocollo?
"Oggi è davvero l'unica modalità per proseguire con la stagione nella tutela della salute del gruppo-squadra. Oggi, ancora più che alla ripresa dopo il lockdown, bisogna stare più attenti ai comportamenti singoli e a tutti i contatti di vario tipo che possono avvenire. Ci deve essere una rigida applicazione del protocollo, seppure si sappia che ciò che diciamo oggi tra una settimana non accada. Il caso Genoa speriamo che sia un caso isolato e non la regola".

L'emendamento Nannicini toglie ostacoli al professionismo per le donne.
"Un passaggio fondamentale. Anche il Ministro Spadafora ha capito il contesto e la necessità di avere provvedimenti a sostegno della delibera federale che porterà al professionismo. Dobbiamo però applicare lo stesso ragionamento della Lega Pro: non solo quelle grandi realtà, che sarebbero già pronte, ma anche quelle più piccole, nel settore da tanti anni, che meritano di essere accompagnate. Il passaggio intermedio potrebbe essere l'anno prossimo, così da iniziare a ragionare da professionisti".

Lei ha portato il Sassuolo come esempio virtuoso per la Nazionale. Conferma?
"I problemi sono a tanti livelli. Il dato del 60% di stranieri non può essere solo figlio della globalizzazione o della sentenza Bosman, ma perché anche le società avranno convenuto che è più conveniente, o pure perché non sappiamo più formare i giovani come un tempo. Dobbiamo porci il problema, perché quando la nostra nazionale U21 incontra quelle di Spagna o Germania, hanno minutaggio triplo o quadruplo rispetto ai nostri. C'è bisogno di un programma federale di durata quinquennale, invece si ragiona troppo a compartimenti stagni, e questo non agevola la crescita dei nostri giovani calciatori".

Quali saranno le situazioni da monitorare, poco affrontate in queste settimane?
"Dovremo renderci conto, se parliamo di un nuovo contesto economico, anche di chi potrà fare calcio e chi no. Per le stesse ragioni che ci siamo detti a proposito del Trapani: dobbiamo vigilare sulla regolarità dei campionati e, come associazione, creare posti di lavoro che siano veri. Non dubito che saremo tutti d'accordo nel tornare a ragionare con le norme pre-Covid. Così capiremo quanti veramente possono permettersi di fare calcio a livello professionistico. Non dubito che si faccia questo ragionamento di responsabilità. Con la Cassa integrazione e il Fondo salvacalcio abbiamo cominciato a dare le nove settimane di stipendio che non avevano avuto. Si parla di una tantum, però: arrivati a una fase successiva, dovremo renderci conto della situazione".
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000